• Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scritri della accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto

In primo piano

[Professione lettore] L'editoriale di Stefania Bergo: il bookcrossing e i mille viaggi di un libro in prestito


Io amo i libri. Scriverli, leggerli. Così come amo viaggiare. 
Mi commuove pensare alle avventure, ai percorsi, di un "libro in prestito", vedere chi lo ha tenuto tra le mani. E anche quelle sarebbero storie da raccontare, peccato non siano scritte e restino per sempre impresse sulle pagine... ma senza uscir fuori.
Immaginare chi abbia letto lo stesso libro prima di noi è una magia: chissà da quale parte del mondo viene, se lo ha letto su di un treno o sprofondato sul divano di casa, inerme; qual era il suo nome? gli sarà piaciuto? chissà se avrà pianto anche lui leggendo questa stessa frase; lo avrà tenuto preziosamente in uno zainetto al sicuro o non ne avrà avuto la minima cura? e magari quest'aria così vissuta è opera sua...
Ogni piega, ogni odore impresso, ogni segno lasciato a margine, non ha meno valore dell'inchiostro stampato e della storia narrata. Anzi, è un libro che ha molte più cose da dire, molti più cammini da farci percorrere. 
Ogni libro è un viaggio, dentro la mente dell'autore o nel mondo. E i libri migliori sono quelli che ci portano lontano, talmente altrove che solo col tempo si riesce a rientrare in se stessi, nel proprio mondo, perché ciò che abbiamo letto, ha lasciato un'impronta indelebile, un'aura di cui spesso siamo gelosi.
Un libro in prestito non è mai una "storia di seconda mano", è un valore aggiunto al nostro spirito!

Read and release, because Books just wanna be free!

Il BookCrossing è un servizio di condivisione della cultura diffuso in tutto il mondo. Conosciuto anche col nome di Booksharing, Books on the road, Libera Libri, Libri in libertà, descrive l'atto di condividere i propri libri col resto del mondo, come se tutto il pianeta fosse un'unica libreria da cui attingere cultura.
L'idea di fondo è quella di liberarE quei libri che ognuno di noi (ne abbiamo sicuramente almeno una decina, dite la verità) tiene sullo scaffale della libreria a prendere polvere. Non si tratta, però, di liberarSI di un libro come lo si gettasse nella spazzatura, ma di dargli nuova vita incentivando, allo stesso tempo, alla lettura.
Un libro può essere lasciato in qualsiasi luogo pubblico (purché non arrechi danno o sia fonte di pericolo e sia lasciato in un posto al riparo da intemperie che possano deperirlo), meglio conosciuto, dagli addetti ai lavori, come wild release, cioè l'abbandono (intenzionale) in natura. Lo scopo è quello di farlo trovare a qualcuno che voglia leggerlo e condividerlo a sua volta, per non arrestare il suo viaggio.


Ci sono vari modi per partecipare a questa globalizzazione e condivisione dei libri. Quello maggiormente riconosciuto, l'originale, è il servizio offerto da www.bookcrossing.com, che rappresenta un modo controllato di liberare un libro. Consiste nel registrarlo ufficialmente sul sito assegnandogli un codice e appiccicandogli un'etichetta adesiva con l'esortazione a tenere traccia del suo viaggio attraverso il mondo. Chi lo trova, infatti, deve annunciare di averlo tra le mani, lasciare un commento dopo la lettura e rilasciarlo nuovamente.
Il senso di tutto questo è ovviamente essere dei lettori in affido e non terminare il flusso di cultura in viaggio appropriandosi avidamente di un volume solo per averlo.

Come funziona BookCrossing.com? Etichetta! | Condividi! | Segui! 
L'archivio online del BookCrossing e il suo sistema tracciante permettono agli utenti di entrare in contatto con altri lettori, commenti e recensioni, e di scambiare e seguire i propri libri ogni volta che si spostano tramite il Leggi e rilasciaGli utenti sono in grado di identificare e seguire i loro libri tramite il BCID (BookCrossing Identity Number). Ogni BCID è univoco per il libro in questione, così una volta che è registrato sul sito, il libro può essere seguito e commentato per sempre. Il BookCrossing è gratuito, sia per l'iscrizione che per tutto il resto del percorso. Si può essere iscritti al sito per rilasciare un proprio libro

Quando e come è iniziato?

Ron Hornbaker si rese conto che non esisteva nulla per tracciare i libri. Dopotutto, i libri sono molto più che dei semplici oggetti, poiché possiedono elementi che possono scaturire emotività e forti opinioni; i libri non sono solo oggetti da collezionare e riverire, ma sono intrinsecamente scambiati. Questo è stato il punto di partenza del BookCrossing. Con l'aiuto della moglie di Ron, Kaori, e i co-fondatori Bruce & Heather Pedersen, il sito ufficiale è stato lanciato il 21 aprile 2001

Chi sono i BookCrosser?

I BookCrosser amano i libri ed amano leggerli. Sono i lettori che decidono di rivolgersi al servizio di BookCrossing per cercare un libro da includere nella propria wishinglist o che intendano rilasciarne uno loro.

Ovviamente, il metodo ufficiale di rilascio e tracciamento del viaggio di un libro, non è l'unico sistema per attuare questa diffusione della cultura a costo zero. Io personalmente ho abbandonato un mio libro su una seduta del gate B10 all'aeroporto di Doha, di ritorno dalla Tanzania. L'ho lasciato lì e quasi mi dispiaceva di averlo lasciato solo, come fosse umano e si fosse sentito solo guardandomi mentre mi allontanavo. Mi sono pure voltata per salutarlo! Chissà che viaggio avrà fatto, se pure lui avrà preso il volo o sarà finito più sbrigativamente in un cestino. Io non posso che sperare di aver tenuto compagnia a qualcuno e che il mio "Con la mia valigia gialla" abbia visto nuovi cieli e che, magari, stia ancora passando di mano in mano.





Stefania Bergo
Non ho mai avuto i piedi per terra e non sono mai stata cauta. Sono istintiva, impulsiva, passionale, testarda, sensibile. Scrivo libri, insegno, progetto ospedali e creo siti web. Mia figlia è tutto il mio mondo. Adoro viaggiare, ne ho bisogno. Potrei definirmi una zingara felice. Il mio secondo amore è l'Africa, quella che ho avuto la fortuna di conoscere e di cui racconto nel mio libro.
Con la mia valigia gialla, 0111Edizioni.

About Stefania Bergo

Il blog culturale degli scrittori emergenti: letteratura, webmagazine, travel&living, arte, promozioni speciali e servizi editoriali.
    Blogger Comment
    Facebook Comment
    G+ Comment

0 commenti:

Posta un commento

Ti è piaciuto questo articolo? Allora faccelo sapere, il tuo feedback è per noi prezioso, grazie!

Gli Scrittori della Porta Accanto Edizioni

"ChiaroScuro", silloge poetica de Gli scrittori della porta accanto

Collana Gli scrittori della porta accanto per StreetLib A dicembre 2016, il gruppo si affaccia all'editoria indipendente, appoggiandos...