• Gli Scrittori della Porta Accanto Edizioni
  • Gli Scrittori della Porta Accanto Edizioni
  • Storie di una assistente turistica
  • Da zero a 69
  • Il tesoro dentro, Elena Genero Santoro - Gli scrittori della porta accanto
  • Ponti sommersi, di Tamara Marcelli
  • Sulle ali della fantasia di Ornella Nalon
  • Il sogno di Giulia, Claudia Gerini (Romance) - Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • La stanza numero cinque, Gli scrittori della porta accanto
  • Il tempo di un caffè, di Silvia Pattarini - Gli scrittori della porta accanto
  • Mwende, Stefania Bergo (Memoir) - Gli scrittori della porta accanto
  • Il sogno dell'isola, Tamara Marcelli - Gli scrittori della porta accanto
  • Ponsacco-Los Angeles Sulle tracce di Bruce Springsteen, Valentina Gerini (Mainstream) - Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Racconti, Gratis, Natale, Gli scrittori della porta accanto
  • Volevo un marito nero, Valentina Gerini (Romance) - Gli scrittori della porta accanto
  • Con la mia valigia gialla, Stefania Bergo (Memoir) - Gli scrittori della porta accanto
  • La notte delle stelle cadenti, Valentina Gerini (Romance) - Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Perchè ne sono innamorata, Elena Genero Santoro, Gli scrittori della porta accanto
  • Chiaroscuro, Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • L'appetito vien leggendo - Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Anche la morte va in vacanza al lago
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Diventa realtà, Elena Genero Santoro, Gli scrittori della porta accanto
  • Immagina di aver sognato, Elena Genero Santoro, Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Corpo di vento
  • Di donne, di amori e di altre catastrofi (Romance ironico) - Andrea Pistoia, Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Il cielo d Inghilterra, Loriana Lucciarini - Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • L età dell erba
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Lettera alle parole
  • Lungo la via Francigena, di Angelo Gavagnin - Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Nucleo Operativo - Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Ovunque per te, Elena Genero Santoro, PubMe
  • Racconti di stelle al bar Zodiak
  • Ritrovarsi di Loriana Lucciarini - Gli Scrittori della Porta Accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Un angelo protettore
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Una felicità leggera leggera, Loriana Lucciarini - Gli scrittori della porta accanto

Umbria is the new Tuscany, racconto di Valentina Gerini

Umbria is the new Tuscany, racconto di Valentina Gerini

Inediti d'autore Racconto di Valentina Gerini. Umbria is the new Tuscany. «Pensiamo di odiarli, i gentilissimi, per le loro uscite strambe, la pronuncia insolita, l'ignoranza in geografia. Ma in realtà li amiamo. Li amiamo tutti»

In quella sghemba stanza dei sobborghi milanesi, il secondo incontro degli Operatori Turistici Anonimi è in corso. Dopo la scorsa sessione, dedicata alle presentazioni iniziali e alla visualizzazione della Dipendenza da Attività Turistiche da cui tutti i partecipanti sono affetti, oggi sono in corso una serie di racconti random su esperienze traumatiche subite che riguardano la geografia. Valgono anche esperienze non vissute in prima persona, ma alle quali i partecipanti hanno assistito. Perché in ambito turistico se ne vede di ogni.

Sta parlando Valentina.
Anni: 33, di cui dieci nel turismo.
Professione: assistente turistica, accompagnatrice turistica e concierge.
Livello di dipendenza da gentilissimo diagnosticato: medio-alto.
«Accompagno un tour in Toscana. Il gruppo è composto da 25 americani, quasi tutti del Texas, ad eccezione di un paio della Florida e di due coppie di Washington DC. Il primo giorno visitiamo la Val D’Orcia e subito iniziano i primi problemi. "Montalcini, Brunella, Pecorina..." che ogni volta che sento questa parola mi trattengo dal ridere, ma vorrei tanto mostrare loro il buffissimo video dello chef italiano che vive in UK, Gino D'Acampo, in cui spiega la differenza tra pecorino e pecorina...»
In sala gli animi si scaldano, chi conosce lo chef Gino ride, chi non lo conosce chiede informazioni ai vicini di sedia. Tutti però annuiscono.
Un po' come Grazi. Come quando dicono Cianti.
Voci disordinate lasciano trasparire che ci sarà sicuramente bisogno di una sessione dedicata alla pronuncia di parole italiane da parte dei turisti e l'oratore interviene.
«Ci sarà modo di parlare anche di questo, vi prego di calmarvi».

