• Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scritri della accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto

In primo piano

Le recensioni di Liliana Sghettini: "Ti aspetto" di Samantha Terrasi


"Ti aspetto" di Samantha Terrasi, Lupo Editore, 2014.

“L'uscita di una discoteca” un incontro casuale tra due giovani.
Nina scende le scale e vede Michele a terra, ha la testa tra le mani, è disteso, una scarpa al piede e l'altra sui gradini.
Gli chiede se ha bisogno di aiuto, lei pensa di sì, vedendolo in quello stato, vorrebbe soccorrerlo, vorrebbe chiamare un'ambulanza ma lui non risponde.
Nina insiste, Michele, dopo il suo ennesimo tentativo le urla di lasciarlo stare di smetterla e di andare via... Un acceso battibecco e scoppiano a ridere come due matti, lui ha una risata “che mostra una ferita profonda”, lei “è contratta, non si lascia mai andare”, ma ridono insieme, “La risata cattura come una corda che unisce, occhi sospesi che si abbracciano.” 
Sono molto diversi Nina e Michele
Lei è tutta casa e chiesa, vive con suo padre convinto che l'unica strada da seguire sia laurearsi con ottimi voti e ambire a posti di prestigio, come ha fatto lui. La madre di Nina non c'è, è morta, è andata via?
Una vita apparentemente grigia la sua, piatta e senza grossi problemi.
Michele è un bravo ragazzo che si porta dentro i segni di una brutta delusione d'amore, piange leggendo e rileggendo la lettera che Angela gli ha scritto diverso tempo prima. Lo ha “mollato” brutalmente ferendolo nel profondo sovrapponendo quella ferita ad un'altra mai rimarginata. 
L'incontro con Nina segna la vita di entrambi, lasciando un seme destinato a germogliare, ma con quali frutti?
Un seme che è planato forse su di un terreno troppo indurito per l'uno e acerbo per l'altra. 
Michele pensa a Nina e dice “tu non riesci a capire Enzo, lei era stupenda, era diversa....” ma il suo amico lo deride chiedendogli di non fare il sentimentale.
Anche Nina non può smettere di pensare a Michele, e mentre cerca i libri per “anticipare il programma del secondo anno” come suggerito da suo padre le torna in mente il loro incontro, il suo nome. 
Michele si porta dentro un altro dolore nel cuore, un abbandono più importante rispetto a quello di Angela.
Sua madre Lucrezia ha rinunciato a tutto per lui considerandolo un errore di gioventù. Michele soffre perché Lucrezia è infelice e lui ne sente il peso.
Da bambini si sa, la fantasia supera la realtà e basta poco per essere felici, ti basta immaginare di essere qualcuno o qualcosa di diverso.... 
Da grandi invece, se non hai avuto la forza di guardarti allo specchio i sogni infranti prematuramente diventano incubi che ti tormenteranno per sempre. 
Il migliore amico di Michele è Marco, la cui madre è un angelo accogliente, ciò che anche lui avrebbe voluto.
E' una madre putativa, lo ama durante tutto il tempo che trascorre con suo figlio, vivono quasi come fratelli. 
Marco, Michele, Nina, Audrey, “la ragazza della porta accanto”, giovani in carriera le cui vite si intrecciano e si sovrappongono disegnando i destini di ciascuno, indicando direzioni giuste o sbagliate non si sa.... 
Quanto può condizionarci l'opinione che gli altri hanno di noi? E quanto influiscono le loro scelte sulle nostre? 
Nina e Michele si amano, tra alti e bassi, tra verità e bugie, tra scoperte inaspettate e amicizie “pericolose” e poi arriva la svolta a segnare il loro cammino.
Il romanzo di Samanta Terrasi, “Ti aspetto” Lupo Editore è una storia di amori giovanili, dietro la quale si celano ampi risvolti psicologi da assaporare e nei quali specchiarsi. 
I protagonisti, come accade per tutti, sono il frutto delle loro radici, e del loro passato a volte torbido, altre ignoto.
Nina e Michele sono due giovani sofferenti e inesperti che forse con un vissuto diverso avrebbero potuto amare davvero.
E' un romanzo sulle emozioni e sui sentimenti che mostra quanto sia importante viverli attraverso esperienze progressive per non ritrovarsi, all'occorrenza, impreparati.
Un sentito ringraziamento all'autrice per questo interessante scritto che, seppur dai temi intensi e a volte dolorosi, si lascia leggere con grande piacere.



È una sera d’estate. 
All’uscita da una discoteca, Nina incontra Michele ubriaco e quasi privo di conoscenza. Un incontro che dividerà in maniera netta un prima e un dopo nella sua vita. 
Nina abita con il padre, fisico, che per tutti gli anni dell’adolescenza la segrega nello studio pretendo da lei sempre il massimo. Ora la vorrebbe laureata con lode, costringendola a realizzare quello che era il suo progetto, non rendendosi conto che Nina aspetta solo una parola, un cenno di approvazione da parte di quel padre troppo assente. 
Nina non capisce questo padre e tiene i suoi pensieri in un diario segreto, lasciando spazio ora a un nome: Michele. 
Che significato avrà? 
La sera successiva Michele si reca all’uscita della stessa discoteca con i suoi amici Marco e Audrey. L’aspettano però invano, Nina non arriverà..


di Samantha Terrasi | Lupo Editore | Romanzo
ISBN 978-88-6667-208-1 | cartaceo 12,00€  Amazon


Lilliana Sghettini
Dottore Commercialista. Appassionata lettrice, si avvicina alla scrittura con alcune pubblicazioni di racconti brevi e scritti epistolari.
Impegnata nella scuola come rappresentante dei genitori, si interessa di pedagogia, didattica e psicologia.
Scrive recensioni, racconti, poesie e favole in compagnia di sua figlia, fonte inesauribile di ispirazione oltre che compagna di lettura.



About Stefania Bergo

Il blog culturale degli scrittori emergenti: letteratura, webmagazine, travel&living, arte, promozioni speciali e servizi editoriali.
    Blogger Comment
    Facebook Comment
    G+ Comment

0 commenti:

Posta un commento

Ti è piaciuto questo articolo? Allora faccelo sapere, il tuo feedback è per noi prezioso, grazie!

Gli Scrittori della Porta Accanto Edizioni

"ChiaroScuro", silloge poetica de Gli scrittori della porta accanto

Collana Gli scrittori della porta accanto per StreetLib A dicembre 2016, il gruppo si affaccia all'editoria indipendente, appoggiandos...