Gli scrittori della porta accanto - Non solo libri

La regina della Rosa Bianca: le donne forti di Philippa Gregory

La regina della Rosa Bianca: le donne forti di Philippa Gregory

Professione lettore Di Lara Zavatteri. Le donne forti dei libri di Philippa Gregory: Elisabetta Woodville, la regina della Rosa Bianca.

Se cercate uno o più libri che raccontano di donne forti, come ho già fatto in passato su Gli scrittori della porta accanto vi consiglio i libri di Philippa Gregory.
Tutto inizia con un libro...

La regina della Rosa Bianca.

Dunque, questo è il libro da cui è stata tratta una serie tv dal titolo The White Queen, con protagonista una regina realmente esistita ma di cui, fino al libro dell'autrice, poco si sapeva.
Si chiamava Elisabetta Woodville e aveva sposato re Edoardo IV d'Inghilterra.
Siamo al tempo della Guerra delle due rose e la famiglia di Elisabetta è dalla parte dei Lancaster. Quando suo marito muore in battaglia, lei si ritrova vedova, con due figli e senza eredità a soli 27 anni. Decide perciò di chiedere aiuto proprio a re Edoardo, che fino ad allora per lei e la sua famiglia rappresentava il nemico. Edoardo non solo la aiuterà, ma, contro il parere di tutti, la sposerà rendendola regina e ovviamente non più lancastriana, ma dalla parte degli York.
La regina della Rosa Bianca

La regina della Rosa Bianca

di Philippa Gregory
Sperling & Kupfer
Romanzo storico
ISBN 978-8868360221
Cartaceo 10,35€

Una scelta, quella di diventare regina, che a Elisabetta costerà molto cara. Infatti, nel corso della sua vita dovrà molto sopportare.

Perse il padre e il fratello, uccisi durante una battaglia da Richard Neville, colui che aveva messo sul trono Edoardo e che diventerà un traditore.
Dovette sopportare di vivere confinata nell'abbazia di Westminster, insieme ai figli e alle figlie, mettendo al mondo un piccolo principe in quella che di fatto era una sorta di cripta.
Credette di perdere la madre, accusata di stregoneria, anche se poi venne rilasciata.
Perse prematuramente alcuni figli.
Perse la madre ancora giovane.
Rimase prematuramente vedova e sola.
Perse un altro fratello e il figlio di primo letto, uccisi ancora una volta, dal fratello del re, Riccardo, che scelse di rivendicare per sé il trono.
Perse due figli, tra cui colui che doveva diventare re dopo suo padre, Edoardo, mentre non si sa con certezza se Riccardo, l'altro bambino, sia sopravvissuto. Vengono definiti “I principi nella Torre”.
Sopportò una nuova segregazione a Westminster con i figli, mentre re Riccardo diventava il nuovo sovrano.
Perse il titolo di regina, anche se ritrovò la libertà per sé e le figlie.
Vide sua figlia Elisabetta sposare il nuovo re, che aveva ucciso re Riccardo, Enrico VII Tudor, che di fatto disprezzava.

Leggi anche Lara Zavatteri | I principi nella Torre, tra Storia e leggenda

Si tratta di una storia vera, raccontata in La regina della Rosa Bianca uno dei libri della Gregory in cui a parlare in prima persona sono le donne.

Tutte donne forti, che molto, troppo hanno sopportato. Il seguito è La regina della Rosa Rossa e La futura regina, poi Una principessa per due re. La storia della madre di Elisabetta, Jacquetta (Giacometta) del Lussemburgo, è narrata nel libro La signora dei fiumi. Altri testi riguardano poi la dinastia Tudor, sempre con le donne che narrano le loro storie, tutte capaci di rialzarsi sempre con coraggio.

Lara Zavatteri


Lara Zavatteri

Ti siamo davvero riconoscenti per il tempo che ci hai dedicato. Se sei stat* bene in nostra compagnia, che ne dici di farti un giro sul nostro blog? Potresti lasciarci un commento per farci sapere che ne pensi, iscriverti alla newsletter, per restare sempre aggiornat* sui nostri argomenti, o all'Associazione Gli Scrittori della Porta Accanto APS, per usufruire di promozioni e contenuti dedicati, oppure potresti offrirci un caffè per sostenere il nostro lavoro. Te ne saremmo davvero grat*. Il vostro feedback è davvero importante per noi.

About Davide Dotto

Il webmagazine degli scrittori indipendenti.
    Commenta con Blogger
    Commenta con Facebook
0 commenti

Posta un commento

Ti siamo davvero riconoscenti per il tempo che ci hai dedicato. Se sei stato bene in nostra compagnia, perché non ci lasci un commento? Grazie!

<< ARTICOLO SUCCESSIVO
Post più recente
ARTICOLO PRECEDENTE >>
Post più vecchio
Home page

Novità editoriali


Pubblicità