• Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scritri della accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto

In primo piano

Anteprima: Laura Maria Belinzoni racconta "Gli obblighi del cuore", nell'intervista di Elena Genero Santoro

GLI OBBLIGHI DEL CUORE 
di Laura Maria Belinzoni
Libro Mania
Romanzo
ASIN B019N8OUOG
ebook 1,99€ | Acquista 

Una madre autoritaria e un padre assente hanno reso Linda una ragazza molto insicura; l’unico adulto sul quale ha sempre potuto fare affidamento è il nonno Gianni. 
Alla sua morte, Linda si ritrova sola con il suo dolore e la sua fragilità. A scuoterla e a consolarla è l’arrivo di Paul da Londra, il fratellastro della madre, che la ragazza non aveva mai conosciuto. L’ingresso di Paul nella sua vita sconvolge profondamente gli equilibri familiari e costringe Linda a crescere, mettendola di fronte a scelte tanto importanti quanto definitive.    



L'autore racconta...


Raccontaci qualcosa di te: chi è Laura Maria Belinzoni nella vita di tutti i giorni?
Sono una persona molto semplice e riservata. Laureata in Filosofia, ho iniziato ad appassionarmi di lettura e letteratura al liceo alternando la lettura di classici sia italiani sia stranieri. Adoro l'arte in ogni sua forma, i film d'autore e mi piace passeggiare in solitaria con i miei pensieri: è proprio in questi momenti che l'ispirazione per una nuova storia si fa trovare!
Sono una persona riflessiva e se mi chiedessero di scegliere cosa visitare tra un centro commerciale e una libreria, non avrei dubbi in proposito... Ho riscoperto residui della mia infanzia da quando sono diventata zia, quasi due anni e mezzo fa: un'esperienza fantastica!
In futuro mi piacerebbe visitare posti che finora non ho ancora avuto l'occasione di vedere, soprattutto i luoghi legati alla vita e alle opere di grandi scrittori.

Questo è il primo romanzo che pubblichi?
Sì, è il mio romanzo d'esordio. Ad aprile, quando ho deciso finalmente di pubblicarlo, ho optato per il self-publishing ma non ho mai perso la speranza di poter trovare un editore disposto ad apprezzarlo e pubblicarlo facendolo decollare come credo meriti. Grazie a Libromania la mia speranza è divenuta realtà!

Veniamo al libro, “Gli obblighi del cuore”, Libromania. Com’è nata l’idea?
La storia è nata diversi anni fa dall'esigenza di rielaborare situazioni traumatiche avvenute nella mia vita. Devo dire che per primo è nato il titolo che inizialmente era “Al di là del dovere”, che la casa editrice ha deciso di cambiare per ragioni di marketing. La storia si è costruita da sé lentamente grazie ad una commistione di fantasia, esperienze realmente vissute e racconti di vite che non sono venute concretamente in contatto con la mia ma che mi hanno colpita ed ispirata.

Ci racconti di che cosa parla? A quale genere appartiene?
La mia intenzione era quella di scrivere una storia che mettesse in primo piano le fragilità dei personaggi che la animano, soprattutto quelle di Linda, la protagonista, e i loro diversi modi di affrontarle con la volontà o meno di superarle.
Linda è una ragazza fragile e insicura, intrappolata in una famiglia rotta e ricomposta nella quale l'eccessiva autorità della madre risulta nociva per il suo equilibrio interiore tanto quanto l'indifferenza del padre. Anche l'epilessia, la malattia di cui soffre sin da bambina non l'aiuta ad essere felice. Al funerale dell'amato nonno Gianni, la persona dalla quale ha ricevuto più affetto, conoscerà finalmente zio Paul, il primo figlio di Gianni avuto da una relazione giovanile ed emigrato in Inghilterra prima ancora che lei nascesse per non far più ritorno prima di quel giorno. L'intesa tra i due è immediata e la confidenza tra loro cresce di giorno in giorno. La venuta di Paul creerà una cesura netta nella vita di Linda mettendo in discussione il suo rapporto con i genitori e consentirà ad alcuni segreti di venire a galla... La complicità si trasformerà presto in un sentimento dirompente e proibito agli occhi del mondo...
Una storia come quella tra Linda e Paul non può lasciare il lettore indifferente. L'obiettivo che mi sono posta scrivendo questo libro, infatti, è proprio quello di scuotere le coscienze dei miei lettori facendoli riflettere veramente sul concetto di “amore”, una parola talmente usata oggigiorno che ha finito per perdere il suo reale significato per assumerne altri che spesso non c'entrano nulla.
Il libro è stato inserito nella categoria romance anche se, ci tengo a dirlo, non è la solita storiella d'amore trita e ritrita e chi l'ha già letto è del mio stesso parere.

