• Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scritri della accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto

In primo piano

[Professione lettore] Comunicazione Aumentativa Alternativa: in-book e scatole narrative per lettori in difficoltà, di Lara Zavatteri

Comunicazione-Aumentativa-Alternativa-in-book-scatole-narrative

In-book, scatole narrative, audiolibri: tanti modi di leggere, per persone disabili, autistiche o con difficoltà nella comunicazione.

Leggere un libro per la maggior parte delle persone non implica difficoltà, ma per chi è affetto da disabilità o ha difficoltà nel linguaggio o nella comunicazione (come gli autistici) può diventare un ostacolo insormontabile.
Oggi con la Comunicazione Aumentativa Alternativa (CAA) si può leggere un libro grazie a strumenti che ne facilitano la comprensione, in modo semplice, divertente e adatto sia ai bambini sia agli adulti. Due esempi sono gli in-book e le scatole narrative.

Gli in-book.

Gli in-book sono libri realizzati su misura che, grazie alla traduzione in simboli della storia, rendono piacevole la lettura a chi altrimenti avrebbe difficoltà nel seguire una narrazione. 
Il lettore segue con il dito i simboli mentre una persona legge la storia dal libro, così da comprenderla meglio e associare il simbolo alla parola corrispondente, sia udita sia scritta. 
Gli in-book si stanno diffondendo anche nelle biblioteche, così che, da un lato queste letture possono essere pensate all'interno della struttura ma un educatore può anche decidere di prendere in prestito il libro e leggerlo insieme alla storia “originale” comodamente a casa, con il bambino o la persona affetta da qualche tipo di difficoltà interpretativa. Leggere e ascoltare diventa così anche un momento di condivisione.

caa-in-bookcaa-in-book-erickson


Le scatole narrative.

Su questa lunghezza d'onda sono anche le scatole narrative, vere e proprie scatole di cartone che vengono riempite con gli oggetti più significativi di una storia, così da utilizzarli sempre per rendere più comprensibile la narrazione, in questo caso con l'ausilio di oggetti magari anche piacevoli al tatto (possono essere fatti di stoffa, di legno o altri materiali) e belli esteticamente, così da invogliare la persona con disabilità a seguire meglio la storia.

Scatola-narrativa-caaScatola-narrativa

Sono due esempi di come, con gli strumenti adatti, le persone che presentano diffcoltà nell'interpretazione dei testi o disabilità mentali, possano leggere e comprendere un libro, senza essere escluse da questo mondo magico e meraviglioso. 
Anche gli audiolibri ovviamente si possono inserire in questi strumenti. Un audiolibro è adatto a tutti, non solo a persone che convivono con un handicap, ma naturalmente diventano qualcosa di speciale ad esempio per chi non vede o ha problemi di vista e in questo modo, ascoltando la storia, può accedere a un ampio catalogo di libri, sia per adulti sia per bambini, anche se, in Italia, ancora non siamo ai livelli di altri Paesi per quanto riguarda il commercio di questa tipologia di libri.
Leggere è un piacere e può e deve esserlo per tutti.


Lara Zavatteri
Classe 1980, vive e lavora nel paese di Mezzana in val di Sole (Trentino). Iscritta all'Ordine nell'elenco dei pubblicisti dal 2000, scrive articoli di cultura, ambiente e attualità locale. È anche blogger e autrice di libri.
Guardando le stelle, Un cane di nome Giuliano, Risparmia Subito!Amici per sempreCuor di Corteccia, Sopravvissuti, Youcanprint.
Reset, Photocity.it.
La strada di casa, Edizioni del Faro.

About Stefania Bergo

Il blog culturale degli scrittori emergenti: letteratura, webmagazine, travel&living, arte, promozioni speciali e servizi editoriali.
    Commenta con Blogger
    Commenta con Facebook

0 commenti:

Posta un commento

Ti siamo davvero riconoscenti per il tempo che ci hai dedicato. Se sei stato bene in nostra compagnia, perché non ci lasci un commento o ci offri un caffè? Grazie!

Breaking News

Dal nostro archivio

La Giornata Internazionale delle bambine e delle ragazze, per dire basta alle spose bambine, una rivoluzione (arancione) necessaria, di Stefania Bergo

Oggi si celebra in tutto il mondo la V Giornata Internazionale delle bambine e delle ragazze . Una giornata di sensibilizzazione, per il d...