• Ponsacco-Los Angeles Sulle tracce di Bruce Springsteen, Valentina Gerini (Mainstream) - Gli scrittori della porta accanto
  • Con la mia valigia gialla, Stefania Bergo (Memoir) - Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Volevo un marito nero, Valentina Gerini (Romance) - Gli scrittori della porta accanto
  • La notte delle stelle cadenti, Valentina Gerini (Romance) - Gli scrittori della porta accanto
  • Perchè ne sono innamorata, Elena Genero Santoro, Gli scrittori della porta accanto
  • Chiaroscuro, Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • L'appetito vien leggendo - Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Diventa realtà, Elena Genero Santoro, Gli scrittori della porta accanto
  • Immagina di aver sognato, Elena Genero Santoro, Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Il cielo d Inghilterra, Loriana Lucciarini - Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Il sogno di Giulia, Claudia Gerini (Romance) - Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scritri della accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Una felicità leggera leggera, Loriana Lucciarini - Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto

In primo piano

Recensione autori emergenti "Un errore di gioventù"

AUTORE: Elena Genero Santoro
EDITORE: 0111Edizioni 
GENERE: Mainstream
ISBN:  978-88-6307-515-1

Futura è incinta per la seconda volta e a Patrick sembra che il loro mondo sia perfetto, ma una notizia dal passato potrebbe scombinare tutto. Patrick infatti viene contattato da una sua ex, Arlene, che gli confessa di avere una figlia quasi adolescente, che potrebbe essere sua. Lui però, appreso ciò, non ha il coraggio di rivelarlo alla moglie.
Inoltre anche una seconda notizia è destinata a portare dolore. Futura e Patrick sono da anni gli amici di penna di Luis, incarcerato in Alabama per un omicidio commesso quindici anni prima sotto l’effetto di stupefacenti e condannato a morte. Ora l’iter processuale è terminato e l’esecuzione è stata fissata proprio nel giorno in cui per la gravidanza di Futura è previsto il termine. Solo Mac, che è un amico di Patrick e Futura, ma anche un personaggio pubblico, potrebbe avere qualche chance per ottenere la grazia per Luis, ma prima dovrebbe mettere da parte i propri pregiudizi.

RECENSIONE

Un errore di gioventù.
In realtà, in questo libro, di errori di gioventù ce ne sono tanti. Infatti, ciò che accomuna i personaggi della trama, oltre ad una qualche parentela o conoscenza seppur indiretta (i famosi “sei gradi di separazione”), è l’aver commesso un errore in gioventù o anche solo nel recente passato.
La trama è complessa, un intreccio di storie e persone che nelle prime pagine, chi non è abituato a leggere libri con molti personaggi, come me, può faticare a seguire, avendo questo romanzo le tempistiche tipiche di un film per i continui cambi di scena e di luogo. Londra, Torino, Cristini, Atmore, infatti, scandiscono i suddetti cambi di scena dando il titolo ai diversi capitoli e soprattutto una precisa collocazione geografica alle vicende. Ma i personaggi sono ben caratterizzati e riconoscibili più dall’indole e dalle riflessioni personali che dal nome.
I protagonisti sono molti, anche se Futura e Patrick aprono le danze e concludono il romanzo, assurgendo a ruolo dominante nei confronti degli altri, che quindi risultano essere il fratello o la cognata o l’amico, solo per dirne alcune, di questa coppia di genitori in attesa della secondogenita Emma.
Le storie narrate non hanno nulla di straordinario. O forse sono straordinarie proprio perché sono reali, apparentemente ordinarie, mentre invece toccano temi molto delicati e accompagnano il lettore in profonde riflessioni attraverso le domande che i personaggi stessi si pongono.
Gli errori di gioventù più stridenti sono l’omicidio di un ragazzo come conseguenza di una serata adolescenziale tra droga e alcool, una probabile figlia tredicenne frutto di un’unica notte non protetta, un matrimonio con una donna forse sopravvalutata. Ma attorno a questi, gravitano altri errori, comportamenti in cui ogni lettore si può rispecchiare, che rendono il romanzo coinvolgente, grazie anche all’abilità narrativa dell’autore.
Mi sono affezionata ad alcuni personaggi, più di altri. Come ad esempio Luis, il condannato a morte per il suo grave errore di gioventù, che mi ha fatto pensare all’omone del “Miglio verde”, con cui condivide le sembianze e il colore della pelle. Mi è piaciuta anche Teresa, nata e cresciuta in un corpo da uomo, mentre in realtà si è sempre sentita donna, e ha avuto il coraggio di affrontare la trasformazione, non solo da sola ma anche contro tutti, consapevole e determinata. Ho invece provato un’antipatia a pelle per Manuela e il suo essere concentrata su se stessa, la sua superficialità e il culto dell’apparenza, e per Fabiana, asfissiante e con un’idea di coppia assolutamente adolescenziale, senza flessibilità né fantasia.
I tempi e il finale mi hanno ricordato le commedie Hollywoodiane, in cui, dopo amare vicissitudini e colpi di scena che tengono il lettore inchiodato per la curiosità dell’epilogo, tutto (o quasi) finisce bene. In questo caso, i diversi personaggi si ritroveranno attorno al migliore dei finali, che paradossalmente è invece un inizio: la nascita di Emma. Presenze fisiche e spirituali di chi, in un modo o nell’altro, ha “risolto” la propria esistenza con un lieto fine o un’acquisita serenità e consapevolezza necessarie per continuare a sopravvivere. Anche ai proprio errori di gioventù…



Stefania Bergo
Non ho mai avuto i piedi per terra e non sono mai stata cauta. Sono istintiva, impulsiva, passionale, testarda, sensibile. Scrivo libri, insegno, progetto ospedali e creo siti web. Mia figlia è tutto il mio mondo. Adoro viaggiare, ne ho bisogno. Potrei definirmi una zingara felice. Il mio secondo amore è l'Africa, quella che ho avuto la fortuna di conoscere e di cui racconto nel mio libro.
Con la mia valigia gialla, 0111Edizioni.

About Stefania Bergo

Il blog culturale degli scrittori emergenti: letteratura, webmagazine, travel&living, arte, promozioni speciali e servizi editoriali.
    Commenta con Blogger
    Commenta con Facebook

0 commenti:

Posta un commento

Ti siamo davvero riconoscenti per il tempo che ci hai dedicato. Se sei stato bene in nostra compagnia, perché non ci lasci un commento o ci offri un caffè? Grazie!


Novità editoriali

LIBRERIA GLI SCRITTORI DELLA PORTA ACCANTO