Gli scrittori della porta accanto - Non solo libri

Confessioni di una #badmum, un romanzo umoristico di Elena Genero Santoro

Confessioni di una #badmum, un romanzo umoristico di Elena Genero Santoro

Libri Comunicato stampa. Confessioni di una #badmum (PubMe – Collana Gli Scrittori della Porta Accanto), di Elena Genero Santoro: le perle di saggezza di una mamma alle prese con la quotidianità.

All’inizio non volevo essere una #badmum. Rifiutavo l’idea con tutte le mie forze. Anzi, facevo di tutto per adeguarmi allo standard delle #goodmum. Non accettavo questa mia devianza.
Cercavo conforto nella religione ufficiale e compravo riviste su riviste per avere supporto da fonti autorevoli e competenti. A un certo punto mi ero persino abbonata a una roba come “Io e il mio #badchild” (nome di fantasia) e ogni mese attendevo trepidante l’arrivo del catechismo.
Sfogliavo le pagine bramosa di conferme, di rassicurazione e di consolazione. Ero una peccatrice in cerca di assoluzione. E trovavo perle tipo: “Non dovete preoccuparvi se decidete di smettere di allattare prima di aver perso tutti i capelli: lo capiamo benissimo, siete stanche, imperfette, non potete pretendere troppo da voi stesse, se non ce la fate…”, “Non angosciatevi se i vostri figli hanno degli orari sballati: capita a tutte – a voi povere imbecilli derelitte – che il caos prenda il sopravvento, ma voi non colpevolizzatevi, se arrivate solo fino lì non ci potete fare niente…”, “No panico se ogni tanto perdete la brocca e iniziate a urlare come un demonio impazzito. Siete umane, creature limitate, incomplete e perfettibili”.
Ma più mi imbottivo di dottrina ufficiale, più mi si insinuava il dubbio angosciante che la #goodmum cui aspiravo essere fosse molto lontana da me. Non riuscivo a sradicare il seme del male che avevo dentro.
I dubbi divennero certezze quando presi a seguire un reality in cui una Tata impeccabile (la Tata, questa figura mitologica) in tre giorni rimetteva in sesto famiglie devastate come la mia.
Ormai la mia autostima da #goodmum era sotto le scarpe, il mio senso di inadeguatezza regnava sovrano, quando successe un fatto. La Tata-capa, la sacerdotessa della dottrina più ortodossa, vendette l’anima alla Ferrero e girò uno spot per reclamizzare la Nutella come colazione perfetta per la famiglia perfetta. Ragazzi, la Nutella? La Nutella è il cibo migliore che l’Uomo abbia mai inventato, su questo non si discute, ma è anche il simbolo di ogni più perversa trasgressione alimentare!
Dove erano finite le verdure che la Tata-capa faceva ingurgitare con fermezza ai #badchildren durante il reality? Dov’era la coerenza? Dov’era la disciplina?
Ammisi finalmente con me stessa che ero sì una #badmum, ma ero orgogliosa di esserlo, perché non ero ipocrita. E da quella presa di coscienza il #badmum Pride è stato in continua ascesa.
Elena Genero Santoro, Confessioni di una #badmum

Confessioni di una #badmum

Confessioni di una #badmum

di Elena Genero Santoro
PubMe – Collana Gli Scrittori della Porta Accanto
Narrativa umoristica | Humour
ISBN 978-8833668123
cartaceo 10,00€
ebook 2,99€

Sinossi

Cosa deve fare una madre per essere considerata una #goodmum con tutti i sacri crismi? Allattare fino allo svenimento e fino a perdere i capelli. Abituare il proprio Neonato all'indipendenza facendolo dormire sempre nella sua culla. Usare con i Signori Figli un tono fermo ma gentile e non alzare mai la voce. Al mattino svegliarli con estrema dolcezza per accompagnarli puntuali a scuola. Scegliere gli istituti scolastici con i programmi formativi migliori. E tante altre cose che i manuali di pedagogia elencano e che io mi guardo bene dal mettere in pratica. Perché io sono una #badmum e queste sono le mie #confessioni.
Che restino tra noi e tra quelli che seguono la mia rubrica su Facebook.



SCRIVI UNA RECENSIONEALTRI LIBRI DI ELENA GENERO SANTORO

Elena Genero Santoro

Elena Genero Santoro è nata nel 1975 a Torino, dove attualmente risiede con il marito e i figli. Lavora nel dipartimento di ingegneria dei materiali di una nota casa automobilistica.
Scrive editoriali e recensioni di libri e film per il sito "Gli Scrittori della Porta Accanto", di cui è co-fondatrice.
Il suo primo romanzo, Perché ne sono innamorata, edito da Montag, è uscito nel 2013. Sono seguiti L’occasione di una vita (Lettere Animate), Immagina di aver sognato e Diventa realtà (PubGold), Ovunque per te e L’ultima risata (Policromia), Claire nella tempesta e Stanotte o mai (Leucotea). Un errore di gioventù, Gli Angeli del Bar di Fronte e Il tesoro dentro sono usciti in prima edizione tra il 2014 e il 2016 con 0111 Edizioni e poi sono stati ripubblicati con Gli Scrittori della Porta Accanto.


ESTRATTI E RECENSIONI




Ti siamo davvero riconoscenti per il tempo che ci hai dedicato. Se sei stat* bene in nostra compagnia, che ne dici di farti un giro sul nostro blog? Potresti lasciarci un commento per farci sapere che ne pensi, iscriverti alla newsletter, per restare sempre aggiornat* sui nostri argomenti, o all'Associazione Gli Scrittori della Porta Accanto APS, per usufruire di promozioni e contenuti dedicati, oppure potresti offrirci un caffè per sostenere il nostro lavoro. Te ne saremmo davvero grat*. Il vostro feedback è davvero importante per noi.

About Stefania Bergo

Il webmagazine degli scrittori indipendenti.
    Commenta con Blogger
    Commenta con Facebook
0 commenti

Posta un commento

Ti siamo davvero riconoscenti per il tempo che ci hai dedicato. Se sei stato bene in nostra compagnia, perché non ci lasci un commento? Grazie!

<< ARTICOLO SUCCESSIVO
Post più recente
ARTICOLO PRECEDENTE >>
Post più vecchio
Home page

Novità editoriali


Pubblicità