• Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scritri della accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto

In primo piano

L'incipit | #60 "I fiumi di porpora" di Grangé Jean-Christophe



"I fiumi di porpora"
di Grangé Jean-Christophe

Ga-na-mos! Ga-na-mos!”
Piere Niémans, con le dita contratte sull’altoparlante VHF, guardava da sotto in su la folla che scendeva le rampe di cemento del Parc des Princes. Migliaia di teste in fiamme, di cappelli bianchi, di sciarpe dai forti colori formavano un nastro variegato e delirante. Un’esplosione di coriandoli. O una legione di demoni allucinati. E le tre note, lente e lancinanti, ripetute all’infinito: “Ga-na-mos!”.
Il poliziotto, in piedi sul tetto della scuola materna di fronte al Parc, concertava le manovre della terza e della quarta squadra della Compagnia Repubblicana di Sicurezza. Gli uomini, in divisa blu scuro e casco nero, correvano protetti dagli scudi di policarbonato. Il metodo classico. Duecento uomni da una parte e dall’altra di ogni serie di porte, e dei commandos “schermo”, con il compito di evitare che i tifosi delle due squadre venissero a contatto, anche solo visivamente…
Quella sera, in occasione dell’incontro Saragoza-Arsenal, finale della Coppa delle Coppe 96, l’unica partita dell’anno in cui si affrontassero a Parigi due squadre non francesi, erano stati mobilitati più di millequattrocento poliziotti e gendarmi: per i controlli d’identità, le perquisizioni, e per regolare il flusso dei quarantamila tifosi giunti dai due paesi. Il commissario Pierre Niémans era uno dei responsabili delle operazioni. Non che ciò corrispondesse alle sue abituali mansioni, ma il poliziotto dai capelli a spazzola apprezzava simili esercizi. Soveglianza e scontri allo stato puro. Senza indagini o procedure. Per certi versi una semplicità rilassante. Inoltre amava l’assetto militare di quell’esercito in marcia.


Questo libro ricorda un altro thriller noir...

Titolo:  LUPI NELLA NEBBIA - ZANNE
Autore: Franco Mieli
Editore:  Montecovello
Genere: Noir, thriller
ISBN: 978-88-6733-447-6


★★★★★

Il buon giorno di vede dal mattino, dicono, e un buon incipit e una copertina accattivante possono essere il perfetto bigliettino da visita di un libro.
Secondo voi, quante stelline si merita il biglietto da visita di questo libro?

About Stefania Bergo

Il blog culturale degli scrittori emergenti: letteratura, webmagazine, travel&living, arte, promozioni speciali e servizi editoriali.
    Blogger Comment
    Facebook Comment
    G+ Comment

0 commenti:

Posta un commento

Ti è piaciuto questo articolo? Allora faccelo sapere, il tuo feedback è per noi prezioso, grazie!

Gli Scrittori della Porta Accanto Edizioni

"ChiaroScuro", silloge poetica de Gli scrittori della porta accanto

Collana Gli scrittori della porta accanto per StreetLib A dicembre 2016, il gruppo si affaccia all'editoria indipendente, appoggiandos...