• Ponsacco-Los Angeles Sulle tracce di Bruce Springsteen, Valentina Gerini (Mainstream) - Gli scrittori della porta accanto
  • Con la mia valigia gialla, Stefania Bergo (Memoir) - Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Volevo un marito nero, Valentina Gerini (Romance) - Gli scrittori della porta accanto
  • La notte delle stelle cadenti, Valentina Gerini (Romance) - Gli scrittori della porta accanto
  • Perchè ne sono innamorata, Elena Genero Santoro, Gli scrittori della porta accanto
  • Chiaroscuro, Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • L'appetito vien leggendo - Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Diventa realtà, Elena Genero Santoro, Gli scrittori della porta accanto
  • Immagina di aver sognato, Elena Genero Santoro, Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Il cielo d Inghilterra, Loriana Lucciarini - Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Il sogno di Giulia, Claudia Gerini (Romance) - Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scritri della accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Una felicità leggera leggera, Loriana Lucciarini - Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto

In primo piano

[Professione scrittore] L'editoriale di Elena Genero Santoro : i pro e contro del selfpublishing, i consigli degli scrittori


Per chi si accosta alla pubblicazione, una delle alternative possibili è quella del selfpublishing.

Il vantaggio di pubblicare in self è indubbiamente la libertà.
Sulle piattaforme dedicate non si è vincolati a nessun tipo di contratto e se si decide di ritirare la propria opera dal mercato o di modificarne una parte, basta un clic.
Le piattaforme italiane note sono Youcanprint, Narcissus (ora StreetLib) , Ilmiolibro del circuito Feltrinelli, Frenico, Pixalib. Quelle straniere sono Lulu, Createspace&KDP, Smashwords e Bebookness.
L’altro aspetto indubbiamente positivo è che tutti i guadagni vanno all’autore, escluse le royalties, ed è ovviamente sempre l’autore che stabilisce il prezzo della propria opera.
A volte per il codice ISBN viene richiesto un contributo.

Pubblicare è estremamente semplice, basta seguire passo passo tutti gli step che la piattaforma propone e il gioco è fatto. Si può pubblicare sotto forma di ebook o di libro cartaceo o in entrambi i modi. La maggior parte delle piattaforme offre anche la possibilità del POD, il print on demand: le copie vengono stampate su richiesta, appena un lettore o l’autore stesso decidono di ordinarle, si trattasse anche solo di un’unica copia, e senza costi aggiuntivi.

Il self dunque è uno strumento versatile, che permette un’autogestione della propria opera e delle spese ad essa correlate. Ma la libertà ha anche i suoi rischi...

Innanzitutto il mercato è saturo di libri auto-pubblicati. Quindi un libro auto-pubblicato, per farsi notare, deve avere un quid in più che altri libri non hanno.
La cover deve essere accattivante. Le piattaforme offrono la possibilità di creare cover semplici e standard, ma i risultati sono di una tristezza infinita. Quindi, il primo costo aggiuntivo che si dovrebbe prevedere è proprio quello di un’immagine professionale impaginata ad arte. A meno che qualche amico comprensivo non si offra di pensarci, però deve essere bravo. Il che potrebbe costare, da quanto ne so, 50 o 100 euro.
Poi, ovviamente, c’è il contenuto, il testo. Una CE, anche piccola, un minimo di editing lo fa, senza contare la selezione preliminare. Il rischio della pubblicazione in self è di mettere in circolazione opere non sufficientemente rifinite e presentabili, a meno di non avere una rete di amici e parenti capaci che controllino il testo prima della pubblicazione, oppure di non pagarsi un editing professionale (e sono altri soldi da mettere a budget). – Apro e chiudo una brevissima parentesi: l’editing a pagamento è qualcosa che talvolta viene consigliata anche agli autori che pubblicano con piccole CE. Ci sono diverse teorie di pensiero in merito. Ma questa è un’altra storia e la approfondiremo un’altra volta. – Un editing leggero costa almeno 250–300 euro e i prezzi aumentano se uno richiede un lavoro più approfondito.
E infine, la promozione. Se pubblichi con il self publishing sei solo e devi gestirti eventi e promozioni senza una guida. Ci sono autori che per farsi notare e portare il loro ebook self in alto nelle classifiche lo fanno leggere e recensire in anteprima a tutti gli amici. Quando poi il libro esce, si trova con decine di recensioni positive in pochi giorni e attira immediatamente l’attenzione. È questione di strategia...

