• Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scritri della accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto

In primo piano

"Il tesoro dentro" di Elena Genero Santoro

elena-genero-santoro

Elena Genero Santoro

Caporedattrice, Responsabile editoriale "Anteprime"
Editoriali, recensioni, interviste


Ama viaggiare e conoscere persone che vivono in altri Paesi. Ha avuto anche esperienze teatrali a livello amatoriale. È una lettrice feroce e onnivora. Scrive da quando aveva quattordici anni per raccontare i sentimenti umani, per sognare con travagliate storie d’amore, per dare un taglio ironico alla realtà e per trattare temi sociali denunciando quelle che ritiene delle ingiustizie.





Il tesoro dentro


Editore:  Zerounoundici Edizioni
Genere: Giallo psicologico
ISBN: 978-88-6307-950-0

Costo Ebook: 4,99 € 
Amazon

Costo Cartaceo: 13,17 €
Ibs
La banda del Book












Anna è una bella donna che ha perso il marito da due anni ed è ancora depressa. Ha ereditato una libreria antiquaria sull’orlo del fallimento e mal sopporta il caratteraccio di Amanda, la sua contabile. Due uomini la corteggiano da qualche tempo: Emil, uno scrittore danese che fugge da se stesso, e Alberto, un entusiasta imprenditore che si offre di aiutarla con la sua libreria in crisi.
Inizialmente Anna pare destinata a destreggiarsi tra entrambi gli uomini, in attesa di capire di chi innamorarsi e di tornare alla vita. In realtà per uno dei due il cuore di Anna non è il vero obiettivo.
Ci sono ben altri interessi in gioco. Così, mentre il passato bussa alla porta di Emil, due persone si faranno davvero male. Ma chissà che nei vaneggiamenti della stramba Amanda non si nasconda qualche indizio e la chiave per arrivare alla fine di una singolare caccia al tesoro. Un romanzo a tinte gialle e rosa, che affronta anche il tema della malattia mentale.

Per la prima volta dopo due anni, Anna aveva compiuto spontaneamente un gesto che non le serviva per la mera sopravvivenza: aveva cucinato una teglia di lasagne con l’intento di offrirne – gratuitamente e al di fuori della sua attività commerciale – un piatto a Emil. Il danese, così eccentrico, così solitario, aveva solleticato in lei qualcosa, come una specie di istinto di protezione. Le aveva detto di conoscere sì e no cinquanta persone in Italia e di non avere più legami con la Danimarca. Allora lei si era sentita in dovere di fare qualcosa di carino per farlo sentire a suo agio nel paese straniero in cui per qualche ragione aveva scelto di vivere. E ora attendeva, con una certa trepidazione, di vederlo entrare per mostrargli con un sorriso la sorpresa che aveva preparato per lui, convinta che avrebbe gradito. Per la prima volta dopo due anni la contentezza di qualcuno – di un uomo per giunta – le stava a cuore.
Solo che Emil non si vide. Non comparve al mattino e nemmeno nel primo pomeriggio.
Si era alzato quel giorno con un cerchio alla testa. La sera prima, proprio mentre Anna era indaffarata a impastare le lasagne, lui stava a “The 1870 Huntsman Pub” in corso Vittorio Emanuele a scolarsi un paio di birre e forse ne aveva mandata giù qualcuna di troppo. L’alcol lo reggeva bene, ma quella volta aveva un po’ esagerato.
[...]
La reazione che lui e Anna avevano avuto ai reciproci drammi personali era stata, in quel senso, diametralmente opposta. Lui aveva messo più chilometri che poteva da ciò che gli ricordava i suoi traumi, pur di lasciarsi tutto alle spalle. Lei invece non si era più mossa di un millimetro – anche fisicamente, avendo smesso di fare sport – anzi si era inviluppata in un immobilismo sterile per illudersi che nulla fosse cambiato. Lui aveva lasciato una casa piena di ricordi pur di non vederla vuota, lei invece aveva riempito una casa di ricordi pur di non ammettere che in realtà era vuota.



Il primo incontro, quando gli occhi si guardano ma i cuori ancora non si vedono, "Il tesoro dentro" di Elena Genero Santoro nella puntata di Radio Book del 9 febbraio (dal minuto 6:23), inseme alle Lleggende metropolitane della la Dama Velata e le inquietudini dell'amore, di Silvia Pattarini, e della Dama Bianca, di Giulia Mastrantoni e a Loveland, la città più romantica del mondo, di Valentina Gerini.




Dello stesso autore


IMMAGINA DI AVER SOGNATO
Editore:  PubGold
Genere: Romance
ASIN: B01MYNY8CO


GLI ANGELI DEL BAR DI FRONTE
Editore:  0111 Edizioni
Genere: Mainstream
ISBN: 978-88-6307-811-4


UN ERRORE DI GIOVENTÙ
Editore:  0111 Edizioni
Genere: Mainstream
ISBN: 978-88-6307-515-1


PERCHÈ NE SONO INNAMORATA
Editore:  StreetLib (seconda edizione)
Collana: Gli scrittori della porta accanto
Genere: Romance
ISBN 9788826014104


L'OCCASIONE DI UNA VITA
Editore:  Lettere Animate
Genere: Mainstream
ISBN: 978-88-6307-515-1


    Commenta con Blogger
    Commenta con Facebook

0 commenti:

Posta un commento

Ti siamo davvero riconoscenti per il tempo che ci hai dedicato. Se sei stato bene in nostra compagnia, perché non ci lasci un commento o ci offri un caffè? Grazie!

Breaking News

Dal nostro archivio

La Giornata Internazionale delle bambine e delle ragazze, per dire basta alle spose bambine, una rivoluzione (arancione) necessaria, di Stefania Bergo

Oggi si celebra in tutto il mondo la V Giornata Internazionale delle bambine e delle ragazze . Una giornata di sensibilizzazione, per il d...