Cartoni animati anni '80: Hello Spank!

Cartoni animati anni '80: Hello Spank!

Serie TV Di Lara Zavatteri. Hello Spank! Il cane più buffo dei cartoni animati anni '80, ispirato al manga di Shun'ichi Yukimuro e Shizue Takanashi.

Basta dire «Che botta!» o «Stufo io!» o ancora «Iaia» per riconoscerlo. Si tratta proprio di lui, il cane Spank protagonista della serie di cartoni TV Hello Spank! negli anni Ottanta.
Ma chi è Spank?
Spank è un cane cicciotto, bianco e nero, non come tutti gli altri. Viene adottato da Aika, ragazzina che ha misteriosamente perso il padre in mare e che per l'estate trascorre le vacanze con lo zio – poi resterà anche in seguito – ed inizialmente non piace molto alla ragazza. Quest'ultima ha appena perso il suo cagnolino, investito da un furgone e non se la sente di adottare Spank, ma poi i suoi modi buffi e teneri la convincono.


Dicevamo, Spank non è un cane come tutti gli altri. Anzitutto, sa parlare.

Siccome non riesce ad articolare il nome della sua padrona, Aika, la chiama «Iaia» o «Bimba». Poi, veste di solito una salopette e all'occorrenza vestiti eleganti con tanto di farfallino. Sa cucinare, mangia con le posate, risponde al telefono, canta ma è stonatissimo, prende il treno e fa il biglietto – ha sempre con sé un borsellino portatutto – e ha una cotta per Micia, una gattina che però piace anche all'amico-nemico di Spank, Torakiki, un gatto marrone dall'accento tedesco, che veste sempre con cravatte rosse e che rivaleggia con Spank per l'amore di Micia, che però non si fila nessuno dei due. All'occorrenza però sanno darsi una mano e aiutarsi a vicenda, nonché vivere spassose avventure.


Nel cartone animato, Aika attende il ritorno del padre che pare disperso in mare, anche se non sa se effettivamente egli sia ancora vivo. 

Intanto, per l'estate, resta a casa dello zio, mentre la madre stilista si trova a Parigi. Passate le vacanze resterà ancora dallo zio e dalla sua domestica, che ha il terrore di Spank, il quale non perde occasione per combinarle scherzi. Compaiono gli amici di Aika, i loro amici animali, nonno Jem del faro che ha fatto adottare Spank ad Aika, Serina, l'antipatica padrona di Micia.
A fine serie molte cose andranno a posto e Aika partirà con la madre e Spank per Tokyo.
Il manga da cui deriva la serie è opera di Shun'ichi Yukimuro per i testi e Shizue Takanashi per i disegni e nella trama differisce dal cartone, anche se personaggi principali restano sempre Aika e Spank.
Tra le curiosità: la prima voce di Spank fu dell'attrice Liù Bosisio, la prima moglie di Fantozzi e voce di Marge ne I Simpson.


Se siete fan di Spank non perdetevi i manga che si trovano online per leggere e rivivere nuovamente le avventure del cane più pasticcione dei cartoni animati anni '80. Su Amazon trovate anche i DVD della serie.



Lara Zavatteri

Lara Zavatteri
Classe 1980, vive e lavora nel paese di Mezzana in val di Sole (Trentino). Iscritta all'Ordine nell'elenco dei pubblicisti dal 2000, scrive articoli di cultura, ambiente e attualità locale. È anche blogger e autrice di libri.Guardando le stelle,Un cane di nome GiulianoRisparmia Subito!Amici per sempreCuor di Corteccia, Sopravvissuti, Youcanprint.Reset, Photocity.it.La strada di casa, Edizioni del Faro.Agata. Come un funerale ti salva la vita, Youcanprint.
Ti siamo davvero riconoscenti per il tempo che ci hai dedicato. Se sei stat* bene in nostra compagnia, che ne dici di farti un giro sul nostro blog? Potresti lasciarci un commento per farci sapere che ne pensi, iscriverti alla newsletter, per restare sempre aggiornat* sui nostri argomenti, o all'Associazione Gli Scrittori della Porta Accanto APS, per usufruire di promozioni e contenuti dedicati, oppure potresti offrirci un caffè per sostenere il nostro lavoro. Te ne saremmo davvero grat*. Il vostro feedback è davvero importante per noi.

About Davide Dotto

Il webmagazine degli scrittori indipendenti.
    Commenta con Blogger
    Commenta con Facebook
0 commenti

Posta un commento

Ti siamo davvero riconoscenti per il tempo che ci hai dedicato. Se sei stato bene in nostra compagnia, perché non ci lasci un commento? Grazie!

<< ARTICOLO SUCCESSIVO
Post più recente
ARTICOLO PRECEDENTE >>
Post più vecchio
Home page

Novità editoriali


Pubblicità