• Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • I libri dei nostri collaboratori

  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scritri della accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto

In primo piano

[Libri] "Ibrido" di Isa Thid, recensione di Renata Morbidelli

Ibrido-Isa-Thid-recensione

Ibrido, di Isa Thid, edizioni GDS, 2016. Streghe, alchimisti, stregoni e creature fantastiche in un urban fantasy ambientato a Torino. 

Prendete come ambientazione Torino, una delle città più magiche dell'Italia; aggiungete streghe, alchimisti, stregoni, gnomi, fate mosche e creature fantastiche in abbondanza; condite con un buon ritmo, introspezione e colpi di scena quanto basta e otterrete un ottimo urban fantasy.
Ibrido di Isa Thid mi ha tenuta incollata alle pagine dall'inizio alla fine. 
Lara è una giovane e potentissima strega torinese. Fin da bambina, ha la capacità di vedere il Mondo Specchio, ovvero il luogo in cui vivono le creature fatate e, ovviamente, il suo doppio.
Aiutata da suo zio Alfonso, dal suo precettore Nero e da Marta, una strega che le farà da guida spirituale, riuscirà a riunire i due mondi e a creare l'Ibrido, una creatura potentissima capace di dominare gli Elementi della Natura e di piegarli alla sua volontà. 
Anche Vera è una giovane e potente strega torinese e, fin da piccola, anche lei ha sempre avuto la capacità di vedere cosa c'è oltre lo specchio e ha, da sempre, tatuati sul suo corpo, una serie di simboli esoterici.
Andando all'università, si ritrova nello stesso alloggio con Lucia. Quest'ultima è una strega che, pur non riuscendo a vedere oltre lo specchio, grazie ai racconti della nonna, sa tutto a proposito di Mondo Specchio e dei suoi abitanti.
Ben presto le due giovani diventano amiche e, durante una passeggiata per le strade di Torino, con tanto di battaglia a pallate di neve, incontrano un tizio che sta per annegare nel fiume. Seguendo l'istinto di Vera, lo salvano e lo portano nel loro alloggio. Curato e rifocillato, il giovane confessa alle due streghe di chiamarsi Telemaco e di venire dal Mondo Specchio.
Grazie al racconto del ragazzo e all'esperienza della nonna Delia, Vera e Lucia decidono di unirsi alla Resistenza.
Una mattina, casualmente, Vera e Lucia scoprono che Lara frequenta il loro stesso corso universitario e la incontrano a lezione. Seguendo il suo infallibile istinto, Vera decide di entrare nella corte di Lara allo scopo di fare il doppio gioco per conto della Resistenza e, a tempo debito, neutralizzare la potente strega e il suo perfido doppio.
Ha inizio, così, la fase decisiva della guerra.
Durante l'ultima battaglia e nelle fasi appena precedenti, il ritmo del libro, già abbastanza sostenuto dall'inizio, si fa notevolmente più serrato. Perfino i colpi di scena, che comunque non mancano mai lungo la narrazione, si fanno più frequenti fino all'epilogo finale. Complimenti, Isa!! 

ibrido

Ibrido

Sin da piccola Lara vede il Mondo Specchio attraverso qualunque superficie riflettente, per questo i genitori hanno tentato di curarla e poi fatta rinchiudere in un centro di salute mentale. A salvarla è stato lo zio, un vecchio alchimista che vive in una villa nella collina di Torino. Il romanzo si apre con un grande rituale in cui Lara unisce il mondo umano e il Mondo Specchio e genera l’Ibrido, accettando nella propria mente il suo doppio, un abominio dal grande potere. Un anno dopo a Torino arriva Vera, legata al Mondo Specchio da un tatuaggio e un’antica profezia. Assieme alla sua coinquilina Lucia, una strega wiccan, incontra Telemaco, reduce del Mondo Specchio che comanda la resistenza contro l’abominio e la sua ospite umana, Lara. Le storie s’intrecciano nel nuovo mondo Ibrido tra magia, combattimenti e decisioni difficili, mettendo alla prova l’amicizia e la morale delle tre ragazze.


di Isa Thid | GDS | Fantascienza
ASIN B01DN8CRUG | ebook 2,99€


Renata Morbidelli
Fin da giovanissima, mi sono cimenta, solo come diletto personale, nella composizione di poesie. L'incontro con i poemi epici di Omero, le leggende del circuito arturiano e di altri personaggi della letteratura britannica suscitano in me un crescente interesse.
Il cavaliere di fuoco, Narcissus Selfpublished.

About Valentina Gerini

Il blog culturale degli scrittori emergenti: letteratura, webmagazine, travel&living, arte, promozioni speciali e servizi editoriali.
    Blogger Comment
    Facebook Comment
    G+ Comment

0 commenti:

Posta un commento

Ti è piaciuto questo articolo? Allora faccelo sapere, il tuo feedback è per noi prezioso, grazie!