• Gli scrittori della porta accanto
  • La stanza numero cinque, Gli scrittori della porta accanto
  • Storie di una assistente turistica 2
  • Il tempo di un caffè, di Silvia Pattarini - Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Mwende, Stefania Bergo (Memoir) - Gli scrittori della porta accanto
  • Il sogno dell'isola, Tamara Marcelli - Gli scrittori della porta accanto
  • Ponsacco-Los Angeles Sulle tracce di Bruce Springsteen, Valentina Gerini (Mainstream) - Gli scrittori della porta accanto
  • Con la mia valigia gialla, Stefania Bergo (Memoir) - Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Volevo un marito nero, Valentina Gerini (Romance) - Gli scrittori della porta accanto
  • La notte delle stelle cadenti, Valentina Gerini (Romance) - Gli scrittori della porta accanto
  • Perchè ne sono innamorata, Elena Genero Santoro, Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Chiaroscuro, Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Racconti, Gratis, Natale, Gli scrittori della porta accanto
  • L'appetito vien leggendo - Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Ad ali spiegate, Ornella Nalon - Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Il tesoro dentro, Elena Genero Santoro - Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Diventa realtà, Elena Genero Santoro, Gli scrittori della porta accanto
  • Immagina di aver sognato, Elena Genero Santoro, Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Di donne, di amori e di altre catastrofi (Romance ironico) - Andrea Pistoia, Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Il cielo d Inghilterra, Loriana Lucciarini - Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Il sogno di Giulia, Claudia Gerini (Romance) - Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Lungo la via Francigena, di Angelo Gavagnin - Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Noi e il 68
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Ritrovarsi di Loriana Lucciarini - Gli Scrittori della Porta Accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Una felicità leggera leggera, Loriana Lucciarini - Gli scrittori della porta accanto
  • Una grande amicizia, Liliana Sghettini - Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto

Legge 194 e aborto: un libro dalla parte delle donne

Legge 194 e aborto: un libro dalla parte delle donne

Professione lettore Di Stefania Bergo. La stanza numero cinque, un romanzo breve dalla parte delle donne, attuale come la demonizzazione della legge 194.

La legge n. 194, del 22 maggio 1978, ha depenalizzato e disciplinato, con referendum abrogativo, le modalità di accesso all'interruzione volontaria della gravidanza. Prima di tale legge, infatti, l'aborto era considerato dal codice penale italiano a tutti gli effetti un reato ed era prevista una pena detentiva sia per chi provvedeva all'interruzione della gravidanza sia per chi la subiva, indipendentemente che la donna fosse consenziente o meno.
Solo nel 1975 — senza entrare nel merito di quali partiti politici fossero coinvolti —, sull'onda della rivoluzione culturale e sessuale in atto nella società italiana, iniziò una campagna abortista a livello nazionale per combattere la piaga dell'aborto clandestino. In quello stesso anno venne anche aperto il primo consultorio nazionale a Firenze.
Riassumendo, la 194 consente alle donne di ricorrere all'aborto in strutture pubbliche o convenzionate, chiaramente solo nei casi previsti dalla legge stessa e comunque nei primi novanta giorni della gravidanza, mentre tra il quarto e quinto mese è possibile ricorrere all'aborto solo per motivi di natura terapeutica. Il personale sanitario delle strutture può invocare l'obiezione di coscienza, fermo restando che deve essere garantita alla donna la possibilità di ricorrere all'interruzione volontaria di gravidanza, o IGV, come sancito per legge.
Il testo integrale della legge 194 è consultabile direttamente sul sito del Ministero della Salute, mentre le informazioni sulle statistiche degli aborti nel 2017 sono disponibili sul sito dell'ISTAT.

Quello che vorrei fare in questo articolo, invece, è soffermarmi sulle donne, sul perché difendere la legge 194 non significhi essere contro la vita.

Il primo articolo della legge stessa recita quanto segue:
Lo Stato garantisce il diritto alla procreazione cosciente e responsabile, riconosce il valore sociale della maternità e tutela la vita umana dal suo inizio. L’interruzione volontaria della gravidanza, di cui alla presente legge, non è mezzo per il controllo delle nascite. Lo Stato, le regioni e gli enti locali, nell’ambito delle proprie funzioni e competenze, promuovono e sviluppano i servizi socio-sanitari, nonché altre iniziative necessarie per evitare che l'aborto sia usato ai fini della limitazione delle nascite.
È abbastanza cristallino, dunque, che la 194 non sia una legge contraria alla vita, irrispettosa o addirittura criminale. Anzi, è una legge che al suo interno sancisce anche il diritto delle donne di avere a disposizione i supporti necessari per vivere la gravidanza, anche quando problematica, nel miglior modo possibile. Si impegna, cioè, a trovare delle valide alternative, nell'interesse della donna e del bambino.

