Gli scrittori della porta accanto

DAD – Divertendosi A Distanza, di Chiara Rossi: incipit

DAD – Divertendosi A Distanza, di Chiara Rossi: incipit

Incipit #201 DAD: Divertendosi A Distanza, di Chiara Rossi (PubMe – Collana Gli Scrittori della Porta Accanto KIDS). Un viaggio emozionante e avventuroso di libro in libro.




DAD
Divertendosi A Distanza

di Chiara Rossi
PubMe – Collana Gli Scrittori della Porta Accanto
Narrativa 10+
ISBN 978-8833669687
cartaceo 8,00€
ebook 2,99€

Mi ritrovo in un’immagine in cui non dovrei essere.
Sento la musica di un pianoforte davvero invitante. Ma non posso seguirla.
Come farò a tornare a casa?
Allora ripenso a quel che mi stava accadendo…

Qualche minuto prima sono a casa, nella mia stanza, a studiare in DAD, la didattica a distanza, con tutti i miei compagni di scuola e la maestra. Purtroppo per qualche giorno dobbiamo rimanere a casa, non possiamo stare tutti insieme in classe.
Giulia è ancora in pigiama, Giovanni ha mandato un messaggio alle maestre e a noi compagni dicendo che non riesce a collegarsi, Anna chiede di andare in bagno. Amira, come al solito, non sente: ha problemi con l’audio del computer. Quello di Michele, invece, funziona benissimo, si sente il fratellino piccolo che urla: «Conquisterò tutti!»
Inizia la lezione di storia e la maestra comincia a spiegare i popoli italici: finalmente, ne avevo abbastanza dei Greci! Ulisse era sempre in viaggio, non li sopportava neppure lui!
L’ultima cosa che mi ricordo è che, a un certo punto, tra le funzioni dell’applicazione che stavo utilizzando, ho cambiato sfondo allo schermo del computer. Ho trovato una bellissima biblioteca con una scrivania e una lampadina accanto. L’ho fissato intensamente fino a perdermi nei miei pensieri e ora, magicamente, mi ritrovo qui, in questa stanza senza entrata né uscita.
Tra le note del pianoforte continuo a sentire da lontano la spiegazione della maestra. Sono nel panico: ma si sarà accorta che non ci sono più? E se mia mamma, che è nell’altra stanza a cucinare, apre la porta e non mi trova? Speriamo che il poster di Fat Lady, la donna grassa che nei libri di Harry Potter si trova in un quadro e fa da guardiana alla porta della sala dei Grifondoro, faccia bene il suo lavoro anche sulla porta della mia camera e riesce a fermarla.
È pieno di libri, dal pavimento al soffitto, sopra degli scaffali antichi e marroni. È la stanza dei miei sogni, ma adesso non so se è un sogno o un incubo. Le pareti sono molto familiari, alte e fatte di legno.
Dove li ho già visti?
Nel mezzo agli alti scaffali ci sono dei tavoli con delle panche dove sono seduti molti ragazzi a leggere e studiare. Guardando bene, vedo i libri che volano e si mettono a posto da soli. Certi sono proprio vecchi: hanno delle pagine rotte o mancanti, sono giallognoli e con qualche macchia marrone, hanno le rilegature sfilacciate e le copertine sporche e polverose. Mi avvicino ancora di più e scopro che i ragazzi indossano una divisa, fanno parte sicuramente di una scuola...
Ma non gli manca qualcosa?
Hanno il viso scoperto e vedo le loro labbra e il loro naso. Parlano tra di loro vicini, vicini. La mascherina! Oops, nemmeno io ne ho una, ma non ho il tempo di preoccuparmi perché vengo distratta da un vento fortissimo e vedo due ragazzi dai capelli rossi volare su una scopa e lanciare dei fuochi d’artificio in aria per tutto l’edificio.

Con delle scope? Ma dove sono finita?

