• Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scritri della accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto

In primo piano

[Musica] Bruce Springsteen, il Boss, lo storyteller dell'Altramerica "born to run", di Ornella Nalon

BRUCE-SPRINGSTEEN




BRUCE SPRINGSTEEN

23 settembre 1949
Rock

31 Album
5 Live
8 Raccolte

I miti della musica: Bruce Springsteen, lo storyteller.  I suoi testi, una sorta di grande romanzo americano.

Bruce Frederick Joseph Springsteen è nato il 23/09/49 nel New Jersey da una famiglia della cosiddetta working class. La madre aveva origini partenopee. 
The Boss, come è sempre stato soprannominato, è uno degli esponenti più rappresentativi e autorevoli della musica rock, anzi, per essere più precisi, dell'heartland rock, uno stile musicale che ha assorbito diversi elementi della musica folcloristica statunitense e contraddistinto dall'immediatezza comunicativa, nonché dal garage rock degli anni sessanta.
È considerato una sintesi tra Elvis Presley e Bob Dylan. Due eminenti figure del genere che lui stesso ha ammesso di avere preso a modello, in età giovanile. Tuttavia in alcune sue produzioni si incontrano anche elementi riconducibili alla musica folk, country, hard rock e blues rock
Come lo stesso Dylan, anche Bruce è considerato uno storyteller (narratore). Ciò che racconta, con una forte carica evocativa, sono le dinamiche sociali statunitensi, le «diverse facce dell'America, compresi i suoi aspetti maledetti, la sua parte di sconfitta», offrendo uno spaccato della grandezza e delle contraddizioni della società statunitense. 
Ritenuto un eminente osservatore della realtà del suo paese, ha assunto una certa autorevolezza anche in campo politico. Negli anni duemila ha partecipato attivamente al dibattito politico negli Stati Uniti, appoggiando le campagne presidenziali di John Kerry e di Barack Obama.
La mia musica ha sempre voluto misurare la distanza tra la realtà e il sogno americano. 
born-in-the-usa
Springsteen è noto inoltre per il suo sostegno a numerose iniziative di carattere sociale e per il suo impegno a favore dello sviluppo del suo Stato d'origine, il New Jersey, nonché per essere l'ispiratore di un movimento di rinascita dopo gli eventi dell'11 settembre ai quali ha dedicato l'album "The rising", facendosi sentire dopo sette anni di silenzio discografico. 
I suoi testi sono stati oggetto di studio poiché sono stati avvicinati alla grande letteratura e considerati una sorta di grande romanzo americano. Difatti, i suoi brani, pur essendo ambientati in luoghi a lui familiari o tratti direttamente dalla sua esperienza, presentano vicende non necessariamente autobiografiche, in cui il musicista assume spesso la funzione di voce narrante
Tra l'altro, rimanendo in campo letterario, all'artista sono stati dedicati numerosi libri biografici, saggi di critica e tesi universitarie, superando in questo tanto Bon Dylan quanto Elvis Presley.
In più di quarant'anni di carriera (per la maggior parte accompagnato dalla E Street band) ha venduto circa 120 milioni di dischi nel mondo, 65 milioni di solo nel suo paese.
Ha ricevuto innumerevoli riconoscimenti, tra cui un Oscar alla migliore canzone sul film Philadelphia di Jonathan Demme con il brano "Streets of Philadelphia", ben venti Grammy, e l'onorificenza del Kennedy Center Honor, che gli è stata attribuita per il suo contributo alla diffusione della cultura statunitense nel mondo.



Fra i suoi album di maggior successo si annoverano Born to Run, Darkness on the Edge of Town, The River e Born in the U.S.A.
Nel luglio del 2013 è stato distribuito nelle sale cinematografiche il film-documentario Springsteen & I, prodotto da Ridley Scott, che documenta la vita e la carriera di Bruce Springsteen attraverso gli occhi e il racconto dei suoi fan in tutto il mondo.

Bruce-Springsteen-E-Street-band

Burn to run è il titolo di uno dei primi album di Bruce Springsteen e ora anche della sua autobigrafia, pubblicata a settembre in contemporanea mondiale.

born-to-run-autobiografia


di Bruce Springsteen
Mondadori | Autobiografia
ISBN 978-8804669326
ebook €9,99
cartaceo €19,55

Il 27 settembre 2016, in contemporanea mondiale, è uscita l’autobiografia di Bruce Springsteen dal titolo Born to Run, edita per l'Italia da Mondadori
Bruce Springsteen ha lavorato alla sua autobiografia nel corso degli ultimi sette anni. In Born to Run racconta la sua giovinezza a Freehold, nel New Jersey, tra poesia, pericolo e buio, elementi che hanno alimentato la sua immaginazione. 
Scrivere di se stessi è una cosa curiosa, ma in un progetto come questo lo scrittore fa una sola promessa, quella di svelare al lettore la propria mente. È quello che ho cercato di fare in queste pagine» scrive nel suo libro e poi, ancora:  «La città da cui vengo è piena di piccoli impostori, e io non faccio eccezione. A vent’anni non ero un ribelle che sgommava con le auto da corsa, ma un chitarrista per le strade di Asbury Park, già membro a pieno titolo di quella categoria di personaggi che 'mentono' al servizio della verità... gli artisti con la 'a' minuscola. Avevo però quattro assi nella manica: la gioventù, quasi dieci anni di dura gavetta sui palchi dei bar, un valido gruppo di musicisti locali ben sintonizzati con il mio stile e una storia da raccontare. 
"Siamo molto fieri di essere gli editori italiani di Born to Run - fa sapere Alberto Gelsumini, responsabile editoriale della Mondadori Libri - un'autobiografia ben scritta, accurata ed esaustiva, che copre ogni momento significativo della vita e della carriera del Boss. Ciascuna pagina ha il suono di una canzone e il libro nel suo complesso ha il ritmo e la potenza di un concerto rock. Una lettura imperdibile per i fan di Springsteen".

Burn-in-the-USA-live





Ornella Nalon
I miei hobby sono: il giardinaggio, la buona cucina, il cinema e, naturalmente, la scrittura, che pratico con frequenza quotidiana. Scrivo con passione e trasporto e riesco a emozionarmi mentre lo faccio. La mia speranza è di trasmettere almeno un po’ di quella emozione a coloro che leggeranno le mie storie.
Quattro sentieri variopinti”, Arduino Sacco Editore
Oltre i Confini del Mondo”, 0111 Edizioni
Ad ali spiegate”, Edizioni Montag
Non tutto è come sembra”, da 0111 Edizioni.

About Lisi

Il blog culturale degli scrittori emergenti: letteratura, webmagazine, travel&living, arte, promozioni speciali e servizi editoriali.
    Commenta con Blogger
    Commenta con Facebook

0 commenti:

Posta un commento

Ti siamo davvero riconoscenti per il tempo che ci hai dedicato. Se sei stato bene in nostra compagnia, perché non ci lasci un commento o ci offri un caffè? Grazie!

Breaking News

Dal nostro archivio

La Giornata Internazionale delle bambine e delle ragazze, per dire basta alle spose bambine, una rivoluzione (arancione) necessaria, di Stefania Bergo

Oggi si celebra in tutto il mondo la V Giornata Internazionale delle bambine e delle ragazze . Una giornata di sensibilizzazione, per il d...