Gli scrittori della porta accanto

Emma Fenu presenta: In cerca di te

Emma Fenu presenta: In cerca di te

Presentazione Libri Intervista a cura di Silvia Pattarini. Emma Fenu presenta il libro autobiografico In cerca di te (PubMe - Collana Gli scrittori della Porta Accanto), un diario intimo sulla maternità negata: «Quando ci sono difficoltà e dolori ci si trova davanti a un bivio: soccombere o accorgersi della forza che abbiamo davvero e rinascere».

Chi è Emma Fenu?


Cos'ha pubblicato?




In cerca di te

di Emma Fenu
PubMe – Collana Gli Scrittori della Porta Accanto
Narrativa non-fiction | Memoir
ISBN 979-1254583982
Cartaceo 9,00€
Ebook 2,99€

Emma, la protagonista di questa storia, affronta con coraggio e sincerità le sfide di un viaggio fatto di attese, esami medici e trattamenti dolorosi. Non si risparmia le lotte emotive legate alla fertilità e all’endometriosi, la pressione sociale sulle donne per generare nuova vita, né i demoni che si frappongono tra lei e il suo sogno di diventare madre.
Tra queste prove, non mancano le dinamiche familiari fatte di momenti commoventi, teneri e drammatici.
In cerca di te è intima esplorazione di sé, racconto di un percorso nella sua interezza e nelle sue sfaccettature più profonde.

«Questa non è la storia della mia vita, ma solo di una parte di essa. Ci sono molti aspetti che in tale percorso di aspirante mamma, possono essere messi in luce: alcuni sono commoventi, altri teneri, altri drammatici, altri ancora decisamente ironici. E io li ho attraversati tutti, nel corso di dieci anni. Ora voglio liberare la mia parte in ombra, quella più fragile, quella che cede al dolore, quella che subito viene messa a tacere dalle altre, per far spazio al sorriso e alla determinazione. Non è la parte più vera di me: è solo la più nascosta.»


L'autrice racconta



Benvenuta sul web magazine culturale Gli scrittori della porta accanto. Dopo aver letto il tuo ultimo, bellissimo ed emozionante libro autobiografico, In cerca di te, mi sorge spontanea una domanda che, all’apparenza, potrebbe sembrare banale ma non la è affatto: come stai?

Buongiorno Silvia, grazie per l’accoglienza. Ho voglia di vita, coltivo progetti e inseguo sogni, quindi sto bene.

La copertina è bellissima, semplice, intuitiva, evocativa, un inno alla dolcezza, un’emozione a prima vista: è stata una tua scelta?

La copertina è frutto del talento e della sensibilità di Stefania Bergo, che ringrazio: io ho solo scelto fra una sua selezione di immagini.

In cerca di te è un libro potente che suscita forti emozioni: emergono sentimenti come l’amore, un forte desiderio di maternità, la gestione dell’attesa, ma anche fragilità, dolore e rabbia. Ce ne vuoi parlare?

Da anni racconto, tramite video su YouTube e pubblicazioni, la mia esperienza di ricerca di un figlio tramite fecondazione assistita; ho svelato una parte autentica di me: la donna determinata, resiliente e combattiva.
Nel libro In cerca di te do spazio a un’altra parte, altrettanto autentica ma più nascosta: la donna sfinita, arrabbiata, delusa ma mai vittima e perdente.

La tua vita non è stata facile, ma nonostante le avversità che hai dovuto affrontare ho letto tra le righe una grande forza e determinazione, caratteristiche tipiche delle donne coraggiose, ma mai rassegnazione. È così?

Ognuno ha le proprie prove; io ho avuto le mie e possono essere considerate poche, molte o troppe a seconda dell’esperienza di chi si pone in ascolto. Quando ci sono difficoltà e dolori ci si trova davanti a un bivio: soccombere o accorgersi della forza che abbiamo davvero e rinascere.
Ho scelto di rinascere molte volte: ne vale la pena.

In cerca di te è un libro molto intimo, coinvolgente, scorrevole e a tratti poetico, a conferma di quanto la scrittura possa rivelarsi terapeutica. Lo si avverte fin dall'apertura.

