• Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scritri della accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto

In primo piano

"Non tutto è come sembra" di Ornella Nalon, recensione di Fiorella Paris

Giallo d’autore, quello di Ornella Nalon. Non una banale spy-story. 

Ma un giallo psicologico che mette in luce il mondo interiore dei protagonisti, costruendo e ri-costruendo la storia di tre omicidi apparentemente senza collegamento tra loro.
E con l’incipit del libro prende il via questo puzzle-caccia all’assassino condotto, magistralmente, dal maresciallo Colucci. Giovanni, o Colucci o maresciallo, il fine e arguto segugio che mal sopporta di esser chiamato dottore: «…mi fai sentire uno sfigato o preso per il culo…».
Giovanni Colucci, come altri suoi illustri predecessori letterari, possiede incredibili capacità deduttive che gli permetteranno di risolvere brillantemente i tre casi di omicidio, apparentemente senza alcuna connessione tra loro. A parte la loro professione di psicologi.
L’autopsia dell’ultimo omicidio, quello di Visconti, letto inizialmente come un incidente stradale convince anche i superiori del Colucci a seguirlo nelle sue indagini. Colucci, infatti, sospetta l’esistenza di un serial killer, che alla fine si paleserà sotto vesti davvero inconsuete.
Il maresciallo Colucci è un uomo a cavallo tra passato e presente. Radici meridionali e solida famiglia alle spalle, si ritrova divorziato e con una figlia, che occupa tutta la sua memoria poetica. Un uomo così, che non difetta in ironia e simpatia, e anche di un ego-centrato e iperdilatato, non può non far fatica a comprendere la psicologia femminile moderna, le sue emozioni, i suoi sentimenti. La storia dei delitti va così di pari passi con l’indagine interiore del maresciallo Colucci che rivelerà alla fine un’anima ben più romantica di quella palesata all’inizio.
Una storia intricata. Un finale sorprendente raccontato con tratto ingegnoso utilizzando la tecnica del segreto e della rimozione psicologica, che fa continuamente salire la tensione e il desiderio di comprendere che cosa sia realmente accaduto.


di Ornella Nalon 
0111 Edizioni | Acquista  
Giallo 
ISBN  978-88-6307-816-9 
cartaceo 14,50€ 
ebook 4,99€ | Amazon 

A bordo di un’auto recuperata in un fiume viene rinvenuta la salma di Giancarlo Visconti, un giovane e rinomato psicologo. La morte sembra accidentale, ma il maresciallo dei Carabinieri Giovanni Colucci ricorda che altri due psicologi dello stesso comune sono morti negli ultimi due anni e comincia a insospettirsi. Convince i suoi superiori a non derubricare il caso come un semplice incidente stradale e si adopera per dimostrare che si tratta di un omicidio. L’autopsia accerta che Visconti non presenta segni di annegamento e che la causa del decesso è dovuta allo sfondamento della scatola cranica per mezzo di un corpo contundente. Ottenuta la conferma dei suoi sospetti, il maresciallo, con l’aiuto della sua piccola squadra, indaga per trovare l’assassino e per stabilire un collegamento tra le morti dei tre psicologi, elemento che suffragherebbe la tesi di un serial killer.
Approfondite e scrupolose indagini volgono a comprovare questa teoria e, da quel momento, la vita di numerose persone sarà passata al setaccio. In apparenza sembrano tutti innocenti, anche se alcuni di loro presentano dei lati oscuri. In questa trama intricata, riusciranno i nostri valenti militari dell’Arma a individuare l’omicida seriale?


Fiorella Paris
Giornalista-tuttologa, per curiosità e necessità professionali. Si è occupata di comunicazione politica nel Consiglio regionale lombardo. Per molti anni notista politica, responsabile della pagina Donna di un settimanale dell’Altomilanese, blogger e testimone dell’evoluzione del femminile plurale nella società.
Quote Rosa in Lombardia, Aracne editrice.
Il presidente e tutte le donne dell'harem, Cavinato Editore.

About Lisi

Il blog culturale degli scrittori emergenti: letteratura, webmagazine, travel&living, arte, promozioni speciali e servizi editoriali.
    Blogger Comment
    Facebook Comment
    G+ Comment

0 commenti:

Posta un commento

Ti è piaciuto questo articolo? Allora faccelo sapere, il tuo feedback è per noi prezioso, grazie!

Gli Scrittori della Porta Accanto Edizioni

"ChiaroScuro", silloge poetica de Gli scrittori della porta accanto

Collana Gli scrittori della porta accanto per StreetLib A dicembre 2016, il gruppo si affaccia all'editoria indipendente, appoggiandos...