• Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scritri della accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto

In primo piano

[GiroGiroTondo] “Perché esiste il mondo?” di Thich Nhat Hanh, recensione di Liliana Sghettini (narrativa per l'infanzia 5+)

Perché-esiste-il-mondo-Thich-Nhat-Hanh-recensione

Perché esiste il mondo?, di Thich Nhat Hanh, illustrazioni di Valentina Scagnolari, Terra Nuova Edizioni, 2014. Risposte zen alle grandi domande dei bambini.

Quando vostro figlio si è interrogato sul perché dell'esistenza dell'uomo e del pianeta stesso, di sicuro avrete provato un certo imbarazzo per aver fatto ricorso a termini scientifici roboanti e paroloni incomprensibili. A me è capitato, ma giuro che poi mi sono messa a “studiare”!
Esiste un libro intitolato “Perché esiste il mondo” che con grande semplicità viene in nostro soccorso dinanzi alle più comuni domande dei bambini.
È stato scritto da Thich Nhat Hanh, poeta e monaco zen “conosciuto per l'autorevolezza e profondità dei suoi insegnamenti”, e illustrato da Valentina Scagnolari, Terra Nuova Edizioni.
Non si tratta di un libro scientifico, appunto, ma di una raccolta di risposte semplici e al contempo efficaci e profonde che l'autore, con una saggezza disarmante, ha fornito alle innumerevoli domande dei suoi piccoli interlocutori:
Nessuno sa perché esiste il mondo [...] ma possiamo apprezzarlo comunque. Nel mondo ci sono così tante cose meravigliose!
Non vi sembra una spiegazione di una dolcezza infinita che regala speranza?

Perche-esiste-il-mondo

Perché esiste il mondo?

di Thich Nhat Hanh
illustrazioni Valentina Scagnolari
Terra Nuova Edizioni
cartaceo 11,90€  Acquista

Narrativa per ragazzi età consigliata 5+

Le risposte di Thich Nhat Hanh trasudano positività affinché si possa guardare il mondo con gli occhi dell'amore e della compassione. Perché il filo conduttore del suo libro è proprio la compassione verso sé stessi e verso gli altri.
Nessuno è perfetto, tutt'altro, e relazionarsi al prossimo con fiducia, è forse il segreto, troppo spesso dimenticato, dell'esistenza umana.
Le domande dei bambini sono state spunto prezioso per parlare di temi importanti come la famiglia, la società e i sentimenti:
“Come faccio a restare calmo quando vedo tante cose brutte nel mondo?”
“Tu che cosa fai quando hai paura?”
“Cosa dovrei fare quando sono triste?”
E Thich Nhat Hanh ne ricorda l'importanza in modo da imparare a riconoscerli, comprenderli e non averne paura.
Il saggio monaco zen introduce, inoltre, i suoi piccoli lettori a un argomento essenziale. Un argomento troppo spesso ed erroneamente riservato agli adulti ma che andrebbe invece approfondito fin dalla tenera età: la meditazione. E se per caso, cari bambini, vi state domandando cosa sia la meditazione ecco pronta la risposta del saggio:
Meditare è concentrarsi e guardarsi dentro... se stai tranquillo a goderti l'inspirazione e l'espirazione stai praticando la meditazione... se sai sorridere con grazia e senza sforzo sai meditare.
E allora, cari lettori, preparatevi a un percorso entusiasmante che vi condurrà, passando anche per le coloratissime ed originali illustrazioni di Valentina Scagnolari, a una maggiore conoscenza del sé!

Liliana-Sghettini

Liliana Sghettini
Dottore Commercialista. Appassionata lettrice, si avvicina alla scrittura con alcune pubblicazioni di racconti brevi e scritti epistolari.
Impegnata nella scuola come rappresentante dei genitori, si interessa di pedagogia, didattica e psicologia.
Scrive recensioni, racconti, poesie e favole in compagnia di sua figlia, fonte inesauribile di ispirazione oltre che compagna di lettura.
Emozioni in polvere, Echos Edizioni.

About Stefania Bergo

Il blog culturale degli scrittori emergenti: letteratura, webmagazine, travel&living, arte, promozioni speciali e servizi editoriali.
    Blogger Comment
    Facebook Comment
    G+ Comment

0 commenti:

Posta un commento

Ti è piaciuto questo articolo? Allora faccelo sapere, il tuo feedback è per noi prezioso, grazie!