• Ponsacco-Los Angeles Sulle tracce di Bruce Springsteen, Valentina Gerini (Mainstream) - Gli scrittori della porta accanto
  • Con la mia valigia gialla, Stefania Bergo (Memoir) - Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Volevo un marito nero, Valentina Gerini (Romance) - Gli scrittori della porta accanto
  • La notte delle stelle cadenti, Valentina Gerini (Romance) - Gli scrittori della porta accanto
  • Perchè ne sono innamorata, Elena Genero Santoro, Gli scrittori della porta accanto
  • Chiaroscuro, Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • L'appetito vien leggendo - Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Diventa realtà, Elena Genero Santoro, Gli scrittori della porta accanto
  • Immagina di aver sognato, Elena Genero Santoro, Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Il cielo d Inghilterra, Loriana Lucciarini - Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Il sogno di Giulia, Claudia Gerini (Romance) - Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scritri della accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Una felicità leggera leggera, Loriana Lucciarini - Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto

In primo piano

L'incipit | #22 "L'occasione di una vita"


CAPITOLO I

Quella sera Futura attendeva il rientro di Patrick con più ansia del solito.
Patrick e Futura convivevano in un loft di Londra da più di un anno e la vita a due, cominciata con entusiasmo, era fino a quel momento proseguita sempre bene. I piccoli dissapori iniziali legati alle diverse abitudini non erano mai stati così aspri da incrinare il rapporto. Patrick apprezzava un sacco la cucina di Futura, che si era impratichita in giovane età nell’agriturismo di famiglia. Lui, di madre inglese, lavorava per una software house, dopo aver conseguito una doppia laurea magistrale in Ingegneria Informatica sia in Italia che in Inghilterra. Lei, ottenuta a Londra la laurea triennale in Ingegneria Gestionale, continuava in Inghilterra i suoi studi per prendere una specializzazione.

Futura stava finendo di mettere la cena sul fuoco quando udì la porta aprirsi e richiudersi. Si rese conto che le tremavano le mani.
Patrick la cinse da dietro e le stampò un bacio sulla guancia. Futura intuì che era particolarmente di buon umore.

"Piccola, ho una bella novità!"
"Davvero? – prese fiato lei. – Anch’io devo dirti una cosa, – proseguì con un sorriso storto, – ma parla prima tu."
Patrick non si era accorto dei tentennamenti della compagna, ed esordì esclamando:
"Il capo ha affidato a me lo sviluppo integrale di una serie di applicazioni per un nuovo smartphone che sarà presto lanciato sul mercato! È un lavoro veramente stimolante, ma soprattutto è la mia grande occasione per fare un balzo in avanti a livello di carriera!"
"E lavorerai da solo?"
"No, ci saranno alcune persone che mi daranno una mano, Ed, Peter e Claire. Te li ricordi, vero?"
"Come no."
Futura si ricordava bene di Ed, Peter e Claire. Erano tutti tizi che avevano bazzicato a casa loro, invitati a cena o a serate di lavoro o a entrambe le cose. Non era inusuale che Patrick si dedicasse ai suoi progetti la sera a casa, soprattutto in vista di una consegna. Non era insolito neppure che altri colleghi lo raggiungessero per aiutarlo. Futura se ne faceva una ragione: non capitava spesso, comunque.
Ed e Peter erano due anonimi informatici che, come unico interesse, avevano il loro lavoro di programmazione.
Claire invece era una strafottente che svolgeva le sue mansioni come creativa e a Futura non piaceva neanche un po’. Longilinea, con pelle molto chiara, capelli rossi lunghi con la frangia e occhi azzurri, era una bella ragazza in apparenza molto socievole e gioviale, che a Futura pareva una grandissima stronza. Quando conversavano tutti insieme a cena, Claire sembrava ignorare completamente la presenza di Futura e si rivolgeva esclusivamente a Patrick, con molte moine e tanti complimenti. All’inizio della pur sporadica frequentazione, pareva che il nome di Futura proprio non le entrasse in testa. In un paio di occasioni quest’ultima le aveva fatto presente che aveva parlato in inglese troppo velocemente, e le chiedeva per favore di ripetere, perché non aveva capito. Claire aveva risposto con un: “Oh, sorry” e un sorrisetto che a Futura era sembrato nient’altro che una provocazione. Insomma, sembrava che Claire, rivolgendosi a lei, la prendesse in giro, e, quando non la ignorava palesemente, che la trattasse come una specie di povera scema.
Non che Claire fosse mai stata chiaramente sgarbata o che le avesse risposto male in modo diretto. Al contrario, ogni tanto le riservava anche alcuni vistosi salamelecchi. Era più che altro una questione di atteggiamento, Futura non si sentiva rispettata da quella tipa. Inoltre aveva anche il sospetto che Claire nutrisse un interesse per Patrick, e forse era proprio questa la ragione per cui si comportava sempre come se lei fosse un “qualcosa di poco conto”.
Insomma, Claire non le ispirava la minima fiducia e dunque lei non era affatto contenta che il suo ragazzo dovesse lavorarci gomito a gomito.

"Sembra sfizioso, questo ragù! – disse Patrick entusiasta, rompendoci dentro un grissino. – Ma cos’è che mi dovevi dire?"
"Sediamoci a tavola."
Patrick intuì finalmente che Futura avesse da rivelargli qualche novità importante.
Si sedette e domandò con un po’ di apprensione:
"Qualcosa di grave? Di brutto?"
"Qualcosa di serio, se è bello o brutto me lo dirai tu."
Lui la fissò senza parlare. Lei proseguì, con la voce che le tremava:
"Sono incinta."
Patrick posò la forchetta che stava per portare alla bocca...

★★★★★

Se il libro vi incuriosisce, click sulla copertina per maggiori info.
Il buon giorno di vede dal mattino, dicono, e un buon incipit e una copertina accattivante possono essere il perfetto bigliettino da visita di un libro.
Secondo voi, quante stelline si merita il biglietto da visita di questo libro?


Chi ben comincia Ogni lunedì, le prime righe di un libro + la sua copertina = bigliettino da visita dell'opera.

About Stefania Bergo

Il blog culturale degli scrittori emergenti: letteratura, webmagazine, travel&living, arte, promozioni speciali e servizi editoriali.
    Commenta con Blogger
    Commenta con Facebook

0 commenti:

Posta un commento

Ti siamo davvero riconoscenti per il tempo che ci hai dedicato. Se sei stato bene in nostra compagnia, perché non ci lasci un commento o ci offri un caffè? Grazie!


Novità editoriali

LIBRERIA GLI SCRITTORI DELLA PORTA ACCANTO