Gli scrittori della porta accanto - Non solo libri

Recensione: L'isola senza tempo, di Gianluca Mercadante

Recensione: L'isola senza tempo, di Gianluca Mercadante

Libri Recensione di Giulia Mastrantoni. L'isola senza tempo di Gianluca Mercadante (Las Vegas). Un romanzo introspettivo che aiuta a demistificare la morte, la perdita del passato e quella del futuro.

L’Isola Senza Tempo di Gianluca Mercadante è una storia che unisce inizio e fine e che aiuta a capire l’importanza della fantasia per convivere con la certezza della morte. È anche un racconto basato sul dolore, quel «diapason che accorda animi semplici, ridotti all’essenza» . Insomma, L’Isola Senza Tempo non si può definire una lettura facile né leggera, ma il modo in cui viene condivisa con il lettore è gentile, canzonatorio e ricco di introspezione.
Biagio e Marcello sono un figlio e un padre che devono salutarsi. Biagio è un uomo che si sta costruendo la felicità con Andrea, il suo compagno che, però, è sposato con una donna e ha persino una figlia, mentre Marcello è un corpo che va spegnendosi. Com’è naturale che sia, Marcello è orgoglioso di Biagio, quel figlio che è sempre di corsa e che ha cresciuto da solo, mettendocela tutta.

Quando Biagio va a trovare suo padre in casa di riposo, poco prima della partenza per le vacanze con Andrea, gli è ben chiaro che la memoria di Marcello sta rapidamente diminuendo.

La storia dell’asino, un grande classico nel repertorio di Marcello, rimane a metà, mentre Biagio si ripete quello che i medici gli hanno detto. Niente di personale, gli hanno spiegato, la malattia non guarda in faccia nessuno.
Proprio mentre è in procinto di partire per la vacanza in Sardegna con Andrea, un viaggio che hanno dovuto organizzare fin nei minimi dettagli per evitare di essere scoperti, Biagio viene chiamato da Angela, la operatrice socio-sanitaria che si prende cura di suo padre. Marcello non vivrà ancora per molto. Biagio, allora, lascia l’aeroporto e si reca da suo padre, dove cerca di dire e farsi dire tutto quello che non ci sarà più occasione di condividere.
È proprio a quel punto che Marcello suggerisce di andare insieme sull’Isola Senza Tempo, il luogo immaginario (ma neanche poi troppo) dove ha ambientato tante delle storie che raccontava a Biagio da bambino.

Gianluca Mercadante ha scritto un romanzo doloroso che lascia il lettore con la consapevolezza di quello che succederà sin dalla fine del primo capitolo.

È una storia che può e farà scorrere qualche lacrima in coloro che hanno perso qualcuno di amato.
Allo stesso tempo, però, L’Isola Senza Tempo aiuta a demistificare la morte, la perdita del passato e quella del futuro. In un certo senso, si tratta di un romanzo che dà forza a chi lo legge perché mostra tutto in una prospettiva più allegra, ma non meno reale.
Consiglio vivamente di leggere questa piccola perla e di assaporarne la scrittura scanzonata. Buona lettura.

L'isola senza tempo

di Gianluca Mercadante
Las Vegas
Narrativa
ISBN 978-8831260053
Ebook 5,99€ Cartaceo 14,25€

Sinossi 

Biagio dovrebbe partire per un viaggio con l'amato Andrea, un medico sposato e padre dalla doppia vita. All'aeroporto, però, riceve una chiamata dalla casa di cura in cui il padre Marcello è ricoverato per la demenza senile: è peggiorato ed è stato portato in ospedale. Biagio e Andrea decidono di risalire in macchina e tornare indietro. All'ospedale Marcello è stranamente lucido e in forma, al punto che propone a Biagio di fare un giro sull'Isola Senza Tempo, un luogo immaginario di cui gli raccontava sempre quando lui era piccolo. E i due sull'Isola ci vanno davvero. Che ci fa lì, Biagio, e che significato ha l'Isola? In una storia sospesa tra realtà e fantasia, il protagonista dovrà fare i conti con la propria esistenza e con i segreti che hanno tenuto insieme la sua famiglia, fino all'epilogo che stravolgerà le sue e le nostre certezze.


Giulia Mastrantoni
Ho collaborato per quattro anni all’inserto Scuola del Messaggero Veneto. Scrivo per il mash up online SugarPulp e per la rivista dell’Università di Trieste Sconfinare. Dopo aver trascorso un periodo in Inghilterra, ho iniziato un periodo di studi in Canada e ora vivo in Australia. Ma, dovunque sia, scrivo.
Misteri di una notte d’estate, ed. Montag.
One Little Girl – From Italy to Canada, eBook selfpublished.
Veronica è mia, Pensi Edizioni.
La forma del sole, Gli Scrittori della Porta Accanto.
Ti siamo davvero riconoscenti per il tempo che ci hai dedicato. Se sei stat* bene in nostra compagnia, che ne dici di farti un giro sul nostro blog? Potresti lasciarci un commento per farci sapere che ne pensi, iscriverti alla newsletter, per restare sempre aggiornat* sui nostri argomenti, o all'Associazione Gli Scrittori della Porta Accanto APS, per usufruire di promozioni e contenuti dedicati, oppure potresti offrirci un caffè per sostenere il nostro lavoro. Te ne saremmo davvero grat*. Il vostro feedback è davvero importante per noi.

About Davide Dotto

Il webmagazine degli scrittori indipendenti.
    Commenta con Blogger
    Commenta con Facebook
0 commenti

Posta un commento

Ti siamo davvero riconoscenti per il tempo che ci hai dedicato. Se sei stato bene in nostra compagnia, perché non ci lasci un commento? Grazie!

<< ARTICOLO SUCCESSIVO
Post più recente
ARTICOLO PRECEDENTE >>
Post più vecchio
Home page

Novità editoriali


Pubblicità