• Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scritri della accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto

In primo piano

[Mens sana in corpore sano] Risotto, tortelli e Halloween: la zucca, proprietà, curiosità e ricette, di Francesca Gnemmi

zucca-proprieta-cucina-tortelli

Risotto, tortelli e Halloween. Quando si parla di zucca è facile pensare ai piatti della tradizione emiliana e alla festa di Ognissanti, ormai adottata anche in Italia.

L’autunno è iniziato ormai da tempo, ma da poco è riuscito a rubare la scena alla coda di una lunga estate che ha faticato a sbocciare e non ne vuole sapere di assopirsi.
Strade illuminate da buffe capocce intagliate che osservano i passanti con espressioni ironiche, bimbi travestiti da far paura hanno fatto incetta di dolciumi e caramelle, mentre esibizioni di cucurbitacee dalle dimensioni abnormi si alternavano a competizioni alla ricerca della forma perfetta. Una tradizione che ha attraversato l’oceano approdando anche in Italia e che ormai dilaga quale festa di tutto rispetto, divertente e versatile, tra grandi e piccini.
Tagliato il traguardo della serata in maschera, il calendario ortolano suggerisce che la zucca trovi in realtà consumo durante l’intero autunno, a partire dalla fine di settembre fino ai primi mesi invernali, concentrandosi in particolare in quello di novembre.
Esiste forse ortaggio più versatile? Ne mangiamo i semi e la polpa, mentre la buccia può essere conservata e utilizzata come contenitore. Quindi, come si diceva una volta, non si butta via niente!

Zuppe, risotto, pasta fresca e dolci: la zucca è versatile e ricca di vitamine e minerali, oltre ad avere proprietà antidiabetiche e antipertensive.

semi-di-zucca
Che sia d’Albenga, Napoli o Chioggia, che si tratti di una Berrettina Piacentina o di una Butternut Rugosa, la tipicità regna sovrana e ogni zona del nostro Paese vanta la propria varietà di zucca. Tutte dai colori intensi, che vanno dall’ocra all’arancio vivace, fino alle sfumature del giallo.
Gli impieghi in cucina sono molteplici e i risultati sempre ottimi. Dalle zuppe, al risotto, alla pasta fresca. Originale nei ripieni di carne e divertente e alternativa con i legumi e il pesce. I semi possono essere essiccati e utilizzati sia in panetteria sia insieme ad altri semi per ricette salate e non. Impossibile non accennare alle torte a base di zucca, dal sapore unico e ricco, mentre l’abbinamento con gli amaretti risulta vincente dall’antipasto al dessert.
Semplice ma gustosa come contorno. Delicata nelle creme e sfiziosa in altre mille preparazioni.
Caduta in piedi per ogni scelta, dunque.
Un concentrato di benessere che integro si conserva per mesi. Una volta aperta invece è bene riporre la zucca in frigorifero e consumarla nell’arco di pochi giorni.
La zucca è buona ma, soprattutto, è un alimento sano che fa bene. È nutriente senza essere grasso (18 calorie per 100 g) e il suo gusto particolare invoglia a consumarne a volontà.
Proprietà. La sua polpa contiene diverse vitamine, in particolare pro-vitamina A, vitamina E e vitamina C. Ricca di sali minerali ed enzimi benefici, per le sue proprietà lassative la zucca viene consigliata in caso di stitichezza e di irregolarità intestinale. Il suo consumo permette inoltre di migliorare la digestione e l'eliminazione delle tossine di intestino e fegato.
Alcuni degli amminoacidi di cui è ricca sono sedativi e antistress e possono rivelarsi d’aiuto per chi conduce una vita frenetica e la sera fatica a prendere sonno.
I semi, da consumare previa tostatura, annoverano un prezioso contenuto di lecitina, tiroxina, fosforo, vitamina A e vitamine del gruppo B. Insieme all’olio di zucca, date le proprietà lenitive e antiossidanti di entrambi, vengono utilizzati in cosmesi nella preparazione di creme e maschere anti invecchiamento.
Curiosità. Originaria dell'America Centrale, i semi più antichi, ritrovati in Messico, risalgono al 7000-6000 a.C. Nel nord del continente americano rappresentava un alimento base della dieta degli Indiani. Insieme alla patata e al pomodoro, è stato uno dei primi ortaggi esportati dopo la scoperta dell'America.

tortelli-zucca

TORTELLI ALLA ZUCCA ALLA MANTOVANA

Per 4 persone:

  • 6 etti di zucca
  • 2 etti e ½ di mostarda mantovana
  • 2 etti di amaretti
  • 1 uovo (intero se l’impasto è sodo, altrimenti solo il tuorlo)
  • 1 etto di formaggio grana grattugiato
  • noce moscata
  • sale fino e pepe q.b.


Preparazione del ripieno. Tagliare la zucca a pezzi, mondata dei semi, metterla in forno a 220 gradi e toglierla quando, provando di tanto in tanto, la forchetta entra bene nella polpa.
Lasciarla raffreddare nel forno poi, con un cucchiaio, spolparla raccogliendo solo la polpa che andrà schiacciata con una forchetta, il passaverdure o lo schiaccia patate.
Macinare con il tritacarne (filiera a fori piccoli) la mostarda, pescando i pezzi con la forchetta e sgocciolandoli dal sugo, che può essere aggiunto dopo se l’impasto è troppo sodo.
Unire il tutto alla zucca e mescolare bene, poi aggiungere la noce moscata, il formaggio, gli amaretti sbriciolati finemente e il sale; mescolare ancora bene e controllare la consistenza per regolarsi con l’uovo, che sarà ora aggiunto.
Lasciar riposare in frigorifero per una notte e toglierlo un poco di tempo prima dell’uso.

Per la preparazione della pasta fresca seguire la ricetta classica della pasta all’uovo.

Dopo aver dato forma ai ravioli, farli cuocere in acqua bollente per qualche minuto, scolare delicatamente e servire in un piatto largo con abbondante burro fuso, pepare e cospargere il tutto con una manciata generosa di grana grattugiato.

Francesca-Gnemmi

Francesca Gnemmi
Dichiara apertamente di non poter fare a meno di leggere, leggere per imparare ciò che ignora e conoscere se stessa nel suo continuo evolversi. Dalla passione per la lettura è nata quella della scrittura, o forse viceversa.
Poesie, favole e novelle ambientate nel dopoguerra e Il tempo delle lucciole, il suo primo romanzo storico edito da settembre 2015, sono frutto della costante necessità di tenere la penna in mano e afferrare i pensieri che si librano nella mente.

About Stefania Bergo

Il blog culturale degli scrittori emergenti: letteratura, webmagazine, travel&living, arte, promozioni speciali e servizi editoriali.
    Commenta con Blogger
    Commenta con Facebook

0 commenti:

Posta un commento

Ti siamo davvero riconoscenti per il tempo che ci hai dedicato. Se sei stato bene in nostra compagnia, perché non ci lasci un commento o ci offri un caffè? Grazie!

Breaking News

Dal nostro archivio

La Giornata Internazionale delle bambine e delle ragazze, per dire basta alle spose bambine, una rivoluzione (arancione) necessaria, di Stefania Bergo

Oggi si celebra in tutto il mondo la V Giornata Internazionale delle bambine e delle ragazze . Una giornata di sensibilizzazione, per il d...