• Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scritri della accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto

In primo piano

[Musica] I 10 tormentoni dell'estate italiana 2016, di Stefania Bergo


10 hit che fanno subito estate: i tormentoni 2016... e qualche nostalgico brano che ha fatto storia. 

Tornano ogni estate, come il sole che arrossa la pelle, la sabbia sui piedi nudi (anche se alcuni li assocerebbero più a quella nelle mutande) e i capelli bagnati di sale. Sono i cosiddetti tormentoni, ovvero quelle canzoni orecchiabili di cui solitamente ricordiamo solo il ritornello, propinato in tutte le salse da radio e campagne pubblicitarie. Ci sono alcuni tratti comuni che li contraddistinguono: generalmente hanno ritmo latino o in levare, o una spicata connotazione dance. Ultimamente la fa da padrona anche la musica elettronica, nata come commistione di campionature e nuove sonorità. Difficilmente ritroviamo canzoni melodiche, impegnate o tristi. I tormentoni, infatti, quasi mai hanno messaggi profondi da lasciare, anzi. Spesso ci piacciono proprio perché non sono impegnativi...
Già a maggio, dopo i primi insistenti passaggi radiofonici, si apre il toto-tormentone: quale sarà la nuova hit dell'estate? E appena s'individua un motivetto ritmato che infonda allegria, spensieratezza e voglia di ballare (fosse anche solo battere a tempo la punta del piede), ci si azzarda a pronosticare la classifica dei brani più ascoltati e cercati su YouTube nei prossimi mesi. Anche se in realtà, il meccanismo è inverso e sapientemente orchestrato dalle case discografiche (come funziona per ogni prodotto, anche per i libri, no?): non siamo noi a decretare il tormento dei nostri timpani, ma è il continuo ascoltare le stesse note spinte da un marketing esasperato a farci affezionare alla melodia e imprimercela in testa, dandoci l'illusione di averla scelta liberamente.
A parte il processo che sta a monte, alcune canzoni sono davvero travolgenti e forse meritevoli di restare nella memoria a sottolineare momenti piacevoli trascorsi sotto il solleone. Ecco quindi dieci dei tormentoni dell'estate italiana 2016.

SOFIA - Àlvaro Soler




Il bel ragazzone spagnolo ha fatto centro un'altra volta. Dopo "El mismo sol" torna con una ballata scanzonata.
Nato a Barcellona da padre tedesco e madre per metà spagnola e per metà belga, si è trasferito, da piccolo, a Tokyo con la famiglia. A 17 anni è tornato a Barcellona, come cantante e tastierista nel gruppo musicale Urban Lights. Dopo la laurea in Ingegneria e Design a Barcellona, si è stabilito a Berlino dall'anno scorso e ha iniziato la propria attività da solista.
Sofia è un inno alla vita dal ritmo incalzante, anche se parla di amore perduto. La canzone, infatti, racconta come gli eventi negativi siano parte della vita e che tutto possa essere trasformato in energia positiva.


VORREI MA NON POSTO - J-AX & Fedez





Dal ritmo dance, a cavallo tra hip hop, surf, reggae e musica elettronica, una hit dissacrante tutta italiana, denuncia sociale della deviazione digitale dei nostri tempi, in cui gli smartphone sempre in mano sono pronti a condividere ogni momento sui social, che si tratti di qualcosa di davvero memorabile e interesse per le masse o della seduta fisiologica del buon giorno dopo una notte di sangria e impepata di cozze. Postare una foto, ormai, è più importante che vivere il momento intimamente.

WE DON'T TALK ANYMORE - Charlie Puth feat. Selena Gomez




Un altro tormentone sull'amore finito. Tormentone nel vero senso della parola, dato che ripete ossessivamente: "ormai non parliamo più". Forse un po' patetico, a mio avviso: un amante abbandonato che sarcasticamente si chiede come la sua bella ex abbia potuto sostituirlo così in fretta, mentre lui è ancora lì a chiedersi perchè. Un sedotto e abbandonato che si lamenta con stile, sonorità velatamente chillout, dance, che, se non si conosce l'inglese, trasmettono la serenità dell'imbrunire di un giorno di fine estate.


DUELE EL CORAZON - Enrique Iglesias





È inutile, il ritmo caliente spagnoleggiante d'estate tira, come se naturalmente fosse associato alla bella stagione da sempre, a tal punto che anche il processo inverso sia abbastanza comune: ascolto musica spagnola e mi pare di sentire il caldo sulla pelle e il richiamo del mare, effetto vacanza!
Duele El Corazón” si presenta come antagonista di "Sofia" nel contendersi la colonna sonora delle feste in spiaggia, con il suo mix di reggaeton, pop contemporaneo, chitarre tradizionali e percussioni.

AIN'T YOUR MAMA - Jennifer Lopez




Altro reggaeton e altro artista ispanico. Jennifer Lopez torna alle sonorità che l'hanno resa celebre, rivestendole con la modernità (e soprattutto la commerciabilità) della musica elettronica. 
La Lopez, in questa canzone si propone come una paladina della ribellione alla figura sottomessa della donna, agli stereotipi che la vogliono relegare a barbie dedita al focolare domestico. Per questo motivo è stata a lungo criticata, dato che il tentativo non è proprio ben riuscito. E se lei avesse invece solo voluto fare una dance orecchiabile e ballabile con un motivetto insistente che entra in testa, trasformandosi in un aentiumama non sense? 


