• Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scritri della accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto

In primo piano

[Libri] "La guerra è finita. Andate in pace!" di Emanuele Zanardini

La-guerra-finita-Andate-in-pace

LA GUERRA È FINITA. ANDATE IN PACE!

di Emanuele Zanardini
Bookabook
Romanzo storico
ISBN 978-8899557416
ebook: 5,00 € | Acquista
cartaceo: 13,60 € | Acquista

In distribuzione in tutta Italia, il libro è stato scelto due volte: la prima dalla casa editrice Bookabook, che ne ha dato un giudizio professionale sulla qualità dell'opera; la seconda direttamente dai lettori, attraverso una raccolta fondi sulla piattaforma Bookabook.it.
La guerra è finita. Andate in pace!, l'opera prima di Emanuele Zanardini, è una raccolta di racconti che narra le storie di amori al tempo della guerra.
Una guerra dietro di sé lascia macerie, ferite, vinti e vincitori, ma non solo. Tra i colpi di mortaio, gli sfollati, gli alimenti razionati e l'attesa di chi dovrebbe tornare dal fronte, donne e uomini non perdono l'abitudine di scoprirsi e amare. Così un amore dirompente, come una detonazione, scoperchia, scava, stravolge. E alla fine nulla davvero può essere come prima.
La guerra è finita. Andate in pace! racconta di come i protagonisti, pur non essendo direttamente toccati dal conflitto, ne subiscano le nefaste conseguenze. 
Tutto viene sconvolto dalla guerra, i legami d'amore vengano tranciati dagli eventi tragici dei conflitti armati.
Sono avidi di vita, di speranza. Di amore. Un fuggiasco attende la donna amata, in riva a un lago. Un bambino domanda alla madre, chi sono i buoni e chi i cattivi. E suo padre? Una moglie, in attesa del marito, ospita in casa sua un pilota francese. La guerra non li colpisce direttamente, ma entra dentro di loro, che trepidano per la sorte dei propri cari impegnati al fronte. Nell’attesa della donna amata. Nella resistenza strenua contro l’invasore. E non si lasciano sopraffare, ma lottano per liberarsi, per guadagnare un futuro migliore.Gli avvenimenti narrati lasciano con il fiato sospeso, nell'attesa del ritorno a casa di chi è partito per il fronte; della disperazione per la perdita di un amore appena trovato; del timore che tutto possa essere sommerso dai tragici eventi. Un ritorno che spesso rimane nei desideri di chi è restato e a volte non si concretizza, lasciando un vuoto difficile da colmare.
La guerra si combatteva anche tenendo fede alle promesse, qualunque esse fossero. E pregando che un giorno potesse finire. Tirando su i figli, spiegando loro che niente giustificava una guerra.
– Amore – disse lei, prendendogli le mani – tutto questo finirà, prima o poi. Quando tutto sarà finito, ce ne andremo lontano, in America. Ci sarà tanto da fare, dopo. Tutti saremo utili, ci sarà lavoro e benessere. Poi siamo giovani, tutto questo sarà un ricordo. Niente di più.
– Un brutto ricordo. Abbiamo perso tutto: le nostre case, i nostri cari, le nostre vite. L’amore. Quale mondo può uscire da una tragedia simile?

La guerra è finita. Andate in pace! racconta anche di come nei decenni non abbiamo imparato a coltivare la pace.
Riprese: – Non potevamo vincere quella guerra! Per un motivo semplice: i vietnamiti difendevano la propria terra, le loro case, i loro figli. E quando un uomo vede minacciati i propri figli, è disposto a sopportare le più atroci sofferenze e umiliazioni. E chi ha spedito laggiù il meglio di questo paese
lo sapeva, perciò ha una colpa più grande! Adesso credo, guardandomi indietro, che non combattevamo il nemico, ma noi stessi. E il nemico era in noi.

L'AUTORE


Emanuele-Zanardini
Emanuele Zanardini è nato nel 1976.
Si occupa attivamente di problematiche sociali, di povertà, di emarginazione.
Le sue grandi passioni: viaggiare e fotografare. E naturalmente scrivere. Ha toccato il suolo dei cinque continenti, ha visto il mondo, senza avere la pretesa di averlo capito. Eppure in ogni luogo ha trovato una storia. E ha deciso di raccontarle!
Dopo un primo, grande e mai del tutto interrotto, amore per la poesia ("Mi sento un uomo in viaggio (d'amore)") e un racconto per bambini ("Pagliaccetto e l'oceano"), si confronta oggi con la narrativa.

About Stefania Bergo

Il blog culturale degli scrittori emergenti: letteratura, webmagazine, travel&living, arte, promozioni speciali e servizi editoriali.
    Commenta con Blogger
    Commenta con Facebook

0 commenti:

Posta un commento

Ti siamo davvero riconoscenti per il tempo che ci hai dedicato. Se sei stato bene in nostra compagnia, perché non ci lasci un commento o ci offri un caffè? Grazie!

Breaking News

Dal nostro archivio

La Giornata Internazionale delle bambine e delle ragazze, per dire basta alle spose bambine, una rivoluzione (arancione) necessaria, di Stefania Bergo

Oggi si celebra in tutto il mondo la V Giornata Internazionale delle bambine e delle ragazze . Una giornata di sensibilizzazione, per il d...