• Un modo lo trovo, Paola Napoleone
  • Mal di terra
  • Dai graffi del cuore nascono parole, di FraSté - Gli scrittori della porta accanto
  • Storie di mare a di orizzonti - Gli scrittori della porta accanto
  • Il tempo di un caffè, di Silvia Pattarini - Gli scrittori della porta accanto
  • Il mare e la nebbia di Rosa Santi
  • Sei mesi di prova
  • Petrolio bollente
  • Copertina del libro
  • La ricamatrice Maurizio Spano
  • Andrà tutto bene
  • Un errore di gioventù   Elena Genero Santoro
  • Telma - Claudia Gerini
  • Il buio d'Etiopa - Nicolò Maniscalco
  • Racconti, Gratis, Natale, Gli scrittori della porta accanto
  • La stanza numero cinque, Gli scrittori della porta accanto
  • Gli Scrittori della Porta Accanto Edizioni
  • Gli Scrittori della Porta Accanto Edizioni
  • Storie di una assistente turistica
  • Da zero a 69
  • Il tesoro dentro, Elena Genero Santoro - Gli scrittori della porta accanto
  • Ponti sommersi, di Tamara Marcelli
  • Sulle ali della fantasia di Ornella Nalon
  • Il sogno di Giulia, Claudia Gerini (Romance) - Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Mwende, Stefania Bergo (Memoir) - Gli scrittori della porta accanto
  • Il sogno dell'isola, Tamara Marcelli - Gli scrittori della porta accanto
  • Ponsacco-Los Angeles Sulle tracce di Bruce Springsteen, Valentina Gerini (Mainstream) - Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Volevo un marito nero, Valentina Gerini (Romance) - Gli scrittori della porta accanto
  • Con la mia valigia gialla, Stefania Bergo (Memoir) - Gli scrittori della porta accanto
  • La notte delle stelle cadenti, Valentina Gerini (Romance) - Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Perchè ne sono innamorata, Elena Genero Santoro, Gli scrittori della porta accanto
  • Chiaroscuro, Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • L'appetito vien leggendo - Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Anche la morte va in vacanza al lago
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Diventa realtà, Elena Genero Santoro, Gli scrittori della porta accanto
  • Immagina di aver sognato, Elena Genero Santoro, Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Di donne, di amori e di altre catastrofi (Romance ironico) - Andrea Pistoia, Gli scrittori della porta accanto
  • Grilli e Sangiovese
  • Il cielo d Inghilterra, Loriana Lucciarini - Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Lungo la via Francigena, di Angelo Gavagnin - Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Nucleo Operativo - Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Ovunque per te, Elena Genero Santoro, PubMe
  • Racconti di stelle al bar Zodiak
  • Ritrovarsi di Loriana Lucciarini - Gli Scrittori della Porta Accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Un angelo protettore
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Una felicità leggera leggera, Loriana Lucciarini - Gli scrittori della porta accanto

Stefania Napoli presenta: Sandplay. Il gioco della sabbia

Stefania Napoli presenta: Sandplay. Il gioco della sabbia

Presentazione Libri Intervista a cura di Silvia Pattarini. Stefania Napoli presenta il suo romanzo Sandplay. Il gioco della sabbia (Gruppo Albatros Il Filo): che cosa siamo disposti a fare per proteggere chi amiamo?

Gilroy è una comunità a dir poco riservata, e infatti i miei contatti sociali sono ridotti all'osso e si limitano a qualche aperitivo con i miei colleghi Mike Alviso e Lesley Kilpatrick. Trascorro la maggior parte del mio tempo tra scartoffie e corroboranti passeggiate sul Christmas Hill Park assieme a Charlie, il turbolento barboncino nano grigio-acciaio con cui condivido il mio appartamento di ottantadue metri quadri all'8200 di Kern Avenue della sonnolenta Gilroy.
Fino a stasera.
È il 18 novembre, sono quasi le 9, ho appena finito di cenare e sto infilando i piatti nella mini-lavastoviglie quando squilla il cellulare. È il mio capo, il Tenente Denise J. Gardner. E mi sorprende, Denise non chiama mai fuori orario d'ufficio.
«Alex, ciao, scusa per l'ora.»
In realtà il mio nome è Alessandra ma gli americani stentano a pronunciarlo correttamente. Quindi, dopo essere stata chiamata Lezandra, Alesondra e perfino Eilessahndrah, ho deciso che Alex era più semplice, per loro e per me.
«Tranquilla, Denise. Che succede?»
«Ci hanno chiamati i colleghi di Atlanta per un caso di bambine scomparse.»
Stefania Napoli, Sandplay. Il gioco della sabbia

Sandplay
Il gioco della sabbia

di Stefania Napoli
Gruppo Albatros Il Filo
Giallo | Thriller
ISBN 978-88-306-1150-4
cartaceo 16,60€
ebook 6,60€

Sinossi

Atlanta, Georgia. Novembre 2015. Sette bambine scompaiono da casa e vengono ritrovate barbaramente assassinate. Alex Ricci, detective ed ex ballerina dotata di buone capacità deduttive, ma spesso distratta da un intenso dialogo interiore, viene convocata ad Atlanta dalla sonnolenta cittadina californiana in cui vive, per coadiuvare la task force che dà la caccia all'infanticida, nel caso denominato 'Il Ladro di bambine'. Ad affiancarla il senior detective John Riley, uomo d'azione dal passato colmo di ombre e segreti, che si rivela un importante compagno di viaggio, capace di risvegliare nella collega emozioni sopite da molto tempo.
Passo dopo passo, omicidio dopo omicidio, Alex e Riley si addentrano nella definizione del profilo criminale e psicologico del killer grazie a un costante brainstorming che li guiderà alla soluzione dell'indagine e che farà emergere tratti nascosti della loro stessa personalità. Faranno i conti con la paura, conosceranno la manipolazione mentale, sfideranno perfino la morte e scopriranno fino a che limite estremo può spingersi l'animo umano. Lo spietato assassino giocherà abilmente con le loro fragilità, come un gatto con il topo, seminando qua e là indizi, provocando e studiando le loro reazioni. Li attirerà nella sua trappola architettata con cura e follia, li metterà subdolamente uno contro l'altro, fino all'epilogo della drammatica vicenda che cambierà Alex e la sua vita per sempre.


