• Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scritri della accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto

In primo piano

[Libri] “La Fonte della Creazione” di Roberto Servi, recensione di Nicolò Maniscalco

Libri-La-Fonte-della-Creazione-Roberto-Servi-recensione

La Fonte della Creazione di Roberto Servi, 0111 Edizioni, 2015. Un romanzo a metà tra Spy story, thriller e giallo scientifico, una scoperta in grado di unificare le leggi della fisica. 

Leggendo La Fonte della Creazione” di Roberto Servi, pagina dopo pagina, si è attratti dalla trama che non è per nulla banale, anzi è piuttosto intricata e con molti colpi di scena
Inizialmente si rimane un po’ frastornati dalle spiegazioni scientifiche ma, con il trascorrere dei capitoli, si comprende il significato solo all'apparenza complesso. 
Dalla nascita della fisica moderna, quella di Einstein e di Hawking, tanto per citarne un paio, gli scienziati cercano una teoria che possa unificare le leggi che regolano l’infinitamente piccolo (la meccanica quantistica) con quelle che regolano il cosmo (la relatività generale). 
La dottoressa Mary Costello fa una scoperta in questa direzione ma scienziati “invidiosi” e gente di malaffare si uniscono per metterle i bastoni tra le ruote e appropriarsi della sua scoperta. 
Tutto si svolge in un susseguirsi di azioni e colpi di scena più vicini alla spy story che al giallo. L’ultimo colpo di scena restituisce al romanzo la sua componete thriller e al lettore la soddisfazione di aver proseguito verso il finale senza interruzioni, perché la storia cattura l’attenzione fin dall'inizio e immerge il lettore in un’atmosfera molto vicina a quella cinematografica. 
I personaggi sono ben caratterizzati e la storia, nonostante gli aspetti per certi versi fantascientifici, è molto credibile
È un romanzo adatto a tutti ma soprattutto agli appassionati, come me, dei gialli scientifici.

recensione-di-la-fonte-della-creazione

La Fonte della Creazione

Nei laboratori dell'Institute for Advanced Study di Princeton, la giovane ricercatrice Mary Costello si imbatte, al termine di una simulazione al computer sui sistemi complessi, in una sorprendente scoperta relativa alla Teoria del Caos, dalle ripercussioni immani e potenzialmente distruttive. 
Per lei sarà l'inizio di una serie imprevedibile di conseguenze, che metteranno a repentaglio la sua vita e quella delle persone a lei care e che, al termine di una fuga precipitosa che la condurrà all'altro capo dell'Atlantico, la costringeranno ad affrontare le sue peggiori paure. 
Dalla Teoria del Tutto, che Einstein per primo tentò di formulare, a quella delle Stringhe, ritenuta oggi la principale candidata a dipanare i misteri della creazione del cosmo, attraverso speculazioni avveniristiche da molti esperti ritenute possibili, si sviluppano i temi di questo thriller scientifico. Un thriller, ambientato in varie parti del mondo, tra cui l'Italia, che terrà il lettore con il fiato sospeso fino all'ultimo capitolo.

di Roberto Servi | 0111 Edizioni | Thriller, Giallo
ISBN 978-8863078978 | cartaceo 15,50€ | ebook 4,99€ Acquista

Nicolò-Maniscalco

Nicolò Maniscalco
L'infinita quantità dei suoi hobbies li rende assolutamente non tutti elencabili, tra questi: l'Agility Dog, che pratica con i suoi amati Border Collie, e la lettura di libri e fumetti.
Dopo anni d’indecisione, inizia a scrivere un po' per gioco un po’ per mettersi alla prova.
Il Labirinto della Memoria, Zerounoundici Edizioni.
Nucleo operativo A5, Selfpublished.

About Lisi

Il blog culturale degli scrittori emergenti: letteratura, webmagazine, travel&living, arte, promozioni speciali e servizi editoriali.
    Commenta con Blogger
    Commenta con Facebook

0 commenti:

Posta un commento

Ti siamo davvero riconoscenti per il tempo che ci hai dedicato. Se sei stato bene in nostra compagnia, perché non ci lasci un commento o ci offri un caffè? Grazie!

Breaking News

Dal nostro archivio

La Giornata Internazionale delle bambine e delle ragazze, per dire basta alle spose bambine, una rivoluzione (arancione) necessaria, di Stefania Bergo

Oggi si celebra in tutto il mondo la V Giornata Internazionale delle bambine e delle ragazze . Una giornata di sensibilizzazione, per il d...