La legge 194 è spesso difesa al grido di «il corpo è mio e me lo gestisco io». 

A qualcuno può apparire un'affermazione irriverente, superficiale, sfacciata. Ma il suo significato va al di là della mera analisi grammaticale. La verità è che spesso le donne sono lasciate sole ad affrontare gravidanze a volte troppo pesanti per un solo essere umano. Per quanto ci possano essere strutture sociali di supporto, famiglie alle spalle o mariti premurosi, le madri sono le uniche costrette a fare i conti con la propria scelta, qualunque essa sia, per il resto della loro vita. Ad esse non è concesso tagliare la corda — come fanno troppo spesso i padri —, ci devono essere sempre. In altre parole, troppo spesso la madre è sotto una lente d'ingrandimento invadente a volte deformante, un peso che avrà sulle spalle e dovrà mettere in conto senza sconti nel proprio futuro. Detto questo, mi pare il minimo che quanto meno abbia il diritto di scegliere.

Una scelta che non è mai facile. Non si tratta di sbarazzarsi di qualcosa che non si vuole, ma di pensare oltre, a quello che ne sarà di quella vita una volta nata. 

Non necessariamente dare alla luce è un atto d'amore a prescindere. Perché ogni neonato ha diritto non solo alla vita ma anche e soprattutto alla vita dignitosa, alle migliori condizioni possibili per crescere e diventare adulto. Io credo che il vero atto d'amore sia tenere conto di questa variabile per nulla irrilevante.
Come accade nel caso di gravi malattie genetiche. Con questo non voglio dire che sbagli chi mette al mondo un figlio malato, ma allo stesso modo non mi sentirei di accusare chi, pensando al suo futuro, decida di non farlo — chiaramente è solo uno dei tanti esempi.
Che vita sarà la loro quando i nostri figli saranno solo cartocci di corpi, quando saranno grandi ma continueranno ad aver bisogno di noi per mangiare, per andare in bagno, per vestirsi, per comunicare? Li amo così tanto da non riuscire a coglierne i contorni, ma non vivrò per sempre. E nessun altro al mondo, nemmeno il professionista più preparato e sensibile, riuscirà mai a occuparsi di loro come facciamo io e Jens. E loro ne soffriranno. Ma non come soffriremo noi quando moriranno i nostri genitori. Sarà per loro devastante, perché solo allora si renderanno conto che la vita che avranno vissuto fino a quel momento non sarà stata per nulla dignitosa, ma solo un accecante riflesso di tutto il nostro amore...
- da La stanza numero cinque

Nel mio libro, La stanza numero cinque (Gli Scrittori della Porta Accanto Edizioni), ho indossato le scarpe di cinque donne che hanno scelto l'aborto, ho raccontato le loro storie e ascoltato le loro ragioni.

Tutte hanno in grembo un figlio con un "ma": Eva è l’amante di un uomo sposato; Chiara ha solo sedici anni e le è stata usata violenza; Valeria teme di non poter crescere un bambino gravemente malato; Daniela rischia la vita per una quinta gravidanza; Miriana non vuole rinunciare alla propria carriera.
- dalla recensione di Emma Fenu per Cultura al Femminile
Sono solo cinque, ma le storie di donne che si trovano ad affrontare una gravidanza intrisa di "ma" sono tante, troppe per poterle narrare tutte. Ne ho scelte alcune, quelle più dissimili tra loro, un piccolo campione. Sono storie inventate, raccontate incastrando tratti di vita vissuta di donne incontrate sul mio cammino, storie udite passate di bocca in bocca, a volte raccogliendo giudizi che sono rimasti loro appiccicati addosso come un marchio. Un campione realistico, quindi. Per portare il lettore a riflettere.



Non si tratta di un libro che istiga all'aborto, tutt'altro. È un libro dalla parte delle donne. Della vita. 

