Gli scrittori della porta accanto

Maria, Regina di Scozia: la storia attraverso gli occhi delle donne

Maria, Regina di Scozia, un film di Josie Rourke: la recensione

Cinema Di Lara Zavatteri. Maria Regina di Scozia della regista Josie Rourke. Il film, nelle sale in questi giorni, ripercorre la vita della regina scozzese in perenne lotta con la cugina Elisabetta Tudor.

Maria Stuarda ed Elisabetta I erano cugine, erano donne che regnavano in un mondo maschile, erano entrambe determinate ad avere maggiore potere.
La Universal Pictures presenta il film in questi giorni nelle sale cinematografiche italiane Maria, Regina di Scozia diretto da Josie Rourke che ripercorre la vita, gli intrighi e i tradimenti della vita di Maria Stuarda (così chiamata per il suo cognome, Stuart) e di Elisabetta Tudor.
La trama di Maria, Regina di Scozia ripercorre la vita di Maria Stuarda, essendo un film biografico. Ancora giovanissima Maria (interpretata dall'attrice Saoirse Ronan) si reca in Francia per sposare l'erede al trono, Francesco II di Valois, figlio di Caterina de' Medici che diviene re per poco tempo. Infatti muore lasciando sola la giovane vedova. Maria ha il diritto di sedere sul trono di Scozia come regina, di fatto lo è fin dalla nascita anche se i fili li ha tirati fino alla maggiore età sua madre, Maria Di Guisa. Così decide di lasciare la Francia per tornare nella terra natia.

Maria però conosce poco la Scozia e gli scozzesi di lei non sanno quasi nulla. 

Lei dovrà fare i conti con il fratellastro, che ambisce al trono e con mille intrighi e tradimenti da parte della sua stessa gente. Avrà un figlio, Giacomo, che alla fine diventerà re al suo posto, unendo per la prima volta le corone di Scozia e d'Inghilterra, mentre lei, dopo decenni di prigionia in Inghilterra, sarà decapitata su ordine della cugina Elisabetta Tudor, cui presta il volto l'attrice Margot Robbie. Elisabetta, nel film ritratta con il volto rovinato dalla malattia che l'aveva risparmiata, il vaiolo, conosceva fin da piccola il trattamento riservato ai traditori, infatti suo padre, Enrico VIII, non aveva esitato a decapitare sua madre, Anna Bolena, accusata di adulterio, stregoneria ed altro, accuse messe in atto probabilmente dal re per sbarazzarsi della moglie e sposare la nuova favorita, Jane Seymour. Anche se nel film Elisabetta appare anche solo dal volto una donna spietata, esitò a lungo prima di decidere di firmare l'atto che condannava la cugina. Dopo aver scoperto un complotto ordito da Maria per impossessarsi del trono, la sua fine fu inevitabile. D'altra parte, nemmeno Elisabetta intendeva farne la sua erede.

Maria, Regina di Scozia racconta come Elisabetta intendesse regnare sui due regni e come Maria volesse impossessarsi anche del trono inglese.

Di fatto, Maria era una pretendente legittima, infatti la sorella di Enrico VIII, Margherita Tudor, fu regina consorte di Scozia e nonna di Maria, quindi Maria stessa poteva di fatto entrare nella linea di successione per il trono inglese o diventando l'erede di Elisabetta, che non aveva figli, oppure uccidendola, da qui il complotto.
Maria ed Elisabetta erano due donne potenti, in un mondo governato da uomini. La prima era cattolica - nel film e nella realtà, al momento di morire indossò un vestito rosso, per essere ricordata come una martire cattolica - la seconda protestante; la prima si sposò tre volte, la seconda decise di “essere sposata all'Inghilterra”. Eppure, nonostante le differenze, furono due donne che probabilmente anche da lontano si stimarono.

Maria Regina di Scozia della regista Josie Rourke è un film per tutti coloro che amano la storia e in questi anni hanno seguito anche la tendenza del raccontarla attraverso gli occhi delle donne.

Ricordiamo ad esempio le serie come The White Queen e The White Princess e i libri di Philippa Gregory.
Vi segnalo anche un altro libro, sempre su una regina, ovvero La regina ribelle di Elizabeth Chadwick, che racconta le vicende di Eleonora d'Aquitania, madre di Riccardo Cuor di Leone e una donna indipendente e controcorrente per la sua epoca, il XII secolo.



Lara Zavatteri

Lara Zavatteri
Classe 1980, vive e lavora nel paese di Mezzana in val di Sole (Trentino). Iscritta all'Ordine nell'elenco dei pubblicisti dal 2000, scrive articoli di cultura, ambiente e attualità locale. È anche blogger e autrice di libri.
Guardando le stelle,Un cane di nome GiulianoRisparmia Subito!Amici per sempreCuor di Corteccia, Sopravvissuti, Youcanprint.
Reset, Photocity.it.
La strada di casa, Edizioni del Faro.
Agata. Come un funerale ti salva la vita, Youcanprint.

Ti siamo davvero riconoscenti per il tempo che ci hai dedicato. Se sei stat* bene in nostra compagnia, che ne dici di farti un giro sul nostro blog? Potresti lasciarci un commento per farci sapere che ne pensi, iscriverti alla newsletter, per restare sempre aggiornat* sui nostri argomenti, o all'Associazione Gli Scrittori della Porta Accanto APS, per usufruire di promozioni e contenuti dedicati, oppure potresti offrirci un caffè per sostenere il nostro lavoro. Te ne saremmo davvero grat*. Il vostro feedback è davvero importante per noi.

About Davide Dotto

Il webmagazine degli scrittori indipendenti.
    Commenta con Blogger
    Commenta con Facebook
0 commenti

Posta un commento

Ti siamo davvero riconoscenti per il tempo che ci hai dedicato. Se sei stato bene in nostra compagnia, perché non ci lasci un commento? Grazie!

<< ARTICOLO SUCCESSIVO
Post più recente
ARTICOLO PRECEDENTE >>
Post più vecchio
Home page

Novità editoriali


Pubblicità