• Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • I libri dei nostri collaboratori

  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scritri della accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto

In primo piano

"L'erede di Tahira" di Linda Bertasi, recensione di Elena Genero Santoro

"L'erede di Tahira" di Linda Bertasi, 2016, un libro misterioso, una dimensione parallela e la magia dell'antico Egitto.

Questa volta Linda Bertasi, autrice che ho avuto modo di apprezzare in altre numerose occasioni, ci stupisce con un genere a lei nuovo, cimentandosi con un romanzo paranormal fantasy.
Ed eccoci quindi catapultati, noi, insieme alla protagonista Arianna, in un mondo di fiaba, dove Arianna sarà costretta a ricordare un passato che qualcuno ha voluto farle dimenticare e di cui lei non serba memoria. Inizia così un’avventura mozzafiato, ricca di colpi di scena e di cambiamenti di location e di tempo.
Il romanzo è popolato di protagonisti affascinanti, anche se qualcuno non è così amico come sembra (nel gruppo di giovani si nasconde un traditore).
Questo libro è molto diverso, per certi aspetti, da altri scritti da questa autrice, che ci ha deliziati in più di una occasione con romanzi storici ed erotici. In questo caso, tutto ruota intorno alla magia, all’avventura, al colpo di scena, e anche quando la narrazione lascia spazio al sentimento, (un sentimento puro, genuino), le scene di passione sono solo abbozzate.
Ci sono però due cose su cui l’autrice non si smentisce mai e che, ormai posso dirlo, sono suoi tratti caratteristici.
Innanzitutto le descrizioni. Il modo di narrare di Linda Bertasi non lascia spazio ad equivoci. Immergendovi tra le sua pagine avrete l’impressione di avere davanti agli occhi i paesaggi che descrive, i colori con cui dipinge le scene, i personaggi che interagiscono tra loro. Linda Bertasi ha la capacità di esprimersi con una ricchezza di vocaboli sempre pertinenti e azzeccati.
In secondo luogo c’è sempre la passione per la ricerca, che è sempre rigorosa e curatissima.
Questa volta la ricerca non si esaurisce solo alla parte “storica” delle scene ambientate nel passato. In questo romanzo l’autrice descrive con dovizia di dettagli molti luoghi del mondo (alcuni, come afferma, li ha visitati davvero, su altri ha dovuto documentarsi), quindi la ricerca è diventata anche geografica. Inoltre anche le leggende presenti non sono tutte il mero frutto della fantasia dell’autrice, ma si basano su miti reali. Si parla di leggende dell’antico Egitto, reincarnazione, simbologia animale, essenze e poteri delle piante e delle erbe, ipnosi.
Dunque tra magia, superstizione, misteri da svelare, incantesimi e leggende, viaggi nel tempo, il menù è ricco e molto vario, e credo senza ombra di dubbio che accontenterà diversi palati, anche i più difficili.

Viserbella 1561. Una donna, accusata di praticare la stregoneria, sta per essere condotta sul rogo. Prima di morire consegna alla figlia un prezioso diario e il suo ciondolo a forma di stella a sette punte.
Viserbella 2013. Arianna è in vacanza e, passeggiando sulla spiaggia, trova un misterioso volume incustodito. Subito, lo riporta nella libreria indicata sulla copertina, ma non farà più ritorno a casa.
Catapultata in una dimensione parallela con la mente spoglia di ricordi, tenterà di sopravvivere e di recuperare la memoria aiutata da un gruppo di ragazzi che sembrano conoscerla molto bene.
Nel suo passato si annida la magia, la superstizione e il dramma. Tutto un mondo sta per esserle svelato e un gravoso fardello la investirà, perché lei è l’Erede e deve compiere una missione.

Tra cristalli e Libri delle Ombre, incantesimi e leggende che affondano le loro radici nell’Antico Egitto, l’atavica lotta tra Bene e Male domina le pagine di un romanzo dove niente è come sembra, il tempo è una corsa a ostacoli e i nemici si nascondono nell’ombra.


di Linda Bertasi Selfpublished Paranormal fantasy
ASIN B01BQHN3QI ebook 0,99€   Acquista 


Elena Genero Santoro
Ama viaggiare e conoscere persone che vivono in altri Paesi. Lettrice feroce e onnivora, scrive da quando aveva quattordici anni.
Perché ne sono innamorata, Montag
L’occasione di una vita, ebook Lettere Animate
Un errore di gioventù, 0111 Edizioni
Gli Angeli del Bar di Fronte, 0111 Edizioni.
Il tesoro dentro, 0111 Edizioni.

About Elena Genero Santoro

Il blog culturale degli scrittori emergenti: letteratura, webmagazine, travel&living, arte, promozioni speciali e servizi editoriali.
    Blogger Comment
    Facebook Comment
    G+ Comment

2 commenti:

  1. Grazie mille per questa bellissima recensione. Sono senza parole ♡

    RispondiElimina
  2. Grazie mille per questa bellissima recensione. Sono senza parole ♡

    RispondiElimina

Ti è piaciuto questo articolo? Allora faccelo sapere, il tuo feedback è per noi prezioso, grazie!