• Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • I libri dei nostri collaboratori

  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scritri della accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto

In primo piano

[Libri] "Il viaggio di Maui" di G. Garbuio, F. Tuzzi e R. Carone, recensione di Andrea Pistoia

maui-viaggio-infanzia

Il viaggio di Maui, di G. Garbuio, F. Tuzzi e R. Carone, Il Punto d'Incontro, 2017. Le meraviglie della cultura hawaiana, una piccola pietra miliare nel panorama dei libri educativi, rivolto a tutte le età.

Il libro narra la storia di Maui e della sua volontà di "riscoprire l’Amore".
Ma chi è Maui? È un essere di luce che vive con tanti altri suoi simili in una dimensione dove l’Amore (quello con la A maiuscola) permea ogni cosa e dove ogni creatura è collegata indissolubilmente all’altra.
Parlando con il suo amico Kane, il protagonista si accorge di non riuscire ad apprezzare appieno l’Amore, in quanto vive già in un "paradiso" dove questo sentimento ne è il fulcro. Di conseguenza, Maui conclude come solo privandosene può dargli la giusta importanza e valore.
Così decide di intraprendere un viaggio sulla Terra (luogo dove l’amore viene bistrattato e sottomesso a emozioni più superficiali e negative) e di vivere nel corpo di una persona in modo da affrontare tutte le esperienze che la vita gli riserverà e che lo condurranno alla riscoperta di questo sentimento.
Questa decisione viene apprezzata da tutti coloro che lo circondano, al punto che lo vogliono aiutare offrendogli sia ottimi consigli sia un supporto quando sarà sul pianeta.
Questo piccolo libricino (sono poco più di sessanta pagine) è sostanzialmente un dialogo tra il protagonista e i suoi amici con un continuo scambio di perle di saggezza e prospettive su cui riflettere.
Più la lettura prosegue e più il lettore prende coscienza di quanto ogni cosa, frase e concetto, abbia una propria coerenza, un proprio senso logico, al punto da fornirgli una plausibile risposta al perché siamo venuti al mondo, per quale ragione ci accadano certi avvenimenti (positivi o negativi che siano) e quale sia il nostro posto nel mondo.

Come ogni racconto che si rispetti, anche questo ha varie chiavi e livelli di lettura.

Può essere letto come una favola per bambini, arricchita da adorabili disegni a pastello (realizzati da Estrella Apolonia) che rappresentano i vari episodi descritti, oppure come un libro per adulti, pregno di spunti profondi e affascinanti su cui meditare. Perché questo libro può essere concepito come un’incantevole metafora atta a trasmetterci in modo semplice dei concetti astratti di una filosofia a noi così lontana e sconosciuta (ma non per questo meno accattivante).
Gli autori hanno fantasia da vendere: elaborano un mondo perfettamente funzionale con dialoghi intensi e mai scontati, in modo da far conoscere al lettore neofita l’universo delle tradizioni hawaiane e da indurlo ad approfondire certe tematiche (prima fra tutte la tecnica dell’Ho’oponopono, che è, in fondo, ciò che servirà a Maui per ritrovare se stesso e l’Amore che si porta dentro).
Il racconto è scritto in modo semplice e diretto, evitando di perdersi in descrizioni superflue e di fornire spiegazioni troppo elaborate che confonderebbero il lettore e rallenterebbero la comprensione. Ma attenzione, perché ‘semplice’ non significa scritto male o con superficialità. Anzi, mi sono trovato più e più volte a sottolineare concetti per il piacere di poterli ripescare in futuro, in quanto sono uno di quei lettori cui piace ogni tanto rileggere ciò che l'ha colpito maggiormente. E di questo racconto breve hanno attirato la mia attenzione parecchi paragrafi e frasi, decisamente di più di quelli estrapolati da certi tomi che mi hanno riempito la mente di parole astratte ma poveri di nozioni fondamentali e illuminanti.
Ergo, consiglio vivamente la lettura di questo libro (e perché no, proseguirla con qualche altro scritto dagli autori, i quali promuovono la disciplina dell’Ho’oponopono come mezzo per migliorare se stessi e tornare in contatto col proprio vero io).

Il-viaggio-Maui-La-vera-storia-Ho-oponopono

Il viaggio di Maui
La vera storia dell'Ho'oponopono

Il viaggio di Maui racconta con immagini poetiche e linguaggio semplice e immediato le meraviglie nascoste e poco conosciute della cultura hawaiana, piccoli gioielli di grande profondità e di valore universale. Meraviglie che rappresentano e racchiudono la spiegazione del funzionamento della realtà.
Per i bambini è un viaggio che insegna le basi dell’Amore e del rispetto, le vie naturali per crescere. Per gli adulti e per tutti coloro che amano l’Ho’oponopono è un libro chiave per approfondire tutti quegli aspetti sconosciuti della cultura hawaiana da cui questa antichissima e potente pratica origina, come pure per chiarire in modo semplice molti quesiti che spesso risultano poco chiari anche a chi pratica Ho’oponopono da tempo.
Il viaggio di Maui è una piccola pietra miliare nel panorama dei libri educativi, rivolto a tutte le età. Con i contributi di Barbara Randall, rappresentante della cultura aborigena, ed Estrella Apolonia, donna medicina nativoamericana, con i suoi bellissimi disegni.

di G. Garbuio, F. Tuzzi e R. Carone - E. Apolonia
Il Punto d'Incontro | Narrativa per l'infanzia 10+, Saggio
ISBN 978-8868203900 | cartaceo 7,57€

Andrea-Pistoia

Andrea Pistoia
Nasco in una solare giornata di luglio a Vigevano. A dodici anni scoppia l’amore per la letteratura. Affronto la scuola come un condannato a morte. In compenso la mia cultura extra-scolastica cresce esponenzialmente. Dopo due anni vissuti a Londra, torno in Italia come blogger, giornalista, recensore di fumetti e sceneggiatore di un fumetto online per una nota casa editrice. Chitarrista dei ‘Panama Road’, direttore editoriale di una fanzine online.
Ancora e mai più (nelle mutande), YoucanPrint.

About Valentina Gerini

Il blog culturale degli scrittori emergenti: letteratura, webmagazine, travel&living, arte, promozioni speciali e servizi editoriali.
    Blogger Comment
    Facebook Comment
    G+ Comment

0 commenti:

Posta un commento

Ti è piaciuto questo articolo? Allora faccelo sapere, il tuo feedback è per noi prezioso, grazie!