• La stanza numero cinque, Gli scrittori della porta accanto
  • Il tesoro dentro, Elena Genero Santoro - Gli scrittori della porta accanto
  • Storie di una assistente turistica 2
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Il tempo di un caffè, di Silvia Pattarini - Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Mwende, Stefania Bergo (Memoir) - Gli scrittori della porta accanto
  • Racconti, Gratis, Natale, Gli scrittori della porta accanto
  • Il sogno dell'isola, Tamara Marcelli - Gli scrittori della porta accanto
  • Ponsacco-Los Angeles Sulle tracce di Bruce Springsteen, Valentina Gerini (Mainstream) - Gli scrittori della porta accanto
  • Con la mia valigia gialla, Stefania Bergo (Memoir) - Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Volevo un marito nero, Valentina Gerini (Romance) - Gli scrittori della porta accanto
  • La notte delle stelle cadenti, Valentina Gerini (Romance) - Gli scrittori della porta accanto
  • Perchè ne sono innamorata, Elena Genero Santoro, Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Chiaroscuro, Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • L'appetito vien leggendo - Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Ad ali spiegate, Ornella Nalon - Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Diventa realtà, Elena Genero Santoro, Gli scrittori della porta accanto
  • Immagina di aver sognato, Elena Genero Santoro, Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Di donne, di amori e di altre catastrofi (Romance ironico) - Andrea Pistoia, Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Il cielo d Inghilterra, Loriana Lucciarini - Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Il sogno di Giulia, Claudia Gerini (Romance) - Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Lungo la via Francigena, di Angelo Gavagnin - Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scritri della accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Ritrovarsi di Loriana Lucciarini - Gli Scrittori della Porta Accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Una felicità leggera leggera, Loriana Lucciarini - Gli scrittori della porta accanto
  • Una grande amicizia, Liliana Sghettini - Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto

Dove ballano le ragazze, di Alessandro Cartoni

Dove ballano le ragazze, di Alessandro Cartoni - Recensione

Libri Recensione di Paola Casadei. Dove ballano le ragazze, di Alessandro Cartoni, Zerounoundici Edizioni, 2017. Racconti di paternità, solitudine, della crisi dell’uomo (del maschio) nella società e, perché no?, della crisi della scuola pubblica. 

Fin dalle prime righe mi sono detta: ma chi è l’autore? Mi piacerebbe incontrarlo. Sono rimasta subito affascinata dal suo modo di scrivere e intrigata da quello che ha scritto. Mi sono chiesta cosa potesse aver visto o vissuto l’autore, o l’uomo, Alessandro Cartoni per poter indagare così a fondo nella psiche maschile, per raccontare «la tana di ostilità e di odio» in cui alcuni si chiudono, «la nostalgia fatta di rabbia, desiderio e rancore» che prende altri, per riconoscere il «monomaniaco onanista». Mentre leggevo ho pensato che avrei voluto scrivere una recensione, ma mi sono detta che sarebbe stato difficile, temevo di non saper trovare le parole più adatte.
La prima parola che mi è venuta in mente pensando a una recensione di questo libro è stata: leggetelo!

Si tratta di cinque racconti che narrano di paternità, di solitudine, della crisi della scuola pubblica, della crisi – o del ruolo – dell’uomo, del maschio, nella società.

Le situazioni che racconta sono estreme o portate all'estremo, Alessandro Cartoni riesce a mettere nero su bianco lo smarrimento dell’uomo di fronte alle ipocrisie della vita, le ansie e le ossessioni di gente comune. Si tocca con mano il disagio dei suoi personaggi, forse mossi dalla consapevolezza che è inutile cercare sempre un senso nelle cose e che non si può essere del tutto se stessi senza che altri soffrano per questo.
Nel primo racconto, L’esercito di Giulia, il papà di Giulia a un certo punto ha smesso di resistere e ha ceduto alla sua bambina di sette anni (che quando può usa una strategia: l’isolamento dell’avversario) e al suo esercito di alleati fedeli e pericolosi: i suoi bambolotti. Acuto.
Nel secondo racconto, I vermi, il prof Luca Spalletti è in terapia. La dottoressa gli dice che in Italia il 40% dei pazienti in terapia è costituito da insegnanti. Gli suggerisce di tenere un quadernino e lui ne porta due con sé per tutta l’estate, per annotarsi le cose che non vanno e quelle che vanno. E intanto i vermi entrano in casa e nel letto...
Effetti del tempo e dell’esilio meriterebbe una recensione tutta per lui.
Ma ognuno dei racconti ha qualcosa da dire.

