• Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scritri della accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto

In primo piano

[Cinema] 15 film francesi da non perdere, di Paola Casadei

film-francesi

Da La sposa in nero di Truffaud a  Il favoloso mondo di Amelie, 15 film imperdibili del cinema francese.

Oggi vorrei tentare di scrivere qualcosa sul cinema francese. Lo trovo doveroso. Non solo perché i fratelli Auguste e Louis Lumière - che inventarono il cinematografo e proiettarono il primo film a Parigi il 28 dicembre 1895 - sono Francesi, ma perché abito in Francia ormai da diversi anni, e sono molto legata a questo Paese.
Trovo molto difficile, però, tentare di stabilire una lista dei migliori 10 o 20 film francesi. 
Proviamo: la Commedia francese è «delicatamente esilarante, divertente senza mai risultare sopra le righe, riflessiva e malinconica» scrive Vanni Paleari. Sono perfettamente d’accordo. Ci sono vari attori che adoro, Juliette Binoche, Jean Reno, Gerard depardieu, Vincent Cassel, Alain Delon, Christian Clavier, Jean Dujardin… Anche qui la lista è lunga.
Vorrei semplicemente ricordare e suggerire, allora, solo alcuni film, di genere vario.

Partendo da qualche decennio indietro, chi di voi non ha visto La sposa in nero di François Truffaud, con Jeanne Moreau? È del 1968, decisamente drammatico.
Per una bravata, cinque ricchi causano involontariamente la morte di un poveraccio nel giorno del suo matrimonio. La sposa mancata ne uccide quattro per vendetta, ma non può raggiungere il quinto perchè in prigione.

Bella di giorno di Luis Bunuel, con Catherine Deneuve (1967) – Drammatico.
Sposata con un medico parigino, la bella e frigida Séverine, ossessionata dai suoi desideri erotici, si sfoga durante le ore diurne in una casa d'appuntamenti. Uno dei suoi clienti s'innamora di lei e pretende che lasci il marito.

L’uomo che amava le donne di François Truffaud (1977) – Drammatico.
Al funerale del quarantenne Bertrand Morane ci sono solo donne, tutte le donne che il defunto ingegnere ha amato nel corso della sua vita: i particolari dei vari incontri amorosi sono contenuti nel libro che Bertrand ha terminato in ospedale, prima di morire, nel tentativo di toccare le gambe dell'infermiera.

L-uomo-che-amava-le-donneLa-sposa-in-neroBella-di-giorno

Leon di Luc Besson, con Jean Reno (1994) – Azione.
Leon è un sicario, felice della sua vita. Quando una ragazzina, sua vicina, torna a casa e trova la sua famiglia uccisa da un trafficante di droga, va da lui per aiuto. Quando scopre la sua "professione", gli chiede di insegnarle ad uccidere per ottenere la sua vendetta.

E Il favoloso mondo di Amelie, con Audrey Tautou?  (2001) - Davvero originale!
Una famiglia strana. La madre, uscita dalla chiesa, viene schiacciata da una suicida. Una volta cresciuta,  la ragazza va a Parigi. Fa la cameriera e incontra tanta gente. Poi…

8 donne e un mistero (2001) – Commedia, Giallo, Musicale, Poliziesco.
Al risveglio nella loro elegante dimora, 8 donne trovano l'unico uomo di casa assassinato nel suo letto. Il telefono è staccato, l'auto non parte e il cancello bloccato: non resta loro che affrontare i loro intrighi e tradimenti in un susseguirsi di colpi di scena che portano a un finale.

Leon-Luc-Besson8-donne-e-un-mistero

Niente da nascondere con Daniel Auteil e Juliette Binoche (2005) – Drammatico, Thriller.
Georges, che presenta un programma televisivo deticato alla letteratura, inizia a ricevere inquitanti video che ritraggono lui stesso e la sua famiglia, accompagnati da disegni dal significato incomprensibile...

L’ultima missione con con Daniel Auteuil (2008) – Poliziesco.
Un poliziotto marsigliese in crisi ha una chance di redimersi proteggendo una donna dal criminale che ha ucciso i suoi genitori, e che sta per uscire di prigione.

