• Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scritri della accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto

In primo piano

Le recensioni di Francesca Gnemmi: "Il segreto dell'alchimista" di Antonia Romagnoli

Primo volume di una trilogia fantasy dai toni delicati ma decisi, dai quali si intuisce una sapiente mano femminile. Ci vogliono talento e una spiccata immaginazione per dare vita a una storia che va ben oltre la semplice comparsa di figure dai poteri fatati ed episodi di stregoneria.

“Ester sollevò le mani. Una luce azzurra, intensa e abbagliante scaturì dalle sue dita. Avvolse l’animale, che rimase sospeso a mezz’aria, con le ali ancora aperte e frementi. Lei si alzò dal suolo, incatenata alla maga che librava verso il cielo, imprigionando il rapace in una fitta rete luminosa. […] Lentamente, la creatura mostruosa cominciò a svanire, finché non rimase solo il raggio azzurro che si levò alto nel cielo e digradò in tonalità sempre più chiare, per poi dissolversi del tutto.”

Un mondo intriso di mistero e magia, un intreccio di destini paralleli e sorti comuni. Personaggi che sembrano voler uscire dalle pagine per fare la nostra conoscenza o forse siamo noi a essere risucchiati oltre le nebbie e a osservarli nascosti in un cantuccio. 
Si può essere davvero al sicuro nelle Terre? In questo Paese, in un’epoca che ricorda il Medioevo in tutto il suo fascino e la sua crudezza, partiamo al galoppo alla ricerca della Magistra Ester e del Principe Nimeon e più staremo loro vicini, minori saranno le possibilità che qualcuno possa farci del male. Il “cattivo” è sulle loro tracce, loro stessi cercano il nemico per eliminarlo e riportare la pace in quel mondo incantato. Chi stanerà l’altro per primo? Quali maghi sopravviveranno agli agguati che sembrano non avere fine e quanti innocenti pagheranno la casualità del fato con la vita? Avventura e incanti, questi gli ingredienti segreti.
Al di là della vicenda avvincente e intrigante, sono i valori a essere i veri protagonisti. Si fanno strada in punta di piedi, in un armonioso sfondo che raramente abbandona la scena. Antonia Romagnoli delinea protagonisti e comparse donando loro umane debolezze, spietate mire e nobili virtù.

“Non occorre essere meglio degli altri per trovarsi davanti a decisioni importanti. L’eroismo sta nel criterio con cui si sceglie e nell’accettare le conseguenze. Ci vuole poco per passare dalla mediocrità all’eroismo: è ciò su cui si basa la scelta che ti rende diverso.”

Una storia di amicizia, di paure e di coraggio. La volontà di tornare a concedere fiducia al prossimo, anche quando le buone intenzioni sono tangibili, la maturità nel trasformare un amore in rispetto e affetto, la determinazione nel compiere la scelta giusta per un bene comune, anche a discapito del proprio cuore.




La prima avventura attraverso i segreti delle "Terre", seguendo Ester e Nimeon sulle tracce di un misterioso assassino.
Un atroce delitto, compiuto in un castello reso inespugnabile dalla magia, è solo la prima di una serie di morti misteriose che attraverserà le Terre e che costringerà il Supremo, Magister a capo della città di Palàistra, a occuparsi del caso. 
Le indagini saranno affidate al principe Nimeon e a Ester, maga e insegnante di magia, che si troveranno così depositari del Mandato. L’incarico li costringerà viaggiare per i regni alla ricerca dell’assassino, sulle tracce di un’antica leggenda che collega la famiglia di Nimeon ai segreti custoditi nelle Nebbie, allo spietato omicida e al passato della stessa Ester. 
Ma il mistero più grande che li coinvolgerà è quello che lega le Terre ai poteri dell’alchimista napoletano Raimondo di Sangro, e che li condurrà più lontano di quanto potessero immaginare.





di Antonia Romagnoli | Delos Disital  | Epic, Fantasy  
ASIN B015K0RR8M  | ebook 3,99€ Amazon 


Francesca Gnemmi
Dichiara apertamente di non poter fare a meno di leggere, leggere per imparare ciò che ignora e conoscere se stessa nel suo continuo evolversi. Dalla passione per la lettura è nata quella della scrittura, o forse viceversa.
Poesie, favole e novelle ambientate nel dopoguerra e Il tempo delle lucciole, il suo primo romanzo storico edito da settembre 2015, sono frutto della costante necessità di tenere la penna in mano e afferrare i pensieri che si librano nella mente.

About Stefania Bergo

Il blog culturale degli scrittori emergenti: letteratura, webmagazine, travel&living, arte, promozioni speciali e servizi editoriali.
    Blogger Comment
    Facebook Comment
    G+ Comment

0 commenti:

Posta un commento

Ti è piaciuto questo articolo? Allora faccelo sapere, il tuo feedback è per noi prezioso, grazie!

Gli Scrittori della Porta Accanto Edizioni

"ChiaroScuro", silloge poetica de Gli scrittori della porta accanto

Collana Gli scrittori della porta accanto per StreetLib A dicembre 2016, il gruppo si affaccia all'editoria indipendente, appoggiandos...