Valentina così continua.

«Dunque, dicevo, i problemi a livello di pronuncia si presentano già dalla prime ore. Ma non è quello di cui voglio parlarvi. Perché oggi parliamo di geografia e vorrei ricordare un momento difficile che ho vissuto proprio con questo gruppo, al secondo giorno di tour dopo l'arrivo. Siamo a Volterra. Premetto che io, dall'accoglienza in aeroporto in poi, non ho fatto altro che parlare della Toscana, del fatto che il tour che loro avevano scelto si chiamasse "Wonderful Tuscany" e che avremmo visitato in una settimana parte della Toscana. Ho parlato delle province, dei confini, spiegando le regioni, e ribadendo più volte cosa fosse la Toscana e quali città avremmo visitato. Così arriviamo a Volterra e ingenuamente penso che tutti abbiano le idee chiare. Ma arriva lui, che dopo tre giorni di tour dove si è parlato sempre e solo di Toscana, mi chiede: "Senti, ma ora siamo in Umbria o no?". Io non so cosa rispondere. Sono spiazzata. È come se la terra sotto ai miei piedi si fosse sgretolata. Vorrei dargli una testata, così senza tanti preamboli. Perché l'unica cosa a cui riesco a pensare è che se scegli un tour che si chiama "Wonderful Tuscany" dovresti sapere che visiterai la Toscana e non l'Umbria. Se poi il tuo tour prevede un'accompagnatrice che si sgola dalla mattina alla sera per dirti vita morte e miracoli di quello che andrai a vedere IN TOSCANA, non può venirti il dubbio di essere in Umbria. Non può venirti. Semplicemente non può. Poi però mi sono trattenuta, come sempre, ho fatto un grande respiro e ho sorriso. Passato l'istinto omicida ho spiegato che no, non eravamo in Umbria, ma ancora in Toscana e non avremmo mai toccato l'Umbria durante il tour. Mai».
Severa ma giusta!, grida qualcuno.
Risa, applausi.

Sara prende la parola.
Anni: 28, di cui due nel turismo.
Professione: receptionist.
Livello di dipendenza da gentilissimo diagnosticato: basso. Per ora.
«Lavoro in un hotel del centro di Roma da un paio di settimane, ma non più di tre mesi fa lavoravo all'ufficio turistico di Lucca e un signore è venuto con una mappa al bancone per chiedere informazioni sulla città e su ciò che avrebbe potuto visitare. Poi indicando Piazza dell'Anfiteatro, ha chiesto alla mia collega: "Ma dalla piazza al David, quanto ci impiego a piedi?". All'inizio lei pensava di aver capito male, quando però ha inteso che lui davvero stava pensando al David di Michelangelo, ha risposto con gentilezza e ha spiegato dove si trova il David. Anzi, dove è sempre stato, da sempre. Allora lui, senza il minimo accenno di vergogna, ha domandato: "Ho capito, e invece... per raggiungere l'Umbria, dalla piazza, 15 minuti mi bastano?"
Ci sono cadute le braccia, lo ammetto. Ma abbiamo continuato a sorridere. La mia collega ha mostrato, girando verso di lui lo schermo del computer, i treni che avrebbero potuto condurlo in Umbria!»

«Praticamente Umbria is the new Tuscany» si sente dire in tutta la stanza.

