• Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scritri della accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto

In primo piano

Femminicidio e solidarietà: 4 iniziative letterarie per combattere la violenza di genere, di Loriana Lucciarini

Femminicidio-solidarieta-violenza

Donne per le donne, ecco il filo conduttore di questi progetti letterari. Donne, autrici, che hanno provato a confrontarsi con una tematica dolorosa e difficile: la violenza di genere.

Violenza fin troppe volte silenziosa, consumata tra le mura di casa. Ma anche violenza sottesa, quella che fin troppo spesso molte donne si ritrovano a dover combattere, nei luoghi di lavoro, nelle situazioni quotidiane. E poi la violenza brutale e omicida, quella che colpisce quasi ogni giorno una di noi e che se la porta via, una voce spezzata e senza più storie e emozioni da raccontare.
Tanti sono i modi in cui la violenza di genere si esplica e tante sono le voci che si sono unite per denunciarla. Un grido corale, fatto di carta e inchiostro, che in tante scrittrici hanno deciso di levare in alto, per fare in modo che non ci sia più il silenzio omertoso che avvolge nelle sue spire la vita delle donne che vivono sotto le maglie di un uomo violento. Per spezzarlo, questo silenzio figlio e complice della paura.
I volumi che vi presentiamo hanno la caratteristica di essere scritti da collettivi di autrici e autori e di devolvere il ricavato delle vendite a progetti di sostegno e autoaiuto per donne vittime di violenza.


1) 4 PETALI ROSSI. Frammenti di storie spezzate.

4-PETALI-ROSSI
Troppe volte ci sono storie che non vengono raccontate.
Parole imbrigliate sotto strati spessi di silenzi che non trovano la forza di trasformarsi in gridi acuti e disperati.
Le labbra restano serrate e ferite, a volte sanguinano come l’anima e il cuore, altre volte si sollevano appena in un impeto coraggioso ma poi tremano forte e si richiudono, senza riuscire ad emettere nessuno dei suoni distorti che mascherano un’angosciante verità.
Sono storie abortite, che non nasceranno mai e che anzi, spesso, portano alla morte: sono le storie delle donne vittime di violenze.
Per provare a dare forza e voce ad alcune di loro abbiamo deciso di realizzare questo progetto per dare voce alle donne, anche quelle che non ce l'hanno più e accendere una piccola luce, in quel buio opprimente che troppe volte, e ormai quasi ogni giorno, colpisce silenziosamente e si porta via una donna come noi.
L'antologia solidale destinerà parte del ricavato delle vendite al centro antiviolenza BeFree per il progetto “Casa delle donne nella Marsica”.


di A. Berna, M. Coppola, S. Devitofrancesco, L. Lucciarini | Arpeggio Libero | Racconti
cartaceo 14,00€  Acquista

Petali Rossi devolve l'intero ricavato alla cooperativa sociale BeFree di Roma, che gestisce centri antiviolenza e servizi SOS h24 all'interno di alcune strutture nella capitale. Recentemente BeFree ha aperto una casa rifugio nel cuore della Marsica e 4 Petali Rossi ha legato il suo progetto (quattropetalirossi.wordpress.com) a questa iniziativa concreta, per supportare un luogo dove le donne maltrattate possano rifugiarsi, insieme ai propri figli, per ricostruirsi nell'animo e creare un futuro diverso, fatto di speranza.
Il centro antiviolenza BeFree è una cooperativa sociale che da anni sta “sul campo” nei luoghi in cui più forti e drammatici appaiono gli esiti di vicende fortemente segnate da abusi, maltrattamenti, violazioni dei diritti umani. Lavora su Roma e gestisce i seguenti centri/servizi:
  • centro antiviolenza “Donatella Colasanti e Rosaria Lopez”;
  • sportello Donna dell'ospedale San Camillo-Forlanini;
  • spazio Donna WeWord a San Basilio;
  • sportello per le donne lesbiche vittime di violenza.
Gestiva anche l'SOS H24 a Roma (chiuso dalla giunta capitolina di recente).
Il volume, uscito a fine 2015 e presentato al festival di Caffeina 2016, ha già ottenuto un ottimo successo di vendite e di interesse, arrivando a coinvolgere realtà locali e associazionismo per nuove iniziative legate al tema della violenza di genere e del femminicidio.