L'autrice racconta



Buongiorno Stefania Napoli e benvenuta nel nostro web magazine culturale. Com’è nata l’idea di questo libro, è nata prima la trama o il titolo?

È nata prima la trama, solo successivamente, procedendo con la storia, è nato il titolo.

E.M. Cioran affermava: «I libri andrebbero scritti unicamente per dire cose che non si oserebbe confidare a nessuno». Ci anticipi qualche indiscrezione sulla trama?

Bella affermazione!
E sì, è vero, in un libro lo scrittore si mette a nudo. Ai lettori di Sandplay racconto molto di me, cose che le persone a me più vicine non conoscono. Difficile anticipare la trama di un giallo senza rischiare di svelare troppo, ma ci provo. Sandplay è un vorticoso conto alla rovescia fino alla verità, un viaggio che ci conduce assieme ai protagonisti nei meandri della psiche umana. Scopriremo che la realtà cambia continuamente forma, viene distorta, alterata, travisata, come in un effimero Gioco della sabbia. Arriveremo a dominare la paura e perfino la morte e a rispondere a un umanissimo interrogativo: che cosa siamo disposti a fare per proteggere chi amiamo?

Si dice che lo scrittore sia un “ladro di vite”. Per creare i tuoi personaggi hai “rubato” la vita a persone di tua conoscenza o sono personaggi frutto di fantasia?

Per creare la protagonista femminile ho attinto alle mie caratteristiche più nascoste, ho scavato nelle mie emozioni più intime, quindi posso dire di aver 'rubato' un po' della mia intimità! Il protagonista maschile invece è ispirato al mio amico/consulente, detective in pensione di Los Angeles.

I luoghi del libro sono reali o di fantasia?

Nel libro quasi tutto è reale. Più che una scrittrice, infatti, mi definisco 'una che racconta storie'. Gli omicidi efferati di bambine sono ispirati a fatti reali, la serialità omicida è più diffusa e vicina a noi di quanto si pensi. Anche i luoghi che descrivo sono esistenti, tutti, perfino le descrizioni delle abitazioni, dei Dipartimenti di polizia, bar e locali, è tutto esistente. Questo mi aiuta a entrare nella storia, a vivere realmente quelle vicende ed è la cosa per me più emozionante.

Secondo te la storia fa il personaggio o il personaggio fa la storia?

Direi entrambi. Il personaggio racconta la storia attraverso le sue vicende, le sue emozioni, le sue azioni e ovviamente i confronti con gli altri personaggi. Certo, di base deve esserci un'idea forte, solida che il personaggio aiuta a sviluppare.

Italo Calvino citava così: «Scrivere è sempre nascondere qualcosa in modo che poi venga scoperto». Tra le righe si cela qualche messaggio particolare che il lettore dovrà scoprire?

Certamente sì. Ascoltiamoci, non abbiamo paura di sentire anche le emozioni più 'dolorose', sfruttiamo i nostri errori per diventare migliori, restiamo compassionevoli, e non dimentichiamo gli altri e il coraggio di reagire alle ingiustizie. E' la nostra forza nonostante la paura che ci rende umani.

C’è una domanda che avresti voluto ti facessi? E quale sarebbe la risposta?

Difficilissima questa domanda, forse avrei voluto che non me la facessi! Scherzi a parte, ecco la domanda: Che cosa hai scoperto di te stessa scrivendo il romanzo?
La mia risposta sarebbe: moltissimi aspetti che non ricordavo più di avere, soprattutto il dovere di oppormi per come posso a ciò che considero ingiusto e la forza che ne traggo vincendo paure, minacce e manipolazioni. Insomma, ho scoperto di essere più fragile e forte di quello che ricordavo!

Ringrazio Stefania Napoli per essere stata con noi, in bocca al lupo con Sandplay. Il gioco della sabbia e per i tuoi progetti futuri.

Silvia Pattarini

Silvia Pattarini
Diplomata in ragioneria, ama scrivere racconti e componimenti poetici, alcuni dei quali compaiono in diverse antologie. Partecipa a concorsi letterari di poesia, prosa e premi letterari per narrativa edita.
Biglietto di terza classe,  0111Edizioni.
La mitica 500 blu,  Lettere Animate.
Il tempo di un caffè, Gli Scrittori della Porta Accanto Edizioni.

About Silvia P.

Il webmagazine degli scrittori indipendenti.
    Commenta con Blogger
    Commenta con Facebook
0 commenti

Posta un commento

Ti siamo davvero riconoscenti per il tempo che ci hai dedicato. Se sei stato bene in nostra compagnia, perché non ci lasci un commento o ci offri un caffè? Grazie!

<< ARTICOLO SUCCESSIVO
Post più recente
ARTICOLO PRECEDENTE >>
Post più vecchio
Home page

Novità editoriali


Pubblicità
Promozione laFeltrinelli


#mammeinviaggio e #gliscrittoridellaportaaccanto su Instagram