Qual è il target a cui ti rivolgi? Che tipo di lettori ambisci a conquistare?
Mi rivolgo ad un pubblico adulto, di media cultura. Di solito sono le donne le maggiori “fruitrici” di questo genere, ma ho avuto modo di far leggere il romanzo anche ad alcuni uomini e spero ce ne siano altri disposti a farlo.

Quanto ti ha coinvolto intimamente la stesura di questo romanzo? C’è qualcosa di autobiografico?
Mi ha coinvolta molto e confesso che la stesura di certe parti è stata emotivamente impegnativa, perché alcuni elementi hanno riportato a galla ferite recenti.

Per scrivere questo libro hai dovuto svolgere delle ricerche?
Sì, ho svolto ricerche sul luogo in cui l'ho voluto ambientare, il borgo di Orta San Giulio, sia dal punto di vista paesaggistico che monumentale.

La vita della protagonista Linda viene sconvolta dagli eventi, fino a stabilizzarsi in un’altra forma. Si può parlare di una rinascita o di una storia di formazione?
È senza dubbio una rinascita, qualcosa di meravigliosamente inaspettato come un desiderio che si realizza nel momento in cui ormai non ti aspetti più nulla.

C’è qualche messaggio particolare che speri di comunicare attraverso questo romanzo?
Il messaggio che vorrei comunicare è questo: pensate con la vostra testa e ascoltate il vostro cuore, sempre. Non fermatevi ad ascoltare ciò che gli altri ritengono giusto o sbagliato: l'amore ha le sue ragioni che la ragione non conosce e che il mondo non ha il diritto di giudicare e intrappolare in regole universali.

Il finale chi l’ha deciso? Tu o i tuoi personaggi?
L'ho deciso io e ho voluto un lieto fine.

Grazie per essere stata con noi, Laura Maria. In bocca al lupo per i tuoi progetti futuri.
È stato un piacere! Grazie a voi per l'opportunità!

Elena Genero Santoro
Ama viaggiare e conoscere persone che vivono in altri Paesi. Lettrice feroce e onnivora, scrive da quando aveva quattordici anni.
Perché ne sono innamorata, Montag
L’occasione di una vita, ebook Lettere Animate
Un errore di gioventù, 0111 Edizioni
Gli Angeli del Bar di Fronte, 0111 Edizioni.
Il tesoro dentro, 0111 Edizioni.

About Elena Genero Santoro

Il blog culturale degli scrittori emergenti: letteratura, webmagazine, travel&living, arte, promozioni speciali e servizi editoriali.
    Blogger Comment
    Facebook Comment
    G+ Comment

0 commenti:

Posta un commento

Ti è piaciuto questo articolo? Allora faccelo sapere, il tuo feedback è per noi prezioso, grazie!

Gli Scrittori della Porta Accanto Edizioni

"ChiaroScuro", silloge poetica de Gli scrittori della porta accanto

Collana Gli scrittori della porta accanto per StreetLib A dicembre 2016, il gruppo si affaccia all'editoria indipendente, appoggiandos...