Giù al nord, titolo originale   Bienvenue chez les Ch’tis (2008) – Commedia.
Dopo questo film, nell’ottobre 2010 è uscito nelle sale italiane Benvenuti al Sud, con protagonisti Claudio Bisio, Alessandro Siani ed Angela Finocchiaro (lo stesso Dany Boon, regista e attore del film francese, oltre a collaborare alla stesura, appare in un cameo); la versione italiana è ambientata sulla costiera cilentana, e snocciola i classici stereotipi che dividono Nord e Sud Italia.

Giù-al-nordNiente-da-nascondereL-ultima-missione

The artist con Jean Dujardin (2011) – Drammatico, Romantico, Commedia.
Hollywood 1927. George Valentin è una star del cinema muto di grande successo, che però si trova ad affrontare il proprio declino artistico con l'avvento del sonoro. Al contrario, Peppy Miller, una giovane comparsa, sta per diventare una diva. La fama, l'orgoglio e i soldi ostacoleranno la loro storia d'amore.

Quasi amici con François Cluzet e Omar Sy (2011) – Commedia, Drammatico.
Dopo un incidente di parapendio che lo ha reso paraplegico, il ricco aristocratico Philippe assume Driss, ragazzo di periferia appena uscito dalla prigione, come badante personale. L'improbabile connubio genera altrettanto improbabili incontri tra Vivaldi e gli Earth Wind, dizione perfetta e slang di strada, completi eleganti e tute da ginnastica...
Due universi opposti entrano in rotta di collisione, ma prima dello scontro finale troveranno un punto d'incontro che sfocerà in amicizia.

La Delicatesse con Audray Tautou (2011) – Commedia, Romantico.
Un giovane uomo svedese si innamora di una collega d'ufficio francese. La donna, però, soffre ancora per il lutto recente che l'ha colpita. Il marito è morto tre anni prima in un incidente, ma la corte delicata del collega gradatamente la spingerà a tornare a vivere e a innamorarsi ancora.

La-Delicatesse Quasi-amici

The-artist

Tre film di Francis Veber:
La cena dei cretini (1998) – Commedia.
Il titolo Le diner des cons suona ancora meglio!
Sta zitto… Non rompere, con Jean Reno e Gerard Depardieu (2003) – Troppo forte! 
La capra (1981) – Commedia.

Allora, li conto... 15! Potrei solo aggiungerne altri, non saprei quale togliere per un elenco di film francesi assolutamente da non perdere. E se vi capitasse di guardarne alcuni, mi piacerebbe sapere cosa ne pensate...


Paola Casadei
In origine farmacista e direttore tecnico di laboratorio omeopatico, ha lasciato Forlì per trasferirsi prima a Roma, poi a Montpellier, quindi per dodici meravigliosi anni in Africa (otto in Sudafrica e quattro in Mozambico), dove ha insegnato musica e italiano. Ora risiede a Montpellier con la famiglia.
L'elefante è già in valigia, Lettere Animate Editore.
Malgré-nous. Contro la nostra volontà, traduzione, Ensemble Edizioni.
Dal buio alla luce. Il bisso marino e Chiara Vigo, traduzione, Cartabianca Editore.

About Stefania Bergo

Il blog culturale degli scrittori emergenti: letteratura, webmagazine, travel&living, arte, promozioni speciali e servizi editoriali.
    Blogger Comment
    Facebook Comment
    G+ Comment

1 commenti:

  1. Io amo moltissimo Léon. Un film violento, ma che trova una compensazione nel personaggio della piccola Mathilda e nell'essere in fondo quasi un bambino, da parte di Léon, in questa cura maniacale della sua pianta e nel fatto che beve solo latte. Un film che ha rivelato l'abilità di Natalie Portman, diventata oggi, a mio parere, la migliore attrice del mondo.

    RispondiElimina

Ti è piaciuto questo articolo? Allora faccelo sapere, il tuo feedback è per noi prezioso, grazie!