È il turno di Anna.
Anni: 37, di cui dodici nel turismo.
Professione: assistente turistica.
Livello di dipendenza da gentilissimo diagnosticato: altissimo.
«Io sono umbra e mi fa piacere che molti turisti stranieri pensino di visitare la mia regione. Parlando di Umbria, però, mi è tornato in mente un episodio buffissimo avvenuto questa estate, quando lavoravo come assistente turistica residente a Marsa Matrouh, in Egitto. Se conoscete un po' l'Egitto, sapete sicuramente che Marsa Matrouh è una località che si affaccia sul Mar Mediterraneo. Niente Mar Rosso. Niente Sharm el Sheikh. Durante un classico pomeriggio di assistenza al desk, mentre stavo risolvendo una questione noiosa di un cambio camera e scrivendo i fogli relativi alle conferme volo da appendere in bacheca il giorno successivo, arriva una coppia umbra, con la quale avevo fatto amicizia – se così si può definire – proprio per le radici che ci accomunano. Si siedono al banco, mi salutano, sfogliano il catalogo e poi chiedono: "Quanto costa l'escursione a Sharm el Sheikh?"».
Qualche voce grida frasi di stupore rabbioso: Ma quando viaggiano non si informano sul luogo che vanno a visitare? Ma una mappa non la guardano nemmeno?

Mario interviene.
Anni: 42, di cui diciotto nel turismo.
Professione: accompagnatore e guida turistica.
Livello di dipendenza da gentilissimo diagnosticato: alto.
«Dev'essere il momento dell'Umbria. Perché questa estate anche a me è successa una cosa simile. Ero con un gruppo di americani e stavamo visitando i dintorni di Firenze. Quindi, oltre alla città, avevamo in programma il Chianti, Siena, San Gimignano. Nessuno spostamento previsto al di sopra dell'ora e mezza di viaggio. Come a dire: non andremo molto lontano! Inoltre io avevo ripetuto la parola Toscana fino allo sfinimento. E sapete cosa mi ha chiesto una signora del Kentucky alla partenza in aeroporto? Testuali parole: "Scusa, una domanda, ma tutto questo tempo siamo sempre stati in Toscana o per caso siamo stati anche in Umbria?". Io l'ho guardata, con un misto di compassione e devozione, e l'ho abbracciata. Perché sono queste domande che mi fanno capire di amarli tutti, i gentilissimi. Sono queste domande che mi danno la forza di andare avanti».
L'oratore interviene.
«Mario ha appena toccato il nucleo caldo della questione. Amare i gentilissimi. Siamo tutti qui per questo, perché pensiamo di odiarli, per le loro uscite strambe, la loro pronuncia insolita, la loro ignoranza in geografia... Ma in realtà li amiamo. Li amiamo tutti».
Storie di una assistente turistica | Valentina Gerini
leggi altre storie su

Storie di una assistente turistica

Valentina Gerini
PubMe Gli Scrittori della Porta Accanto
Acquista su Amazon
Valentina Gerini

Valentina Gerini
Amo viaggiare e dal 2008 sono assistente turistica, concierge e tour leader. Ho vissuto e lavorato all’estero, dove ho aperto la mente e il cuore. Ho una figlia e la porto in viaggio ogni volta che posso. Leggere e scrivere sono due mie grandi passioni. E siccome una ne penso e cento ne faccio, mi impegno a portare avanti il progetto Gli scrittori della porta accanto.
Volevo un marito nero, StreetLib - Collana Gli scrittori della porta accanto (seconda edizione)
La notte delle stelle cadenti, StreetLib - Collana Gli scrittori della porta accanto (seconda edizione).
Ponsacco-Los Angeles. Sulle tracce di Bruce Springsteen, StreetLib - Collana Gli scrittori della porta accanto.
Storie di una assistente turistica, PubMe - Collana Gli scrittori della porta accanto.

About Valentina Gerini

Il blog culturale degli scrittori emergenti: letteratura, webmagazine, travel&living, arte, promozioni speciali e servizi editoriali.
    Commenta con Blogger
    Commenta con Facebook
0 commenti

Posta un commento

Ti siamo davvero riconoscenti per il tempo che ci hai dedicato. Se sei stato bene in nostra compagnia, perché non ci lasci un commento o ci offri un caffè? Grazie!

<< ARTICOLO SUCCESSIVO
Post più recente
ARTICOLO PRECEDENTE >>
Post più vecchio
Home page
Pubblicità
Amazon Prime



Novità editoriali



Pubblicità
Booking.com


#mammeinviaggio e #gliscrittoridellaportaaccanto su Instagram