La trama di questo romanzo breve si apre raccontando le vite di Eva, Chiara e sua madre Liliana, Valeria e il compagno Matteo, Daniela e suo marito Giovanni, Miriana e l'amica del cuore Claudia, che un figlio lo vorrebbe ma non lo può avere. Ci sono molte variabili in gioco, quindi, e molte voci, anche maschili. Perché, se da un lato i padri sono una presenza ectoplasmatica, dall'altra sono profondamente legati alle donne che amano, che con loro vivono la stessa devastante spada di Damocle di una scelta che segnerà per sempre le loro vite. Ma, è inutile negarlo, ci sono anche uomini che si defilano, uomini che violentano incuranti, uomini che non vogliono alcun effetto collaterale oltre una relazione di mero sesso, uomini che abortiscono il loro essere padri.
Ho creduto che una volta scoperto che sono incinta avrei avuto lo stesso peso nelle sue scelte tra me e la moglie, perché ora un figlio ce l’ho anch’io. E invece no. È stata solo un’illusione. Non penserai di tenerlo, vero? Mi si è frantumata la bolla in faccia e il sapone mi ha infettato gli occhi. Ora non riesco nemmeno più ad aprirli quando sono davanti allo specchio. Ho fantasticato per due lunghissime ore prima di infrangermi contro il suo non penserai di tenerlo, vero?
- da La stanza numero cinque
E le donne tornano ad essere sole.

Le cinque donne si raccontano e confrontano per una lunghissima notte, nella stanza d'ospedale dove sono ricoverate. C'è anche chi l'aborto, pur trovandosi in una situazione difficile, non l'ha scelto affatto.

Proprio perché, sebbene la legge 194 dia alle donne il diritto di scegliere l'interruzione volontaria di gravidanza, questo non significa che ne facciano ricorso sempre e comunque, non c'è un distopico pericolo di crescita zero, di estinzione del fenotipo italico a causa della 194.
Sono rimasta incinta a vent’anni e sono stata messa alla porta dalla mia famiglia. Non mi hanno dato nemmeno modo di raccontare la mia storia con Simone, un compagno di corso alla Facoltà di Lingue. [...] Ma io ero solo una delle tante, non aveva mai avuto intenzione di rinunciare alla sua libertà, non mi aveva mai promesso niente. Quando restai incinta mi chiese di abortire. E quando capì che non l’avrei fatto, se ne andò in Turchia, in uno di quei progetti per catalogare le tartarughe marine.
- da La stanza numero cinque
È un romanzo corale in cui si possono distinguere nitidamente tutte le voci, tutte poste appositamente sullo stesso piano. Nessuno ha torto, nessuno ha ragione. Non ci sono giudizi su come queste donne abbiano condotto o condurranno la loro vita, solo empatia. Qualcuna potrebbe anche identificarsi in una di queste donne, qualcun altro lasciare entrare nell'animo quanto meno un ragionevole dubbio.

Miriana è una donna proiettata alla sua fulgida carriera di amministratore delegato e forse rappresenta l'unica donna che, agli occhi di molti, è davvero criticabile e definibile egoista. O forse no. 

Quanti sono gli uomini che scappano da gravidanze vincolanti o relazioni importanti per inseguire il posto di prestigio? Sono parimenti additati dal volgo? Con Miriana — ma anche con Daniela — ho voluto toccare anche un altro tema assolutamente non trascurabile da parte di chi è così facile al giudizio senza prima indossare le scarpe degli altri. Alle donne è spesso chiesto di rinunciare al lavoro, non hanno adeguate agevolazioni in termini finanziari e di flessibilità oraria, anzi, spesso rischiano il licenziamento appena il ventre comincia a gonfiarsi — come è accaduto ad una mia cara amica d'infanzia, ora splendida madre e imprenditrice di se stessa. Non c'è una reale tutela della maternità che tenga conto anche di una tutela della donna. E questo, a mio avviso, è lo specchio di un altro stereotipo duro a morire: una donna ha senso solo in quanto genitrice, anzi, è quello che ci si aspetta socialmente da lei. Tutto il resto è irrilevante. Per la società, chiaro. Ma per lei può tramutarsi in un macigno.
«Cla, smettila e torna su questo pianeta! Ma quando mai una donna non ha problemi a conciliare il lavoro con la maternità? Quante manager conosci che dirigano aziende e crescano figli senza défaillance in almeno una delle due parti? Quante ne hai viste tirare fuori un biberon e allattare il proprio marmocchio nel bel mezzo di un meeting internazionale con altri dirigenti? Cla, il mio contratto non prevede alcuno sconto per maternità, se non mantengo questi ritmi posso dire addio alla mia posizione» ammise infine con desolata resa.
Forse, prima di demonizzare una legge e indossare il cappuccio bianco degli inquisitori, sarebbe bene pretendere una maggiore tutela delle donne che, nonostante le difficoltà, vogliano comunque portare a termine la gravidanza e crescere un figlio, non lasciarle sole ad affrontare giudizi discriminatori o stereotipi medievali. E non da meno servirebbe una maggiore educazione sessuale ed emotiva per le adolescenti — e gli adolescenti — che, malgrado abbiano a disposizione una vasta fonte di informazione, mancano troppo spesso di guide per potersi orientare, in balia dell'attitudine malsana dei loro coetanei — e non solo. Come dire, prevenire è meglio che curare.

