• Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scritri della accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto

In primo piano

[Libri] "La signora dei colori" di Maurizio Spano, pag. 69 | #92

La-signora-dei-colori-Maurizio-Spano-pagina69

La signora dei colori, di Maurizio Spano, StreetLib, 2017 (seconda edizione). Un enigma, un groviglio apparentemente indipanabile, che irrompe improvviso nella vita del protagonista e della sua famiglia.

414 pagine  | ebook 2,99

Quello che non pensavo era successo. Ciò a cui non credevo, esisteva. Iniziai a correre, salendo due scalini alla volta, con la frenesia che mi era entrata nelle ossa. Avevo un solo desiderio: vedere quanto Attilio stava guardando.
Entrai nella dodicesima sala ansimante. L’ispettore stava fermo, come una statua di cera, a pochi metri dal confine di un mondo che neppure lui pensava esistesse.
Guardava un quadro, ma non era un semplice dipinto. Quando mi accostai alle sue spalle ed alzai gli occhi, la tela davanti a noi sembrò muoversi, contro il nostro volere, uscendo da un’altra dimensione. Una vita alternativa, dove le stesse persone a noi conosciute stavano vivendo un’esistenza parallela.
«Ale, sto sognando! Questa ragazza dipinta… è Anna!»
«Incredibile! Questo quadro l’avrò visto mille volte e non ci ho mai fatto caso. Ma con che occhi guardo le cose, con che occhi?» risposi, mentre le labbra iniziavano a tremarmi per l’emozione.
Eravamo di fronte all’Antea, uno dei simboli del manierismo italiano, prezioso capolavoro del Parmigianino. Non somigliava ad Anna: era lei. Uguale.
Attilio estrasse dalla tasca del giubbotto il foglio con i disegni del vestito veneziano.
«Ale… è il suo gemello anche questo» esclamò con stupore «Nell’immaginario o nella follia di qualcuno, Anna e Antea sono la stessa persona!»
«Questa fanciulla fu una celebre cortigiana ai suoi tempi e si mormora fosse l’amante del famoso pittore, quando lui soggiornò a Roma, nella prima metà del 1500» precisai «A quanto pare, un altro artista ha pensato di ripetere la scena».
Un terrore oscuro mi pervase le membra. Mi sentivo paralizzato. Anna era nelle mani di un pazzo. Un pazzo che non esitava ad uccidere per un vestito. Ma perché?
«Per noi, questa è una traccia: prima non avevamo niente, ora abbiamo una fotografia. Un senso, per quanto assurdo possa sembrare. Domani parleremo con il direttore del museo e vedremo» annuì Attilio.
Poi, l’amico di tante avventure mi prese per un braccio, portandomi via da quel luogo, dove avevamo scoperto, nascosta tra le innumerevoli, straordinarie bellezze, la porta dell’inferno.

~ 69 ~

Quarta di copertina
"La signora dei colori" di Maurizio Spano.

Sospeso fino all'ultima pagina tra reale e immaginario, “La Signora dei colori” è il racconto di un’avventura straordinaria vista attraverso gli occhi di Alessandro Sebastiani, uomo dall’esistenza tranquilla, studioso e docente universitario di storia. Improvvisamente Anna, l’amica del cuore, scompare, svanisce nel nulla. Un avvenimento sconvolgente, un enigma, un groviglio apparentemente indipanabile, che irrompe improvviso nella vita del protagonista e della sua famiglia. Sarà Attilio Assani, ispettore di Polizia e amico di Alessandro, ad accompagnarlo nel viaggio, affascinante e pericoloso, alla ricerca di indizi e spiegazioni: una Signora e le sue dame; uno spietato assassino e un giuramento, una promessa antica da mantenere, nello scorrere inesorabile dei secoli. Un museo, un quadro, un castello e un mondo tragico e, al tempo stesso, meraviglioso che, lentamente, affiora dalle nebbie del tempo.
"Le nostre vite, contro la loro volontà, stavano cambiando direzione, volgendosi verso un orizzonte mai desiderato. L’eterna ingiustizia dell’improbabile ci aveva coinvolto per l’ennesima volta. Qualsiasi progetto, fatto soltanto una settimana prima, ora non aveva più alcun significato" ricorderà Alessandro, pensando al viaggio che da Padova li aveva condotti a Napoli, adesso, all'inizio dell'avventura, immersi tra amori e crudeltà che si intrecciano e la verità che, lentamente, offrirà il suo stravagante palcoscenico a personaggi sempre in bilico fra la durezza della realtà e la redenzione della fantasia.


Leggi le altre pagine 69:


About Stefania Bergo

Il blog culturale degli scrittori emergenti: letteratura, webmagazine, travel&living, arte, promozioni speciali e servizi editoriali.
    Blogger Comment
    Facebook Comment
    G+ Comment

0 commenti:

Posta un commento

Ti è piaciuto questo articolo? Allora faccelo sapere, il tuo feedback è per noi prezioso, grazie!