• Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scritri della accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto

In primo piano

[Cinema] "Ghostbusters", il reboot tutto al femminile, di Lara Zavatteri

Ghostbusters-reboot-femminile

Ghostbusters, la squadra degli acchiappa fantasmi torna al cinema, tutta al femminile.

Esce in questi giorni nelle sale il film “Ghostbusters” del regista Paul Feig, reboot della serie omonima e già si distingue per alcune particolarità (un reboot è, in sostanza, la necessità di parlare di una trama già oggetto di uno o più film precedenti, ma con un inizio e delle situazioni diverse).
Gli acchiappa fantasmi questa volta sono donne. Questo è il primo, grande cambiamento. Rispetto all'originale, dove la squadra era composta di soli uomini (tra i quali gli attori Bill Murray e Dan Aykroyd, che sono in alcune scene di questo film), qui sono le donne a intrappolare demoni e fantasmi che pare siano ovunque a New York. 
Tutto parte da due scrittrici, Erin e Abby, che riscontrano poco successo per il loro libro dove affermano, a ragione, che i fantasmi non sono invenzioni ma creature che realmente esistono. Naturalmente nessuno ci crede e quando Erin, assunta all'Università, viene identificata come la tizia che ha scritto il libro, perde anche il posto. A questo punto decide di riprendere i contatti con Abby e fondare una ditta di acchiappa fantasmi, cui si aggiungeranno poi altri due elementi.
Ritroviamo anche Slimer. Poteva mancare? Fa un po' (molto, a dire il vero) schifo, ma Slimer, il fantasma verde che era presente nei film precedenti, non poteva non esserci. Si tratta, per chi non avesse mai visto Ghostbusters, di un fantasma che veniva risparmiato dagli acchiappa fantasmi e che diveniva loro amico. Ingurgita di tutto, ha un che di inquietante e sparge robaccia verde di cui è fatto dappertutto. Ma resta un'icona di Ghostbusters che torna anche in questa pellicola.
Se avete amato la serie (chissà quando arriverà il seguito in Italia) di Una mamma per amica, ricorderete la cuoca Sookie, ovvero l'attrice Melissa McCarthy, che nel film è una delle fondatrici della ditta. Da menzionare anche Andy Garcia, che nel film interpreta il primo cittadino di New York. Lasciato il mitico martello di Thor, torna qui anche Chris Hemsworth, come segretario delle Ghostbusters.


Non mi piace: su Youtube il trailer del film ha un altissimo numero di pollici versi.

Anzi è proprio il trailer con il più alto numero di sgradimento. Vero è che per gli affezionati dei Ghostbusters originali non dev'essere stato facile vedere il film così rivoluzionato, ma francamente non si capisce questo accanimento per un prodotto comunque nuovo dove sono le donne a fare il “lavoro sporco”. Speriamo che i fans si ricredano.



In rete trovate il libro del film, ma anche i dvd dei Ghostbusters originali. Non resta che vedere il film sul grande schermo per giudicare, ricordando però che si tratta di un reboot, quindi anche se sempre di acchiappa fantasmi si parla, le vicende sono differenti. 
Buona visione al cinema e buona lettura!



Lara Zavatteri
Classe 1980, vive e lavora nel paese di Mezzana in val di Sole (Trentino). Iscritta all'Ordine nell'elenco dei pubblicisti dal 2000, scrive articoli di cultura, ambiente e attualità locale. È anche blogger e autrice di libri.
Guardando le stelle, Un cane di nome Giuliano, Risparmia Subito!Amici per sempreCuor di Corteccia, Sopravvissuti, Youcanprint.
Reset, Photocity.it.
La strada di casa, Edizioni del Faro.

About Stefania Bergo

Il blog culturale degli scrittori emergenti: letteratura, webmagazine, travel&living, arte, promozioni speciali e servizi editoriali.
    Commenta con Blogger
    Commenta con Facebook

0 commenti:

Posta un commento

Ti siamo davvero riconoscenti per il tempo che ci hai dedicato. Se sei stato bene in nostra compagnia, perché non ci lasci un commento o ci offri un caffè? Grazie!

Breaking News

Dal nostro archivio

La Giornata Internazionale delle bambine e delle ragazze, per dire basta alle spose bambine, una rivoluzione (arancione) necessaria, di Stefania Bergo

Oggi si celebra in tutto il mondo la V Giornata Internazionale delle bambine e delle ragazze . Una giornata di sensibilizzazione, per il d...