La stanza numero cinque ha un finale aperto, sarà il lettore a decidere come andrà a finire.

Un modo per riflettere, soprattutto ora che la legge 194 è pericolosamente messa in discussione e additata come legge criminale contro la vita. Ma non è così.
Essere genitori non è solamente dare la vita, è anche assicurare ai figli un futuro e avere la possibilità di crescerli al meglio, un dovere sociale cui non possiamo sottrarci e prendere in considerazione questo aspetto non fa di una donna un'egoista insensibile. O, peggio ancora, un'assassina.
Nessuno può scegliere per noi, Miriana. Nessuno porterà mai le nostre scarpe. E nessuno avrà mai il diritto di giudicarci. Ma noi lo faremo per il resto della nostra vita, ogni maledetto meraviglioso giorno che ci aspetta. [...] Quindi no, Miriana, nessuno può decidere per te. Ed è giusto così. Nessuno ne ha il diritto.
- da La stanza numero cinque
Difendere la legge 194 non significa non essere a favore della vita. Significa solo stare dalla parte delle donne.

La stanza numero cinque

di Stefania Bergo
Gli Scrittori della Porta Accanto Edizioni
Romanzo breve | Narrativa
ISBN 9788827558690
ebook 1,49€
cartaceo 5,92€

Sinossi
Sei donne si ritrovano a raccontare la loro storia in una stanza d’ospedale in attesa dell’intervento programmato per la mattina seguente. Si tratta di Liliana e della giovane figlia Chiara, di Miriana, futuro amministratore delegato di una multinazionale, Daniela, architetto e madre di quattro figli, Valeria, editor in una casa editrice, ed Eva. Cinque di loro sono in lista per un aborto. Ma condividere le loro storie l’una con l’altra crea un cerchio di confronto ed empatia in grado anche di mettere in discussione la loro scelta. Forse.
Un racconto nato a maggio 2018, in occasione dei 40 anni dall’entrata in vigore della Legge 194, volutamente incompiuto perché al lettore è lasciato il libero arbitrio di scegliere l’epilogo, dopo aver conosciuto ognuna delle protagoniste. Un esperimento letterario, ciò che conta è provare a mettersi nelle scarpe degli altri, con empatia, e stringere un cerchio di comprensione, non un cappio di condanna.
I capitoli finali inviati all’autrice saranno inseriti nella seconda edizione prevista per maggio del 2019 secondo le modalità indicate sul sito www.gliscrittoridellaportaaccanto.com.


Stefania Bergo
Non ho mai avuto i piedi per terra e non sono mai stata cauta. Sono istintiva, impulsiva, passionale, testarda, sensibile. Scrivo libri, insegno, progetto ospedali e creo siti web. Mia figlia è tutto il mio mondo. Adoro viaggiare, ne ho bisogno. Potrei definirmi una zingara felice. Il mio secondo amore è l'Africa, quella che ho avuto la fortuna di conoscere e di cui racconto nel mio libro.
Con la mia valigia gialla, StreetLib collana Gli scrittori della porta accanto (seconda edizione).
Mwende. Ricordi di due anni in Africa, Gli scrittori della porta accanto Edizioni.
La stanza numero cinque, Gli scrittori della porta accanto Edizioni.

About Stefania Bergo

Il blog culturale degli scrittori emergenti: letteratura, webmagazine, travel&living, arte, promozioni speciali e servizi editoriali.
    Commenta con Blogger
    Commenta con Facebook
0 commenti

Posta un commento

Ti siamo davvero riconoscenti per il tempo che ci hai dedicato. Se sei stato bene in nostra compagnia, perché non ci lasci un commento o ci offri un caffè? Grazie!


Novità editoriali

LIBRERIA GLI SCRITTORI DELLA PORTA ACCANTO
#mammeinviaggio e #gliscrittoridellaportaaccanto su Instagram