Gli scrittori della porta accanto

Recensione: La terapia delle parole, di Fulvio Fiori

Recensione: La terapia delle parole, di Fulvio Fiori

Libri Recensione di Andrea Pistoia. La terapia delle parole. Dentro e fuori dal web, scrivere per stare bene di Fulvio Fiori (Feltrinelli). Il potere della corretta comunicazione per superare i propri piccoli e grandi problemi, sia nella vita reale che sui social.

Terapia delle parole. Dentro e fuori dal web, scrivere per stare bene di Fulvio Fiori si apre con una meditazione da eseguire quando si deve compiere qualcosa d’importante per cui è necessaria una mente calma e lucida (come appunto potrebbe essere comunicare).
Poi si entra nel vivo del manuale: il rapporto tra il cervello e le parole, le basi della comunicazione, l’importanza di ascoltare se stessi e il predisporsi costruttivamente alla lettura in modo d’assimilare ogni giorno vocaboli nuovi e utili non solo per il proprio bagaglio culturale, ma soprattutto per riscrivere il proprio linguaggio interiore spesso limitante e auto sabotante.

Dopo la teoria si passa direttamente alla pratica.

L'autore fornisce alcuni esercizi da eseguire, quali: immaginare la propria nascita (mettendo tutto per iscritto), tenere un diario giornaliero, scrivere lettere a se stessi o a qualcuno (vero o di fantasia che sia), stilare un’autobiografia e mettere nero su bianco un problema, con annessa soluzione, sotto forma di fiaba o racconto. La terapia delle parole di Fulvio Fiori fornisce decine di tecniche, implementate da una spiegazione, dall’utilità nell’eseguirle e da esempi reali forniti da coloro che hanno partecipato ai suoi corsi di Bioscrittura (i quali dimostrano quanto ciò che lui insegna permettea alle persone di superare i propri piccoli e grandi problemi, sia nella vita reale che nel web o social).

Fulvio Fiori pone anche l’attenzione sull'importanza e sul potere della parola.

Lo fa analizzando da più punti di vista alcune frasi famose (tra cui l’attualissima “Andrà tutto bene” o la storica “I have a dream”) e valuta l’intenzione di chi le ha pronunciate, ciò che producono nell’animo delle persone a cui sono rivolte, il peso di ogni singola parola e cos’accadrebbe al suo significato originale se le modificasse. In tutto questo, è inevitabile per lui andare a toccare anche temi attuali, quali il covid, gli haters (focalizzandosi sul perché si comportano in questo modo ma soprattutto su come evitarli, difendersi e reagire ai loro attacchi) e la caccia ai like.
Sempre restando in tema web, Fulvio Fiori pone l’attenzione sulle sue regole e potenzialità, consigliando al lettore quale dovrebbe essere il modo più costruttivo per sfruttarlo (ovvero non certo per alimentare l'odio e la separazione tra gli umani ma per unire e appianare le divergenze) e come usare i social non per alimentare le proprie insicurezze o per rendersi migliore di ciò che si è nella realtà ma per condividere la bellezza che ci circonda.

Infine l'autore fornisce consigli mirati su come approcciarsi al web e a tutti coloro che ne fanno parte, con tutti i pro e i contro che ne conseguono, ma soprattutto come difendersi emotivamente per non restare delusi dalle reazioni degli altri internauti.

In tutto questo La terapia delle parole di Fulvio Fiori avvalora le sue conclusioni attingendo a esperimenti psicologici, prove scientifiche e test medici compiuti da luminari internazionali e dimostra come la scrittura influenzi non solo i pensieri e le emozioni della persona che ne fa uso, ma anche il suo corpo. Ecco perché è fondamentale usare le parole (verso se stessi e gli altri) non per ferire ma per essere di supporto o come mezzo terapeutico per liberare l’interlocutore dalle proprie zone d’ombra e infondergli coraggio e speranza.
Inevitabile considerare l’altra faccia della medaglia, ovvero gli insulti, mostrando come vengono usati e la pessima influenza che hanno verso coloro a cui sono rivolti. Suggerisce piuttosto di sostituirli con parole positive e amorevoli, da condividere come se fossero dei mantra per aumentare il loro influsso benevolo.

Che dire infine di questo manuale? Fulvio Fiori fornisce spiegazioni, esempi e tecniche in modo chiaro attraverso un linguaggio fresco, frizzante e coinvolgente.

Pur usando a volte termini tecnici, il testo non ne viene minato quindi risulta sempre comprensibile. Al tempo stesso l’autore è bravo a chiarire ciò che vuole condividere senza appesantirlo con parole inusuali e auliche o con concetti troppo fuori dall’ordinario per essere compresi da un neofita di questa tematica. Lo dimostra il fatto che il testo possiede quella fluidità atta a permettere di essere letto, compreso e apprezzato da tutti con facilità. Merito anche delle continue metafore ed esempi che chiariscono ancor più il pensiero dell'autore.
Ho apprezzato anche la volontà di Fulvio Fiori d’inserire nel libro alcune parti motivazionali, in modo da aumentare l'autostima del lettore. Ci mostra quanto le parole giuste e certi escamotage linguistici possano migliorare i rapporti sociali, di coppia e verso se stesso. Ma soprattutto dimostra più e più volte quanto le parole cariche d’amore e di genuina consapevolezza siano più utili, appaganti e costruttive di quelle che seminano odio e separazione.


La terapia delle parole
Dentro e fuori dal web, scrivere per stare bene

di Fulvio Fiori
Feltrinelli
Saggio
ISBN 978-8807091568
Cartaceo 12,35€
Ebook 9,99€

Sinossi 

Da leoni da tastiera a colombe delle parole, imparare l'arte della "scrittura che cura". La parola può essere carezza e schiaffo, macigno e piuma, veleno e antidoto, secondo l'intenzione e la nostra capacità linguistica. In particolare, se vogliamo, possiamo usarla a scopo benefico, evolutivo, persino curativo. Fulvio Fiori ci insegna come farlo, in questo libro ricco di spunti pratici e ispirazioni. La terapia delle parole svela tutti i segreti della scrittura terapeutica, attraverso le tecniche classiche, l'innovativa Bioscrittura® e la grande novità: il potenziale curativo della scrittura online.

Andrea Pistoia
Ti siamo davvero riconoscenti per il tempo che ci hai dedicato. Se sei stat* bene in nostra compagnia, potresti lasciarci un commento per farci sapere che ne pensi, il tuo feedback è davvero importante per noi. Oppure potresti iscriverti alla newsletter per restare sempre aggiornat* sui nostri argomenti, o all'Associazione Gli Scrittori della Porta Accanto APS, per usufruire di promozioni e contenuti dedicati. Oppure potresti offrirci un caffè e sostenere il nostro lavoro. Te ne saremmo davvero grat*.

About Davide Dotto

Il webmagazine degli scrittori indipendenti.
    Commenta con Blogger
    Commenta con Facebook
0 commenti

Posta un commento

Ti siamo davvero riconoscenti per il tempo che ci hai dedicato. Se sei stato bene in nostra compagnia, perché non ci lasci un commento? Grazie!

<< ARTICOLO SUCCESSIVO
Post più recente
ARTICOLO PRECEDENTE >>
Post più vecchio
Home page

Novità editoriali


Pubblicità