• Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scritri della accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto

In primo piano

Recensione autori emergenti "Ombre pagane"

OMBRE PAGANE | Scheda del libro 
Franco Mieli 
Montecovello Editore  
ISBN 978-88-6733-646-3 
ebook 4,90€ | Bookrepublic 
cartaceo 14,40€ | Acquista 

Una Roma sconosciuta e sotterranea e una montagna insolita e misteriosa fanno da sfondo alle indagini del maggiore Cerci, aiutato dal maresciallo Coletta. I due investigatori dell’Arma precipitano in un incubo popolato di crudeli divinità e delitti efferati. Nelle notti senza luna, nel nome di una sanguinaria dea dell’antichità, si celebrano tra le rovine dei templi pagani, gli antichi riti di una setta risorta dalle sue ceneri. Siti archeologici fanno da sfondo alle indagini cui partecipano un frate archeologo e una giornalista di cronaca nera. In un crescendo di follia, persino l’amore trova spazio per arrivare a toccare il cuore di Massimo Cerci che nel frattempo rimette insieme i pezzi del suo tragico passato. Il monte Soratte, la montagna sacra e inquietante che si erge solitaria a poche decine di chilometri da quella che fu la capitale del mondo antico, sarà testimone sia dell’epilogo della vicenda umana del maggiore Cerci che della terribile verità sul vero obiettivo della spietata organizzazione. Il romanzo chiude il cerchio con le avventure del tormentato ufficiale dei Carabinieri iniziate con il racconto contenuto nel volume “Lupi nella nebbia-Zanne”.


RECENSIONE

La Roma dei nostri tempi, deve la sua bellezza e maestosità, in gran parte, alla propria variegata storia, a testimonianza della quale sono rimaste le tanto ammirate rovine e i magnifici monumenti, meta di migliaia di turisti. E se della sua antichità, non fossero rimasti solamente i ricordi monumentali ma anche tracce di un paganesimo che si credeva, oramai, del tutto estinto?
E' questo il dubbio che assale il maresciallo dei Carabinieri, Lorenzo Coletta, quando rinviene il cadavere del Senatore Uliveri, appeso al cancello d'ingresso di Ostia Antica, ucciso barbaramente e sottoposto a orrenda mutilazione? L'omicidio, così come si presenta, potrebbe far supporre ad un rituale religioso che prevede il sacrificio umano e ricondurrebbe ad altri sacrifici di animali, rinvenuti, tempo addietro, in alcuni siti storici. Sin dalle prime fasi dell'indagine, il maresciallo ottiene dei riscontri che avvalorano la propria teoria e capisce che il caso non sarà di facile soluzione. Ritiene, dunque, di farsi coadiuvare dal collega, di prestigiosa fama, Massimo Cerci. Egli è un Maggiore del reparto Tutela del patrimonio Culturale; uomo di grande avvenenza ma dal carattere burbero e con il cuore indurito da una tragedia familiare.
La lettura di questo giallo, si presenta avvincente sin dall'inizio e per tutta la sua durata, non conosce momenti di tregua della tensione. La trama è ben congegnata e strutturata, ricca di avvenimenti e di intensità. I personaggi sono doviziosamente descritti; in primis il protagonista, Massimo Cerci, per il quale non si può che provare solidarietà, anche nella sue debolezze umane, ma anche tutti gli altri hanno una propria precisa connotazione.
I luoghi in cui si svolge la storia, Roma e dintorni, sono descritti in maniera particolareggiata, con vari riferimenti a vie e località, così, come ampiamente dettagliate sono le vicende che si susseguono, una dopo l'altra, portando il lettore a vederle, più che a immaginarle.
“Ombre pagane” sarà uno dei libri che mi sentirò di suggerire a coloro che ritengono “scrittori” soltanto chi riesce a scalare le classifiche di vendita, a quelli che guardano sdegnati l'esordiente come volesse fregiarsi di un titolo che non gli appartiene. Con la lettura di questo libro, vorrei far loro comprendere che scrittore è colui che sa scrivere e, a Franco Mieli, si deve riconoscere questa abilità!




Ornella Nalon
I miei hobby sono: il giardinaggio, la buona cucina, il cinema e, naturalmente, la scrittura, che pratico con frequenza quotidiana. Scrivo con passione e trasporto e riesco a emozionarmi mentre lo faccio. La mia speranza è di trasmettere almeno un po’ di quella emozione a coloro che leggeranno le mie storie.
Quattro sentieri variopinti”, Arduino Sacco Editore
Oltre i Confini del Mondo”, 0111 Edizioni
Ad ali spiegate”, Edizioni Montag
Non tutto è come sembra”, da 0111 Edizioni.

About Stefania Bergo

Il blog culturale degli scrittori emergenti: letteratura, webmagazine, travel&living, arte, promozioni speciali e servizi editoriali.
    Blogger Comment
    Facebook Comment
    G+ Comment

0 commenti:

Posta un commento

Ti è piaciuto questo articolo? Allora faccelo sapere, il tuo feedback è per noi prezioso, grazie!

Gli Scrittori della Porta Accanto Edizioni

"ChiaroScuro", silloge poetica de Gli scrittori della porta accanto

Collana Gli scrittori della porta accanto per StreetLib A dicembre 2016, il gruppo si affaccia all'editoria indipendente, appoggiandos...