Tra gli scrittori di questo blog, già Angelo Gavagnin ci ha raccontato la sua esperienza.
Personalmente, all’auto-pubblicazione mi sono rivolta due volte: la prima per inesperienza, la seconda a ragion veduta. Infatti, quando ho scritto il mio primo romanzo e non conoscevo né CE non a pagamento né altri autori, e la prima via potabile per mettere in commercio il mio libro è stata l’auto-pubblicazione. Ma siccome, dicevo, non avevo né mezzi, né esperienza, il risultato non è stato un successo. In realtà, da quell'esperienza ho imparato comunque molto...
Sconsiglio vivamente ai neo-scrittori di pubblicare un self esclusivamente in versione cartacea, come ho fatto io la prima volta. È la morte del libro. Il self publishing che può aspirare ad avere successo è un ebook: costa poco, se è in promozione magari non costa nulla, e si diffonde velocemente. Invece è più difficile immettere sul mercato un libro cartaceo che costa 15 o 16 euro se sei un perfetto sconosciuto e non hai nemmeno una CE alle spalle. Inoltre, le piattaforme come Lulu.com e Amazon hanno dei costi di spedizione proibitivi per i libri in self, dato che spesso vengono stampati in altri continenti, e questo disincentiva ogni tipo di acquisto. Senza considerare che un autore che compra i suoi stessi libri su Lulu.com, vede lievitare i costi di spedizione man mano che ordina un numero maggiore di copie.
Per non parlare della diffusione dei cartacei nelle librerie: è un argomento spinoso anche per i libri editi dalle piccole CE, ci sarebbe da scrivere un articolo a parte. Tra le piattaforme self, solo Youcanprint offre una distribuzione anche in 4.500 librerie fisiche.
Oggi come oggi, per ovvi motivi, le piattaforme puntano principalmente sulla lettura di ebook e testi digitali, anzi, qualcuno è già andato oltre.


Fairbooks non è solo una piattaforma, ma anche una community. Ha messo a disposizione una App per scaricare gratuitamente i libri su qualunque dispositivo mobile.
Il portale funziona con un sistema di pubblicità proporzionale alle ore di lettura impiegabili per leggere un romanzo . Pubblicità che permette agli autori di avere un guadagno e al lettore di poter continuare a leggere gratuitamente”, spiega Diego di Fairbooks. Gli autori possono acquistare servizi di grafica e traduzioni, ma anche collaborare con altri utenti per avere e dare gli stessi servizi. Per i lettori scaricare libri è sempre gratis.



La seconda volta che mi sono rivolta al self è stato per la pubblicazione di “Insieme si può”, la raccolta di racconti per il Comitato Mahmud, attualmente disponibile su Amazon sia in versione cartacea, ma principalmente come ebook. La scelta in questo caso è stata dettata da motivi pratici e dall’esigenza di poter gestire il prodotto personalmente e guadagnarci il più possibile, visto che i proventi erano destinati ai bambini siriani. E poi il nostro non voleva certo porsi sul mercato come un libro commerciale o scalare le classifiche.

Quindi, in conclusione, pubblicare in self publishing presenta pro e contro. Non è detto che “self” sia sinonimo di “costo zero” per l’autore. Se uno vuole proporre al pubblico un prodotto professionale, che si distingua da altri mille-mila libri, deve prendere in considerazione di investire qualche centinaia di euro e oltre per migliorarlo. Ma fatto ciò, godrà in prima persona dei frutti del suo successo.
Comunque ci sono alcuni autori, magari già un po’ noti e smaliziati, che dopo aver pubblicato con piccole CE decidono liberamente di puntare proprio sul self – sull’ebook self – e giocando opportunamente sulle promozioni, sui blog tour e sulla visibilità dei social, riescono a fare diffondere molto bene la loro opera. Talmente bene che a volte una grande CE li contatta e li ripubblica con un marchio noto...
Perché il self, se sfruttato opportunamente, può essere uno splendido trampolino di lancio. Ma per fare ciò, nulla deve essere raffazzonato o lasciato al caso.


di Elena Genero Santoro
Ama viaggiare e conoscere persone che vivono in altri Paesi. Lettrice feroce e onnivora, scrive da quando aveva quattordici anni.
Perché ne sono innamorata, Montag
L’occasione di una vita, ebook Lettere Animate
Un errore di gioventù, 0111 Edizioni
Gli Angeli del Bar di Fronte, 0111 Edizioni.
Il tesoro dentro, 0111 Edizioni.

About Stefania Bergo

Il blog culturale degli scrittori emergenti: letteratura, webmagazine, travel&living, arte, promozioni speciali e servizi editoriali.
    Commenta con Blogger
    Commenta con Facebook

0 commenti:

Posta un commento

Ti siamo davvero riconoscenti per il tempo che ci hai dedicato. Se sei stato bene in nostra compagnia, perché non ci lasci un commento o ci offri un caffè? Grazie!


Novità editoriali

LIBRERIA GLI SCRITTORI DELLA PORTA ACCANTO