• Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scritri della accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto

In primo piano

[Cinema] "La bella e la bestia": differenze e analogie con il film d'animazione della Disney, di Lara Zavatteri

La-bella-e-la-bestia-differenze-film-cartoon

"La bella e la bestia": bellissima la storia riproposta nei cinema, perfetto mix tra il cartone animato di ieri e il film di oggi.

Ne avevo già scritto in precedenza, annunciando l'uscita nelle sale del film, ma ora posso dirlo. “La bella e la bestia” è un vero capolavoro!
Per chi ha visto il cartone animato del 1991, è stato (o sarà) un tuffo indietro nel tempo, perchè la pellicola è stata capace di riproporlo, pur con qualche modifica.
Insomma il film è contemporaneamente uguale e diverso al lungometraggio animato.

  • Le musiche sono per il 90% le stesse, anche se alcune parole o frasi sono diverse: la più simile di tutte è la celebre canzone Stia con noi. Ritrovare le atmosfere di un tempo, quindi, non sarà difficile. 
  • Belle è più intraprendente. Veste il solito vestito blu, ma sotto ha i pantaloni. Un particolare che chi ha realizzato il film ha voluto far notare, grazie a un trucchetto: una parte della gonna di Belle è leggermente rialzata e lascia intravedere i calzoni. Inoltre, rispetto al cartone, Belle è, per l'appunto, più intraprendente. Appena rinchiusa nel castello, infatti, cerca di fuggire con una corda fatta di vestiti. 
  • Anche i costumi sono gli stessi. Per Belle e per la bestia, così come per l'antipatico e sbruffone Gaston, sono stati riproposti gli stessi abiti, così come i particolari del castello e i suoi abitanti (di nuovo c'è solo il pianoforte). 
  • Il più buffo tra i personaggi è ancora una volta Tockins, maggiordomo trasformato in l'orologio parlante dopo l'incantesimo lanciato alla bestia che notoriamente ha coinvolto tutto il castello. Oltre alle sue battute e movenze, l'ironia deriva dai battibecchi tra lui e il candeliere Lumiere. Quest'ultimo è, invece, colui che meno si lascia intimidire dal padrone, ovvero dalla bestia, tanto che la sera stessa dell'arrivo di Belle improvvisa uno spettacolo per lei (dove canta Stia con noi). 
  • La maga del film si nasconde sotto mentite spoglie al villaggio di Belle, cosa che nel cartone non esiste, tanto più che non si trattava di una maga ma di una fata, che aveva lanciato l'incantesimo sul principe per farlo diventare una bestia.
  • Inoltre, nel film gli abitanti del villaggio sono imparentati o amici dei personaggi del castello, anche se ne hanno dimenticato l'esistenza, e si fa cenno alla madre di Belle. 
  • Come nel cartone, le scene più spettacolari sono quelle del favoloso ballo tra la bestia e Belle, dove tutto coincide alla perfezione.
Un film meraviglioso che ha saputo non snaturare il cartone pur con qualche aggiunta e modifica. Da vedere. 

About Valentina Gerini

Il blog culturale degli scrittori emergenti: letteratura, webmagazine, travel&living, arte, promozioni speciali e servizi editoriali.
    Blogger Comment
    Facebook Comment
    G+ Comment

0 commenti:

Posta un commento

Ti è piaciuto questo articolo? Allora faccelo sapere, il tuo feedback è per noi prezioso, grazie!