Gli scrittori della porta accanto

Il castello di Windsor: l'ultima dimora della Regina Elisabetta

Il castello di Windsor: l'ultima dimora della Regina Elisabetta

Viaggi Di Silvia Pattarini. Tour del castello di Windsor, l’ultima dimora di Sua Maestà la Regina Elisabetta II. Il suo feretro, dopo i funerali di Stato a Londra, riposerà accanto al principe Filippo. Meta ideale per un weekend a Londra e dintorni.

Situato a un’oretta di strada dal più famoso Buckingham Palace di Londra, il castello di Windsor, ubicato nel borgo omonimo, nel Berkshire, è la residenza reale più antica delle Isole britanniche.
Attualmente in uso, dà lavoro a circa 200 dipendenti, tra domestici, facchini, un orologiaio, cocchieri, stallieri, restauratori, coristi, sacerdoti, agenti di polizia e personale di manutenzione.
Sua Maestà la Regina Elisabetta II era solita soggiornare tra le mura del castello due volte l’anno: a Pasqua e nel mese di giugno, quando la cappella di San Giorgio ospita la solenne cerimonia d’investitura dei nuovi Cavalieri dell’ordine della Giarrettiera.

Il Castello di Windsor è suddiviso in tre aree, denominate corti: la Corte Superiore, la Corte Centrale e la Corte Inferiore. La Cappella di San Giorgio è ubicata nella parte settentrionale della Corte Inferiore.

Magnifico esempio di architettura gotica britannica, è luogo sepolcrale di numerose tombe e monumenti reali.
Un’ampia volta a ventaglio, decoratissima e rigorosamente in pietra color paglia, offre ai visitatori uno spettacolo mozzafiato. Nel soffitto sopra le sedute del coro, svettano i coloratissimi vessilli dei Cavalieri dell’Ordine della Giarrettiera, per lo sguardo stupito dei visitatori. Lo stile perpendicolare caratterizza le ampie finestre: in particolare la grande vetrata occidentale che arriva a sfiorare gli undici metri d’altezza, è decorata con vetrate istoriate risalenti al ‘500. Gli alti pilastri affusolati che s’allungano verso l’alto offrono un impatto visivo di grazia, armonia ed eleganza.
Lungo la navata s’incontrano splendidi monumenti, a cominciare da quello di Re Giorgio V e della Regina Maria, e la magnifica scultura della Principessa Carlotta, sfortunata figlia di Giorgio IV, morta alla nascita. Sono tumulati nella cappella, nella zona settentrionale del coro, Re Giorgio VI, la Principessa Margaret e la Regina Madre. In tempi recenti si è aggiunto anche il sepolcro del Principe Filippo.

Il giardino del castello e la futura regina Elisabetta a 18 anni a Windsor

Dove sarà sepolta Sua Maestà la Regina Elisabetta II?

Sua Maestà la Regina Elisabetta II, dopo i funerali di Stato a Londra, officiati dall'Arcivescovo di Canterbury nell'Abbazia di Westminster, sarà trasalta a Windsor e riposerà accanto al suo principe Filippo, alla sorella Margaret e ai genitori: il Re Giorgio VI e la Regina Madre.
Sicuramente per la Regina del Giubileo – quest’anno ricorre il settantesimo anno di regno – sarà previsto l'innalzamento di un monumento degno della Sovrana più longeva del Regno Unito di Gran Bretagna e Irlanda del Nord, nonché Capo del Commonwealth.
Stando ai tabloid britannici, le spoglie mortali di Sua Maestà la Regina Elisabetta II dimoreranno nella cappella di San Giorgio.

All'interno della Cappella i visitatori possono ammirare anche alcuni veri e propri tesori.

La splendida spada di Edoardo III, lunga ben due metri e probabilmente utilizzata in battaglia, e una cassetta per le elemosine, realizzata attorno al 1480, talmente bella che serviva ad invogliare i pellegrini a lasciare un obolo.
Il Castello di Windsor ospita anche matrimoni, battesimi e compleanni reali. Il Principe di Galles, da poco diventato sovrano, Re Carlo III, il 9 aprile 2005 convolò a nozze con la discussa Camilla, Duchessa di Cornovaglia e ora Regina Consorte, proprio nella Cappella di San Giorgio.
Il 19 maggio 2018 anche il Principe Harry si sposò con l’ex attrice statunitense Meghan Markle nella Cappella di San Giorgio, coppia che ha fatto e continua a fare discutere i media britannici e non solo.

Il Castello di Windsor è utilizzato in alternativa a Buckingham Palace in occasione di visite ufficiali di capi di stato stranieri. Meta ideale per un weekend a Londra e dintorni.

Oggi si accede al Castello, di origine medievale, attraversando la Porta Normanna, che dà accesso diretto alla Torre Rotonda, situata nella Corte Centrale.
Si prosegue in direzione della Corte Superiore dove il visitatore può ammirare gli splendidi giardini e accedere a una parte degli Appartamenti di Rappresentanza.
Nel giro è compreso l'accesso a una ventina di sale.
Salendo lungo la Scala Regia, imponente e sfarzosa si entra nel Grande Vestibolo, con tante armi in bella mostra alle pareti.
Si attraversa la Sala Waterloo, che contiene il tappeto più grande senza cuciture mai esistito. Durante l'incendio del 1992, ci vollero ben cinquanta persone per arrotolarlo e trasferirlo in un luogo sicuro.

Proseguendo nel tour ci si trova catapultati nel Salotto del Re, di cui ricordo arazzi verdi e grandi quadri alle pareti, la Camera da letto del Re con immancabile letto a baldacchino.