La stanza si sta riempiendo di fumo, non si respira. «Dobbiamo evacuare tutti» grida uno degli studenti. Io, correndo, entro nel bagno delle femmine e mi nascondo dietro la porta impaurita. Mi batte forte il cuore, lo sento in gola. Rimango nascosta fin quando non sento più nessun rumore e ricomincio a respirare tranquillamente.
Mi faccio coraggio, apro la porta del bagno e una voce fastidiosa all’improvviso mi dice: «Che ci fai nel mio bagno?»
Sobbalzo dalla paura, rimanendo per un attimo senza parole. Mi ritrovo davanti il fantasma di una ragazza con i codini e gli occhiali. Balbettando rispondo: «Mi stavo nascondendo da quei due ragazzi sulle scope, lanciavano botti».
«Uuh! Sempre quei due birbanti a rovinare il mio sonno. L’altro ieri mi hanno trattata come se fossi uno straccio che deve pulire il pavimento uuh...»
Al solo pensiero delle bravate dei due, lei scappa via piangendo. La seguo fin quando la vedo attraversare un muro e la perdo di vista. Assorta nel guardare il fantasma, mi scontro con un ragazzo alto, con occhi e capelli castani e delle grandi sopracciglia. «Siamo spacciati – si alza da terra urlando – tra pochi minuti inizierà la partita del quidditch e ci manca un cacciatore, all’ultimo momento il nostro si è fatto male.»
Super, super spaziale: libri che volano, Mirtilla Malcontenta, il quidditch… Per tutti i libri del mondo, ma sono in Harry Potter?!


La trama

DAD – Divertendosi A Distanza, di Chiara Rossi

Durante una lezione in DAD, in pigiama e pantofole, Chiara si ritrova a viaggiare tra scenari fantastici, di libro in libro, attraversando mondi dove giocare in libertà con i propri amici e i protagonisti delle tante storie lette, a volte scontrandosi con loro. Harry Potter, Mulan, Capitan Uncino, il GGG, tanti sono i personaggi che incontrerà in un viaggio emozionante e avventuroso, durante il quale dovrà affrontare delle prove e dimostrare coraggio, altruismo, gentilezza, intuito, umiltà.
Ma sarà davvero tutto reale? O è solo un sogno a occhi aperti per fuggire dalle limitazioni della pandemia?

«Ho cambiato sfondo allo schermo del computer, ho trovato una bellissima biblioteca con una scrivania e una lampadina accanto. L’ho fissato intensamente fino a perdermi nei miei pensieri e ora, magicamente, mi ritrovo qui, in questa stanza senza entrata né uscita. Tra le note del pianoforte continuo a sentire da lontano la spiegazione della maestra. Sono nel panico: ma si sarà accorta che non ci sono più?»
Età di lettura 10+

Chiara Rossi

Chiara Rossi è una studentessa nata a Pisa il 26 novembre 2010 e vive a Ponsacco.
Le piace viaggiare con il suo camper alla scoperta di nuovi luoghi e ama tanto leggere. Tra una pagina e l’altra impugna il suo fioretto e tira di scherma.
Nel tempo libero cura la sua pagina YouTube Chiara e la stanza libri dove condivide le sue letture.
Nel 2018 il suo racconto “La ragazza delle palline di Natale” è stato pubblicato nella raccolta di Racconti assortiti di Natale.
Ama la scuola e ha un gatto che ogni tanto gli porta delle prede in casa.


★★★★★

Il buon giorno si vede dal mattino, dicono, e un buon incipit e una copertina accattivante possono essere il perfetto bigliettino da visita di un libro.
Secondo voi, quante stelline si merita il biglietto da visita di questo libro?

Tutti i nostri incipit:


Ti siamo davvero riconoscenti per il tempo che ci hai dedicato. Se sei stat* bene in nostra compagnia, che ne dici di iscriverti alla newsletter per restare sempre aggiornat* sui nostri argomenti? Potresti anche iscriverti all'Associazione Gli Scrittori della Porta Accanto APS, per usufruire di promozioni e contenuti dedicati o semplicemente offrirci un caffè e sostenere il nostro lavoro. Te ne saremmo davvero grat*!
Oppure potresti lasciarci un commento per farci sapere che ne pensi di questo articolo (puoi commentare con Blogger o Facebook), il tuo feedback è davvero importante per noi.
NB: Gli autori non sono responsabili per quanto pubblicato dai lettori nei commenti ad ogni post. Verranno cancellati i commenti ritenuti offensivi o lesivi della immagine o della onorabilità di terzi, razzisti, sessisti, spam o che contengano dati personali non conformi al rispetto delle norme sulla Privacy e, in ogni caso, ritenuti inadatti ad insindacabile giudizio degli autori stessi.

About Gli Scrittori della Porta Accanto

Il webmagazine degli scrittori indipendenti.
0 commenti

Posta un commento

<< ARTICOLO SUCCESSIVO
Post più recente
ARTICOLO PRECEDENTE >>
Post più vecchio
Home page

Pubblicità
Prenota il tuo viaggio in Italia con Booking.com



Libri in evidenza


Pubblicità