• Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scritri della accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto

In primo piano

Recensione autori emergenti "Il fioraio di Monteriggioni"

IL FIORAIO DI MONTERIGGIONI 
Cristina Katia Panepinto 
Lettere Animate Edizioni 
Giallo | Thriller
ISBN 978-88-6733-646-3 
ebook 1,99€ | Bookrepublic  

Quando il PM Amedeo Cantini viene condotto davanti al cadavere di una giovane modella assassinata, capisce subito che quello sarà il caso più difficile della sua vita. Abbandonata dentro un cassonetto nei pressi del Parco delle Cascine di Firenze c'è infatti la figlia di Emma Aldori, suo grande e sofferto amore di gioventù. Travolto dai fantasmi del passato, il magistrato chiede all'ex-moglie, la terapeuta Violetta Salmoiraghi, di affiancarlo nelle indagini. Insieme cominceranno a investigare sugli ultimi mesi di vita della ragazza e si addentreranno in un gioco di specchi fatto di tradimenti, intrighi e bugie, fino alla scoperta di un raccapricciante segreto, dietro cui si nasconde l'ombra omicida del Fioraio di Monteriggioni. Il romanzo racconta un tema difficile, in cui la componente emotiva e sentimentale gioca un ruolo importante. E' l'amore, o quello che a volte si reputa tale, a trascinare nel baratro le vite dei protagonisti, ma è sempre questo sentimento ad offrire, alla fine, l'unica via di riscatto.


RECENSIONE

Il libro esordisce con il ritrovamento di un cadavere, la giovanissima modella Fiona Aldori e la telefonata di Amedeo, giovane magistrato incaricato alle indagini, alla ex moglie, Violetta, per chiedere il suo aiuto, in qualità di psicologa/terapeuta. Quest'ultima vorrebbe rifiutare, perché Fiona era figlia di Emma, una donna dal passato difficile, morta suicida qualche anno addietro, con cui suo marito aveva intrattenuto una relazione sentimentale e del cui ricordo non era mai riuscito a liberarsene, tanto da provocare la loro crisi matrimoniale. Violetta è ancora profondamente innamorata di Amedeo e, nonostante le sue titubanze, ritiene che questa potrebbe essere l'occasione, non solo per conoscere a fondo la loro storia dai contorni ancora confusi, ma anche per un eventuale e sperato riavvicinamento a lui.
Dunque, la coppia si trova spesso a lavorare fianco a fianco e, grazie all'intuito innato del P.M., alla scaltrezza della donna e a una serie di fortunate coincidenze, riesce a collegare il recente omicidio ad altri due, avvenuti anni prima e a restringere il campo dei sospetti , fino a incentrarlo proprio sul casato Aldori, benestante e nota famiglia dell'entroterra Senese, dall'importante tradizione vinicola.
Tra i tanti componenti di questa famiglia, alcuni decisamente ambigui, dovrà essere scovato il famigerato Fioraio di Monteriggioni, così denominato per la sua abitudine di lasciare qualche fiore di campo in bocca alle sue vittime.
Alla fine, sarà scoperta l'identità del killer? Quale motivo potrà avere provocato questa sua devianza criminale? L'indagine sulla famiglia Aldori, farà superare ad Amedeo le sue vecchie angosce o le renderà più acute? Riuscirà Violetta a riaccendere il suo interesse e a riconquistare il suo amore?
Queste sono le domande che mi sono fatta, durante la lettura di questo libro e, alla fine, le risposte sono arrivate tutte, puntuali e credibili.
Un giallo che inizia con il dare maggiormente spazio agli interpreti, delineando i loro profili e che, successivamente, entra nel vivo dell'indagine, mettendo in risalto, uno ad uno, le vite dei vari soggetti; le loro debolezze, le infamie ma anche i tormenti e le angosce che racchiudono nel loro apparente mondo dorato, il tutto descritto con uno stile fluido e leggero, che rende la lettura davvero piacevole.






Ornella Nalon
I miei hobby sono: il giardinaggio, la buona cucina, il cinema e, naturalmente, la scrittura, che pratico con frequenza quotidiana. Scrivo con passione e trasporto e riesco a emozionarmi mentre lo faccio. La mia speranza è di trasmettere almeno un po’ di quella emozione a coloro che leggeranno le mie storie.
Quattro sentieri variopinti”, Arduino Sacco Editore
Oltre i Confini del Mondo”, 0111 Edizioni
Ad ali spiegate”, Edizioni Montag
Non tutto è come sembra”, da 0111 Edizioni.

About Stefania Bergo

Il blog culturale degli scrittori emergenti: letteratura, webmagazine, travel&living, arte, promozioni speciali e servizi editoriali.
    Blogger Comment
    Facebook Comment
    G+ Comment

0 commenti:

Posta un commento

Ti è piaciuto questo articolo? Allora faccelo sapere, il tuo feedback è per noi prezioso, grazie!

Gli Scrittori della Porta Accanto Edizioni

"ChiaroScuro", silloge poetica de Gli scrittori della porta accanto

Collana Gli scrittori della porta accanto per StreetLib A dicembre 2016, il gruppo si affaccia all'editoria indipendente, appoggiandos...