Il Salotto della Regina ammicca coi suoi arazzi rossi e grandi dipinti di antichi sovrani appesi alle pareti.
La Sala da Pranzo del Re si distingue per la volta affrescata e un grande caminetto con marmi bianchi e doppie colonne ai lati.
Segue la Sala da Ballo della Regina, sfarzosa, con la peculiarità di arredi in argento che spiccano su pareti damascate in tinta azzurro pastello. Alcuni mobili, del tardo 600, sono esemplari splendidi e unici, oggetti di eccezionale valore, simboleggiavano l'essenza assoluta del prestigio e del potere della Corona.

Cappella di San Giorgio e Sala da ballo della Regina

Seguono tra sfarzi, arazzi, quadri, lampadari luccicanti, ampie finestre, specchi dorati, orologi e mobili antichi la sala Udienze della Regina, la sala di Ricevimento della Regina, la sala della Guardia della Regina.

Si attraversa la Sala di San Giorgio, dominata dalla statua equestre del Campione del Re: l'usanza vuole che il Campione dopo la cerimonia d'incoronazione del Re, fosse solito gettare a terra il guanto per tre volte, sfidando chiunque non volesse riconoscere il nuovo sovrano. Il soffitto e parte del tetto di questo salone immenso, furono danneggiati dall'incendio del 1992.
L'Atrio della Lanterna, ospita bacheche contenenti oggetti molto pregiati in argento dorato, appartenenti alla Collezione Reale.

Ma non è finita, il tour si snoda attraverso il magnifico Salotto Verde e il Salotto Cremisi, in cui la magnificenza dell'oro delle decorazioni dei soffitti e dei muri, contrasta col rosso dei velluti di poltrone e divani, drappi e tende.

Finalmente si mangia! O forse il banchetto non è per noi, ma riservato ai Reali e ai graditi ospiti. La Sala da Pranzo di Rappresentanza, è un ampio salone con un lunghissimo tavolo solennemente apparecchiato con porcellane finissime, bicchieri di cristallo bordati d'oro e posate d'argento in bella vista; utilizzata per le funzioni ufficiali, fu anch'essa danneggiata dall'incendio del 1992.
La Sala da Pranzo Ottagonale, di dimensioni molto ridotte rispetto alla precedente, è utilizzata dai familiari della Regina quando risiedono a Windsor, anch'essa fu danneggiata dall'incendio di cui sopra.

Il luogo in cui mi sono soffermata di più ad ammirare delle vere e proprie meraviglie e rarità è il Corridoio delle Porcellane: delle teche mostrano porcellane cinesi e giapponesi in grande quantità, pezzi antichi risalenti al XVII secolo e servizi inglesi ed europei.

Il mio sguardo si è posato su un mare di bellezza: il servizio Rockingham. Ogni pezzo, unico ed esclusivo, celebra i successi in mare della Gran Bretagna, con scene ispirate ai Caraibi e all'India. Alzatine magnifiche riportano con grande dovizia di particolari le sagome di frutta esotica, ananas, canne da zucchero, coralli e conchiglie, per un'eleganza e una raffinatezza senza tempo.
Seguono altre sale sfarzose: il Salone dei ricevimenti e la Sala del Trono della Giarrettiera, in cui, sopra al caminetto riccamente decorato con doppie colonne di marmo rosa, trova spazio uno splendido ritratto della giovane Regina Elisabetta II, che indossa le vesti ufficiali del giorno dell'Incoronazione, il collare della Giarrettiera, il diadema di diamanti appartenuto a Giorgio IV, lo scettro e la Corona Imperiale poggiata sul tavolo. Il trono reale poggia su una moquette blu; ai suoi lati si snodano due file di poltrone, posizionate una di fronte all'altra, dai velluti in tinta col pavimento e s'allungano per tutta la stanza.

Per finire, la Casa delle Bambole della Regina Maria che non è un giocattolo ma una replica in miniatura di una casa aristocratica, datata 1923 e creata da un architetto inglese: Sir Edwin Lutyens.

Nel Gabinetto delle Stampe della Biblioteca Reale sono conservate opere di Canaletto, Michelangelo, Parmigianino, Guercino e molti altri.
La Biblioteca Reale conserva invece una impareggiabile collezione di seicento disegni di Leonardo da Vinci.
Ma i gioielli della Corona? Vi suggerisco di cercarli altrove, magari nella Torre di Londra...


Per maggiori informazioni e per organizzare il tour del Castello di Windsor: www.windsor.gov.uk

Silvia Pattarini

Ti siamo davvero riconoscenti per il tempo che ci hai dedicato. Se sei stat* bene in nostra compagnia, che ne dici di iscriverti alla newsletter per restare sempre aggiornat* sui nostri argomenti? Potresti anche iscriverti all'Associazione Gli Scrittori della Porta Accanto APS, per usufruire di promozioni e contenuti dedicati o semplicemente offrirci un caffè e sostenere il nostro lavoro. Te ne saremmo davvero grat*!
Oppure potresti lasciarci un commento per farci sapere che ne pensi di questo articolo (puoi commentare con Blogger o Facebook), il tuo feedback è davvero importante per noi.
NB: Gli autori non sono responsabili per quanto pubblicato dai lettori nei commenti ad ogni post. Verranno cancellati i commenti ritenuti offensivi o lesivi della immagine o della onorabilità di terzi, razzisti, sessisti, spam o che contengano dati personali non conformi al rispetto delle norme sulla Privacy e, in ogni caso, ritenuti inadatti ad insindacabile giudizio degli autori stessi.

About Silvia P.

Il webmagazine degli scrittori indipendenti.
0 commenti

Posta un commento

<< ARTICOLO SUCCESSIVO
Post più recente
ARTICOLO PRECEDENTE >>
Post più vecchio
Home page

Pubblicità
Prenota il tuo viaggio in Italia con Booking.com



Libri in evidenza


Pubblicità