THIS GIRL - Kungs vs Cookin’ on 3 Burners





Ovvero, come un remix può trasformare una canzone passata inosservata sette anni fa e renderla una perfetta candidata al marchio musicale di questa estate, frutto del gruppo funk-soul australiano Cookin’ on 3 Burners. e del dj francese Kungs

CAKE BY THE OCEAN - Dnce




Decisamente dance, con sonorità fine anni '90, questo brano di una band pop rock statunitense formatosi appena un anno fa. Il nome della band è il titolo di una loro canzone che parla dell'essere troppo ubriachi per riuscire a scandire la parola "dance". Decisamente eccentrici, come si evince anche dal video.

COME - Jain




Illusioni ottiche a go-go in questo video psichedelico di Jain, cantante e compositrice francese al suo primo album, attualmente tra i brani più trasmessi in radio in Italia e stabilmente nella Top10 singoli di iTunes. Un amore finito, ricordato con nostalgia, consumato sotto un cielo stellato africano...

FADED - Alan Walker




Tormentone in contro tendenza, se si eccettuano le musicalità elettroniche, del produttore norvegese Alan Walker, cantato da Iselin Solheim. Velatamente languido, sussurrato, arrendevole, cuore affranto di donna abbandonata in pieno revival d'amore, "Dove sei adesso?".
Momento soft di una calda notte sotto le stelle.

ANDIAMO A COMANDARE - Fabio Rovazzi




Si commenta da sola. Non fa estate, ma è un tormentone elettronico (accozzaglia di note e bassi sparati ai massimi storci) irresistibile, almeno per i giovanissimi. Ecco perchè, per me incomprensibile. Eppure, il brano è entrato nella storia del mercato discografico italiano per aver conquistato il disco d’oro solo grazie allo streaming. Mah...

I 30 tormentoni dell'estate che hanno fatto storia.

I tormentoni, comunque, non sono un'invenzione recente. Da sempre alcune canzoni segnano i nostri ricordi più belli sotto il sole d'agosto. Vi lascio quindi con uno striminzito elenco di alcune canzoni che hanno fatto epoca, nel bene e nel male, e una domanda: a quale canzone estiva siete più affezionati? Qual è la vostra preferita? Quella che vi ricorda i momenti più belli? O, al contrario, quella che resterà per sempre nella vostra testa, legata a istanti che vorreste dimenticare, martellante come un maracaibomareforzanove di qualche anno fa...

1968: Luglio – Riccardo Del Turco
1973: Pazza idea – Patty Pravo
1977: Ti amo – Umberto Tozzi
1978: YMCA – Village People
1979: Gloria – Umberto Tozzi
1981: Gioca Jouer – Claudio Cecchetto & Maracaibo - Lu Colombo
1982: Un’estate al mare – Giuni Russo
1983: Vamos a la Playa – Righeira
1984: Wild Boys – Duran Duran
1985: L’estate sta finendo – Righeira
1986: Bello e impossibile – Gianna Nannini
1987: Boys – Sabrina Salerno & Never Gonna Give You Up – Rick Astley
1988: Gimme Hope Jo’Anna – Eddy Grant
1989: Lambada – Kaoma
1990: Un’estate italiana – Gianna Nannini ed Edoardo Bennato
1992: Mare Mare – Luca Carboni & Hanno ucciso l’uomo ragno – 883
1994: The Rhythm Of The Night – Corona
1995: Scatman – Scatman John
1996: Macarena – Los del Rio
1997: Maria – Ricky Martin
1998: Solo una volta (o tutta la vita) – Alex Britti
1999: 50 Special – Lunapop
2000: Vamos a Bailar – Paola & Chiara
2001: Tre Parole (Sole, Cuore, Amore) – Valeria Rossi
2002: Aserejé - Las Ketchup
2003: La canzone del Capitan Uncino – Dj Francesco
2010: Waka Waka – Shakira
2011: Danza Kuduro – Don Omar Feat. Lucenzo
2013: Gey Lucky – Daft Punk


Stefania Bergo
Non ho mai avuto i piedi per terra e non sono mai stata cauta. Sono istintiva, impulsiva, passionale, testarda, sensibile. Scrivo libri, insegno, progetto ospedali e creo siti web. Mia figlia è tutto il mio mondo. Adoro viaggiare, ne ho bisogno. Potrei definirmi una zingara felice. Il mio secondo amore è l'Africa, quella che ho avuto la fortuna di conoscere e di cui racconto nel mio libro.
Con la mia valigia gialla, 0111Edizioni.

About Stefania Bergo

Il blog culturale degli scrittori emergenti: letteratura, webmagazine, travel&living, arte, promozioni speciali e servizi editoriali.
    Commenta con Blogger
    Commenta con Facebook

0 commenti:

Posta un commento

Ti siamo davvero riconoscenti per il tempo che ci hai dedicato. Se sei stato bene in nostra compagnia, perché non ci lasci un commento o ci offri un caffè? Grazie!

Breaking News

Dal nostro archivio

La Giornata Internazionale delle bambine e delle ragazze, per dire basta alle spose bambine, una rivoluzione (arancione) necessaria, di Stefania Bergo

Oggi si celebra in tutto il mondo la V Giornata Internazionale delle bambine e delle ragazze . Una giornata di sensibilizzazione, per il d...