Ti ho partorito infinite volte, senza dolore.
Eri maschio, riccio e scuro, oppure biondo e con le fossette sulle guance. Mi chiamavi subito con voce monocorde, battevi le manine e facevi pipì. Ti stringevo e sapevi di gomma; non conosco un odore più dolce. Ancora oggi, quando mi aggiro per gli scaffali dei negozi di bambole, non posso fare a meno di pensarti, di liberare la tua immagine in un sorriso. Cicciobello è l’unico che mi abbia mai chiamata “mamma”.
Ti desideravo, Bambino, fin da quando ero una principessa guerriera e volevo vincere tutte le battaglie, fin da quando ero solo una figlia che si occupava della propria madre malata, fin da quando cantavo le canzoni dei cartoni animati davanti a un microfono e scrivevo fiabe di nascosto, per cullarmi la notte.
Volevo cullare anche te, e oggi ancora ti cullo, nell’utero caldo della mia anima. Perché è lì che sei rimasto, Bambino, nel mondo del possibile, profumato di giocattoli e lacrime, perché ci sono sfide nelle quali non è sufficiente uccidere il drago. Far nascere è più difficile che sconfiggere: bisogna siglare un patto magico con il futuro, e non basta la mia caparbietà.
Il futuro è una donna. Ha carni bianche e morbide, sguardo saggio, mani forti. Il futuro è una madre e partorirà le mie gioie e i miei dolori. Presto ti stringerò tra le braccia Bambino, e, stavolta, profumerai di te, di borotalco e di me. O forse no, e fra le mani vuote cercherò il tuo dito minuscolo, fatto di desiderio. Emma Fenu, In cerca di te

A che pubblico di lettori lo consigli?

È un libro per madri e padri nell’accezione più ampia del termine: per chi ha figli, per chi li desidera, per chi li ha desiderati, per chi è fertile e accogliente verso gli altri e verso se stesso, per chi crea e dà la luce a qualcuno o qualcosa.

Quale messaggio vorresti lasciare ai tuoi lettori?

Vorrei che si comprendesse e accogliesse un percorso di maternità negata raccontato senza filtri e oltre gli stereotipi.
Una donna che cerca un figlio non è capricciosa e ossessiva, ma nemmeno sfortunata e condannata a essere incompleta.
In generale, si possono vivere esperienze dolorose, si può essere fragili e, al contempo, scoprirsi felici, grati e pieni di passione per la vita.

Hai nuovi progetti per il futuro?

Molti: mi nutro di progetti.
Ho due libri in cantiere, vari eventi culturali e festival letterari dall’Italia alla Norvegia, in cui mi sono trasferita da pochi mesi. E poi ci sono gli obiettivi e i sogni di ogni giorno, quelli piccoli, talvolta frivoli, eppur importanti per avere cura di noi.

Emma Fenu è stato un piacere conoscerti meglio e passare il tempo in tua compagnia, a nome de Gli scrittori della porta accanto ti faccio un grosso augurio per il tuo ultimo libro, e in bocca al lupo per tutti i tuoi progetti.

Grazie, Silvia, è stato un piacere e un onore rispondere alle tue domande. E “viva il lupo” della cui simbologia ho trattato in un mio saggio: un’altra storia con un’altra parte di me.


Silvia Pattarini









Ti siamo davvero riconoscenti per il tempo che ci hai dedicato. Se sei stat* bene in nostra compagnia, che ne dici di iscriverti alla NEWSLETTER SETTIMANALE per restare sempre aggiornat* sui nostri argomenti? Oppure potresti offrirci UN CAFFÈ o sostenerci acquistando i GADGET ispirati ai nostri libri. Te ne saremmo davvero grati!
Oppure potresti lasciarci un commento per farci sapere che ne pensi di questo articolo, il tuo feedback è davvero importante per noi.
NB: Gli autori non sono responsabili per quanto pubblicato dai lettori nei commenti ad ogni post. Tuttavia, verranno cancellati i commenti ritenuti offensivi o lesivi della immagine o della onorabilità di terzi, razzisti, sessisti, spam o che contengano dati personali non conformi al rispetto delle norme sulla Privacy e, in ogni caso, ritenuti inadatti a insindacabile giudizio degli autori stessi.

About Silvia P.

Il webmagazine degli scrittori indipendenti.
0 commenti

Posta un commento

<< ARTICOLO SUCCESSIVO
Post più recente
ARTICOLO PRECEDENTE >>
Post più vecchio
Home page

Parole chiave


Pubblicità
Prenota il tuo viaggio in Repubblica Dominicana




Libri in evidenza