Dove ballano le ragazze di Alessandro Cartoni è un libro che ci porta a riflettere, per fortuna spesso col sorriso sulle labbra nonostante la gravità con cui i personaggi vivono, anzi sopravvivono, o subiscono la vita, ormai soggiogati e schiacciati dalla disfatta psicologica. 

L’esilio non sta nel luogo, ma nel qualcosa che è dentro di te simile a un vetro opaco che distanzia.
Ma forse il filo conduttore è, come dice la quarta di copertina, l’amore, il desiderio di amore e normalità: 
Minimo comun denominatore dei cinque racconti di “Dove ballano le ragazze” è l’amore nella sua forma estrema, debordante, crudele. Che sia paterno, erotico, filiale, feticista o altro, tale sentimento spinge i protagonisti di queste storie, tutte ambientate nelle Marche, a confrontarsi con se stessi e con il mondo esterno. Dallo scontro emerge la configurazione di un universo pericolosamente in bilico tra antichi pregiudizi e selvaggi edonismi di massa.
Alessandro Cartoni ha una scrittura estremamente gradevole, descrive persone che non riescono più a tenere insieme i pezzi della loro vita, riesce a rendere limpido e a suscitare un sorriso su soggetti e scene che di per sé sarebbero sporchi e impuri. Penso tra l’altro alla bambola gonfiabile o a Gaja, la ballerina di lapdance di cui il prof si innamora...
Ho letto un commento e vorrei averlo scritto io (grazie Angelo Canaletti): «Ogni suo personaggio è uno specchio». E davanti a uno specchio, da soli, a un certo momento tutti dobbiamo guardare con attenzione e togliere la maschera. Cosa resta?


Dove ballano le ragazze

di Alessandro Cartoni
Zerounoundici Edizioni
ISBN 978-8893700665
Cartaceo 12,32€
Ebook 1,99€

Sinossi
Minimo comun denominatore dei cinque racconti di "Dove ballano le ragazze" è l'amore nella sua forma estrema, debordante, crudele. Che sia paterno, erotico, filiale, feticista o altro, tale sentimento spinge i protagonisti di queste storie, tutte ambientate nelle Marche, a confrontarsi con se stessi e con il mondo esterno. Dallo scontro emerge la configurazione di un universo pericolosamente in bilico tra antichi pregiudizi e selvaggi edonismi di massa.

Paola Casadei

Paola Casadei
In origine farmacista e direttore tecnico di laboratorio omeopatico, ha lasciato Forlì per trasferirsi prima a Roma, poi a Montpellier, quindi per dodici meravigliosi anni in Africa (otto in Sudafrica e quattro in Mozambico), dove ha insegnato musica e italiano. Ora risiede a Montpellier con la famiglia.
L'elefante è già in valigia, Lettere Animate Editore.
Malgré-nous. Contro la nostra volontà, traduzione, Ensemble Edizioni.
Dal buio alla luce. Il bisso marino e Chiara Vigo, traduzione, Cartabianca Editore.

About Davide Dotto

Il blog culturale degli scrittori emergenti: letteratura, webmagazine, travel&living, arte, promozioni speciali e servizi editoriali.
    Commenta con Blogger
    Commenta con Facebook
0 commenti

Posta un commento

Ti siamo davvero riconoscenti per il tempo che ci hai dedicato. Se sei stato bene in nostra compagnia, perché non ci lasci un commento o ci offri un caffè? Grazie!

#mammeinviaggio e #gliscrittoridellaportaaccanto su Instagram