LE STORIE
Bella da rubare - Arianna Berna
Bella da rubare: uno scatto fotografico compromettente può costare caro. Gaia toccherà con mano l’umiliazione di essere esposta al pubblico, perché utilizzata a sua insaputa come testimonial di una campagna pubblicitaria, mettendo in crisi le relazioni affettive e compromettendo la sua immagine.
Il coraggio di raccontare - Loriana Lucciarini
Lo stupro etnico nella ex Jugoslavia, durante la guerra dei Balcani, è quello che ha segnato per sempre la vita di molte donne; ma è proprio grazie alla testimonianza di molte di loro che, nel 2001, il Tribunale internazionale dell’Aja ha condannato lo stupro di massa come crimine contro l’umanità. Questa è la storia di Selina, di Hasa, di Adila e di tante altre, vittime della violenza della guerra.
L’equilibrio perfetto - Monica Coppola
Il passato che ti segna. Il passato che si dimentica. Il passato che ritorna. Una bambina che diventa donna mentre ombre indefinite attanagliano la luce del presente proprio nel momento in cui la voglia di vivere rinasce da un amore inaspettato, improvviso. Assolutamente perfetto. Troppo, forse, per essere reale. Questa è la storia di Anne e dei suoi fantasmi…
Una gabbia di vita - Silvia Devitofrancesco
Alba è una giovane come tante. Ragazza semplice e sognatrice, lavora in una panetteria. Sarà proprio lì tra panini e dolci che la giovane incontrerà un uomo che le farà perdere la testa. L’uomo perfetto, pronto a regalarle attenzioni fino a quando…




2) EVA NON È SOLA

EVA-NON-SOLA
Eva non è sola” è un progetto contro la violenza e il femmincidio. Trenta autori, da ogni parte d’Italia, si sono uniti attraverso la passione per la scrittura e la problematica sociale trattata, e hanno dato vita a un’antologia che raccoglie 23 racconti e sette poesie. Fra gli stessi ci sono anche Presidenti di Commissioni Pari Opportunità, rappresentanti delle forze dell’ordine ed esperti nel campo delle Politiche Sociali.
Racconti di: Gabriele Andreani, Roberta Andres, Sabrina Abeni, Rossella Assanti, Simona Barba, Monica Brandiferri, Coralba Capuani, Simona Colaiuda, Franca De Angelis, Maria Pia Di Nicola, Laura Fioretti, Martina Galvani, Lucia Guida, Manuela Leonessa, Lorena Marcelli, Annarita Petrino, Carlo Porrini, Fernanda Pugliese, Maria Adelaide Rubini, Daniela Vasarri, Bianca Cataldi, Corinne Savarese
Poesie di: Caterina Silvia Fiore, Caterina Lattanzi, Roberto Mestrone, Andreina Moretti, Elisabetta Bagli, Elisabetta Bagli, Vittorio Verducci, Barbara Villa.

di AA. VV. | Selfpublished | Racconti e Poesie
ASIN B01MCZA302 | ebook 2,99€  Acquista

Antologia corale con la partecipazione di autrici e autori sul tema. I proventi saranno ripartiti per sostenere tre centri antiviolenza abruzzesi. Il progetto è stato ideato e curato dalla scrittrice Lorena Marcelli (www.facebook.com/antologiacontrolaviolenzadigenere). L'antologia è stata presentata ufficialmente il 25 novembre a Roseto degli Abruzzi.




3) LE PAROLE, IL CUORE, LE IDEE PER FERMARE LA VIOLENZA

Dopo 4 Petali rossi, le 4writers (Arianna Berna, Monica Coppola, Silvia Devitofrancesco e Loriana Lucciarini) hanno deciso di continuare l’opera di sensibilizzazione sul tema creando un nuovo progetto: “Le parole, il cuore, le idee per fermare la violenza” (quattropetalirossi.wordpress.com).
L'idea è quella di realizzare una campagna ad hoc contro la violenza di genere che sarà lanciata nei primi mesi del 2017 sui social network. Per poterla finanziare è stato organizzato un omonimo concorso letterario, utile a selezionare autori e storie d'impatto emotivo, per la realizzazione di un ebook, le cui vendite saranno proprio destinate a tal fine.
Il 25 novembre sono stati annunciati i vincitori del concorso e ha avuto inizio la fase 2, che prevede la realizzazione del volume, edito da Le Mezzelane.

