• Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scritri della accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto

In primo piano

Le recensioni di Emanuela Navone: "Otto - Luce e Ombra" di J.C. Casalini

Otto – Luce e Ombra” è un romanzo dalle tinte fosche e folli che terrà sicuramente il lettore incollato sino all'ultima pagina. Un mix tra giallo, thriller e horror, dove è veritiero il detto: “le apparenze ingannano”. Perché è proprio la dicotomia tra apparire ed essere il filo principale del romanzo di Casalini, la pulsione dell’essere umano a voler privilegiare la finzione anziché la realtà.

Otto è un giovane prestigiatore che si definisce mago ma stenta a decollare nel mondo dello spettacolo. Ad accompagnare e sostenere le sue peripezie tra uno show e l’altro è Anna, la sua fidanzata nonché amica da una vita. Il loro rapporto va incrinandosi allorché Otto sembra essere completamente assorbito dal suo tentativo di farsi un nome nel mondo dello spettacolo, per rompersi dopo un disastroso show. La carriera di Otto sembra essere giunta alla fine, quando magicamente il riflesso del protagonista prende vita e gli offre il successo eterno, in cambio, però…

In “Otto - Luce e Ombra” assistiamo all’ascesa e al declino di un giovane prestigiatore che, da perfetto sconosciuto, diventa l’idolo delle folle, acclamato dalle fan con cui ha un connubio che ricopre addirittura la sfera sessuale. La perfetta sintonia tra mago e sostenitori comincia a rasentare la follia allorché Otto si dichiara il nuovo Messia, l’eletto per eccellenza, fondando una sorta di nuova religione in cui egli è il prescelto che guiderà le masse verso una nuova rivelazione, compiendo dei veri e propri miracoli che lo faranno assurgere a vera e propria divinità.
Accanto all’aspetto religioso e profetico, dove follia e satanismo fanno sfondo a dei veri e propri rituali d’iniziazione, l’autore inserisce anche la parte thriller, con alcune vittime assassinate spietatamente che, inspiegabilmente, hanno tutte una relazione con il mago Otto. Giallo e horror, quindi, si mescolano abilmente nella trama del romanzo, la cui scrittura veloce e spesso molto cruda ne rende ancora più intrigante la lettura.
Il personaggio di Otto è molto emblematico. Tormentato, insicuro, divorato da manie di grandezza più forti di lui e difficili da gestire. Otto Riflesso, la sua controparte, è l’esatto contrario: leader carismatico in grado di gettare i proseliti ai propri piedi e di spingere oltre il limite solo per avere ciò che più desidera: fama e potere. In un certo senso è un po’ quella dicotomia di cui ho parlato a inizio recensione: l’essere e l’apparire di una persona, dove spesso quest’ultima prevale sulla prima.
Anna, la sfortunata fidanzata di Otto, è l’eroina della situazione. Paragonata a Otto Riflesso, corrotto, manipolatore, lei rispecchia tutto quello che ancora c’è di buono e puro in questo mondo. Lei crede fino all’ultimo che l’uomo può essere salvato, anche dopo aver ceduto al lato oscuro. Anna sarà la martire costretta a sopportare le angherie fisiche e morali di Otto, ma che non si arrenderà nemmeno all’evidenza che l’uomo che ama forse è perduto per sempre.
In definitiva, un libro che ho molto apprezzato, soprattutto per i temi toccati (la religione, la figura del leader carismatico, il satanismo…), e per come Casalini ha saputo intrecciarli con l’horror e il thriller. Lo consiglio a tutti coloro che vogliono leggere qualcosa di particolare e di differente. Una lettura non troppo difficile, ma che comunque darà da pensare.



Otto è un aspirante mago che vive in un minuscolo appartamento a Mestre insieme alla sua fidanzata Anna. 
La vita sembra metterli a dura prova, soprattutto quando il giovane si trova costretto ad affrontare il comportamento anomalo del suo riflesso, capace di un’autonoma vitalità, che in breve tempo lo porta alla catastrofe completa. 
Ma quando tutto sembra ormai perduto, un accordo stretto proprio tra Otto e il suo riflesso ribalta la situazione portandolo a raggiungere il successo tanto desiderato. 
Ma niente, nel romanzo di Jean-Christophe Casalini, è come sembra e in breve tempo la situazione prende un piega assurda, a tratti allucinante. In un crescendo di suspense e di violenza. La vita dei protagonisti sarà più volte sconvolta, tra omicidi, spettacoli ed eventi demoniaci. 
Un romanzo di indubbia attrazione, capace di coinvolgere il lettore oltre la sua volontà, dove il Male veste i panni affascinanti del successo e del potere senza confini.





di J.C. Casalini Vertigo Edizioni | Gotico, Horror, Thriller, Satanico 
ISBN 978-88-6206-351-7  | cartaceo 11,90€  Acquista  | ebook 5,49€ 


Emanuela Navone
Ligure, classe 1986, ho amato la lettura sin da quando ero piccola piccola, nutrendo soprattutto una passione per i thriller e gli horror. Laureata in Studi Internazionali ed Europei nel 2014, attualmente mi districo tra collaborazioni sparse qua e là, cercando di coniugare il lavoro con la passione per i libri. Recentemente ho deciso di lanciarmi nel campo delle recensioni, aprendo un blog personale ("L'Antico Calamaio") e dedicandomi molto alla scoperta degli autori emergenti e self.

About Stefania Bergo

Il blog culturale degli scrittori emergenti: letteratura, webmagazine, travel&living, arte, promozioni speciali e servizi editoriali.
    Blogger Comment
    Facebook Comment
    G+ Comment

0 commenti:

Posta un commento

Ti è piaciuto questo articolo? Allora faccelo sapere, il tuo feedback è per noi prezioso, grazie!

Gli Scrittori della Porta Accanto Edizioni

"ChiaroScuro", silloge poetica de Gli scrittori della porta accanto

Collana Gli scrittori della porta accanto per StreetLib A dicembre 2016, il gruppo si affaccia all'editoria indipendente, appoggiandos...