Gli scrittori della porta accanto

Sognando la libertà, di Silvia Pattarini: pagina 69

Sognando la libertà, di Silvia Pattarini: pagina 69

Pagina 69 #182 Sognando la libertà di Silvia Pattarini (PubMe – Collana Gli Scrittori della Porta Accanto). Cinque racconti tra realtà e fantasia, storie legate a doppio filo da due parole: paura e libertà.

In un primo momento pensò a una burla, a uno stupido, bruttissimo scherzo. Ma gli occhi della donna non accennarono alcun sorriso, erano torvi, cupi, malvagi. Guardò il tipo che l’aveva accompagnata, nella speranza che le dicesse che si trattava di una beffa. Invece nemmeno lui sorrise, sembrava cattivo, aveva gli occhi malvagi come la sorella di Odette.
La realtà era troppo amara da accettare, ma tant’è. Non c’era limite al peggio. Era l’inizio di un incubo che lei ignorava, le trame intricate di un racket che iniziava in Africa e via via s’espandeva in Europa, passando dall’Italia.

«Mi sono sentita pugnalata, presa in giro, sopraffatta. Non mi sarei mai aspettata una cosa così. Solo allora ho capito che aveva ragione Anaya a mettermi in guardia da quella donna, solo allora ho capito che avevo lasciato in Nigeria l’unica persona che mi aveva voluto un po’ di bene. Anaya, la mia Anaya! Quante volte ho ripensato al suo ultimo abbraccio d’addio. Ma ormai era tardi, ero qui e non avevo via di scampo. Non conoscevo nessuno e nessuno poteva aiutarmi!»
I suoi occhi liquidi sono nei miei, in cerca di risposte che non posso darle. Le lucine dell’albero lì accanto colorano di verde una lacrima che scende dal viso.
I primi tempi la ragazza cercò di resistere, ma fu tenuta prigioniera. Alla fine, fu costretta ad accettare il lavoro sul marciapiede: «Se non fossi andata mi avrebbero torturata con la magia nera e riti voodoo. Mi costringevano a bere una bottiglia di olio calandomelo in gola con un imbuto. Spegnevano le sigarette sul mio corpo. Mettevano il sale sulle mie ferite. Una volta l’ho scampata per miracolo, sono riuscita a fuggire appena in tempo. I vicini mi avevano sentita gridare e hanno chiamato la polizia. Gli aguzzini per giustificarsi si sono inventati la storia di un esorcismo. Se avessi bevuto quella roba chissà...» e si avvolge sull’indice due minuscole treccine corvine, poi prende a grattarsi il lobo dell’orecchio.
«Ma si è trattato solo di un passo avanti e due indietro. Mi hanno ripreso subito e malmenata. Un uomo dai capelli arancioni si è offerto di insegnarmi il lavoro, io non volevo ma mi ha costretta con la forza. Diceva che dovevo imparare bene, come le altre, ad assecondare tutte le esigenze dei clienti. Il giorno dopo sono andata sul marciapiede per la prima volta. Ero una schiava, non avevo via di scampo.»
L’atmosfera si fa pesante, il suo imbarazzo si percepisce dagli occhi puntati verso il pavimento, non riesce a guardarmi in faccia. La incoraggio dicendole che non voglio giudicarla, il mio compito va ben oltre questo: dare voce alle ingiustizie.

Acquista e continua a leggere
Sognando la libertà, di Silvia Pattarini (PubMe – Collana Gli Scrittori della Porta Accanto)




Sognando la libertà

Dall’Antico Egitto ai giorni nostri, tra realtà e fantasia, cinque racconti molto diversi fra loro, ma legati a doppio filo da due parole: paura e libertà. Due sentimenti che s’intrecciano nelle vicende dei protagonisti: la paura che predomina da una parte, contrasta con il forte desiderio di libertà dall’altra.
L’occhio di Horus – Antico Egitto. L’avventura di Serket, schiavo nubiano e apprendista presso la Casa delle ombre, destinato a cambiare la sua vita e diventare “il prescelto”.
Inverno 1944: il profumo della libertà – Venti di guerra infuriano anche in un piccolo paese della Val Trebbia, avvolto dalla bruma. Iolanda ha ventitré anni quando viene rapita da un soldato magrebino, al soldo dei tedeschi. Di lei non si sa più nulla, persino il parroco del paese chiede ai fedeli di pregare per la sorte della sventurata ragazza scomparsa. Tratto da una storia vera, la testimonianza della protagonista, scampata per miracolo alla follia umana.
La mitica 500 blu – Le vicende di una spensierata diciottenne neopatentata e le sue esilaranti avventure, sul finire degli anni Ottanta, nella splendida cornice dell’Appennino Reggiano, all’ombra della Pietra di Bismantova, citata da Dante nel Purgatorio.
Il dono della libertà – Manca poco a Natale quando una giornalista incontra Sonia, una giovane nigeriana che con l’aiuto di un’amica le racconta la sua vita. Nella Milano dei giorni nostri, una vicenda d’attualità, legata al traffico di esseri umani e alla tratta delle prostitute nigeriane. Rileggendo La peste di Albert Camus. La paura, marzo 2020 – Una rilettura in chiave inedita di un libro scritto nel primo dopoguerra, La peste di Albert Camus, a dimostrazione che il passato può sempre tornare. Le descrizioni di quel periodo s’intrecciano e presentano diverse analogie con la situazione che stiamo vivendo da quando il covid-19 ha preso il sopravvento sulle nostre vite, scoperchiando tutte le nostre fragilità.

Silvia Pattarini




Leggi le altre pagine 69:


Ti siamo davvero riconoscenti per il tempo che ci hai dedicato. Se sei stat* bene in nostra compagnia, che ne dici di iscriverti alla newsletter per restare sempre aggiornat* sui nostri argomenti? Potresti anche iscriverti all'Associazione Gli Scrittori della Porta Accanto APS, per usufruire di promozioni e contenuti dedicati o semplicemente offrirci un caffè e sostenere il nostro lavoro. Te ne saremmo davvero grat*!
Oppure potresti lasciarci un commento per farci sapere che ne pensi di questo articolo (puoi commentare con Blogger o Facebook), il tuo feedback è davvero importante per noi.
NB: Gli autori non sono responsabili per quanto pubblicato dai lettori nei commenti ad ogni post. Verranno cancellati i commenti ritenuti offensivi o lesivi della immagine o della onorabilità di terzi, razzisti, sessisti, spam o che contengano dati personali non conformi al rispetto delle norme sulla Privacy e, in ogni caso, ritenuti inadatti ad insindacabile giudizio degli autori stessi.

About Gli Scrittori della Porta Accanto

Il webmagazine degli scrittori indipendenti.
0 commenti

Posta un commento

<< ARTICOLO SUCCESSIVO
Post più recente
ARTICOLO PRECEDENTE >>
Post più vecchio
Home page

Pubblicità
Prenota il tuo viaggio in Italia con Booking.com



Libri in evidenza


Pubblicità