4-writers

Il Progetto prevede, quindi, due fasi:
  1. Il concorso letterario omonimo, svoltosi su mEEtale nel 2016, che ha visto la partecipazione di 34 meetalers da tutta Italia: un modo per dar voce a storie di violenza e a farlo nel modo in cui questa community sa meglio fare: scrivere!
  2. La Campagna di sensibilizzazione sui social network (twitter, facebook, instagram…), che prevederà slogan a effetto per la trattazione del tema della violenza e del femminicidio, creato ad hoc per comunicare attraverso i social network. La campagna sarà avviata a metà 2017 grazie alla raccolta fondi e sarà supportata e diffusa nel web anche da mEEtale.
Per raccogliere i fondi necessari a sponsorizzare la campagna di sensibilizzazione, sarà possibile acquistare alcuni gadget:
  • l’ebook nato dal concorso, che conterrà i dieci racconti più belli e che sarà messo in vendita su mEEtale al costo simbolico di 2€;
  • le virtual card, ogni cartolina avrà il costo di 1€ e contribuirà a finanziare la campagna (card 1, card 2card 3card 4card 5);
  • il kit ebook+virtual card, per un sostegno maggiore, al costo di 3€.


4) LA PELLE NON DIMENTICA

Vogliamo occuparci di un problema che affligge la nostra umanità: il femminicidio,le violenze domestiche perpetrate, lo stupro. È una piaga infetta, un neo maligno, un carcinoma di quelli che non perdonano. Brutture di una vita che dovrebbe essere tenuta, invece, su un palmo della mano come una porcellana preziosa.
progetto La pelle non dimentica - lapellenondimentica.wordpress.com

LA-PELLE-NON-DIMENTICA

Il concorso letterario omonimo, organizzato assieme all'associazione culturale Euterpe e svoltosi sulla community di scrittura mEEtale, vuole dar voce alle persone che sono sensibili a questo argomento. Alla fine del concorso, verranno pubblicate due antologie, una di racconti e l'altra di poesie, e il ricavato della vendita, tolte le spese vive di pubblicazione con Le Mezzelane, andrà a favore di un'associazione che si occupa della violenza sulle donne.
Le antologie sono in fase di impaginazione, pronte per essere mandate in stampa e presentate il 18 di dicembre a Santa Maria Nuova, nel corso di un evento conviviale. Per prenotazioni e maggiori info: lapellenondimentica.wordpress.com.





Loriana Lucciarini
Impiegata di professione, scrittrice per passione. Spazia tra poesia e narrativa. Molte pubblicazioni self e un romanzo “Il Cielo d'Inghilterra” con Arpeggio Libero. E' l'ideatrice e curatrice delle due antologie solidali per Arpeggio Libero, la prima di favole per Emergency “Di favole e di gioia” nonché autrice con la fiaba “Si può volare senza ali” e la seconda di “4 Petali Rossi – frammenti di storie spezzate”, racconti contro il femminicidio per BeFree. E' fondatrice e admin di “Magla-l'isola del libro”

About Stefania Bergo

Il blog culturale degli scrittori emergenti: letteratura, webmagazine, travel&living, arte, promozioni speciali e servizi editoriali.
    Commenta con Blogger
    Commenta con Facebook

0 commenti:

Posta un commento

Ti siamo davvero riconoscenti per il tempo che ci hai dedicato. Se sei stato bene in nostra compagnia, perché non ci lasci un commento o ci offri un caffè? Grazie!

Breaking News

Dal nostro archivio

La Giornata Internazionale delle bambine e delle ragazze, per dire basta alle spose bambine, una rivoluzione (arancione) necessaria, di Stefania Bergo

Oggi si celebra in tutto il mondo la V Giornata Internazionale delle bambine e delle ragazze . Una giornata di sensibilizzazione, per il d...