• Il sogno dell'isola, Tamara Marcelli - Gli scrittori della porta accanto
  • Ponsacco-Los Angeles Sulle tracce di Bruce Springsteen, Valentina Gerini (Mainstream) - Gli scrittori della porta accanto
  • Con la mia valigia gialla, Stefania Bergo (Memoir) - Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Volevo un marito nero, Valentina Gerini (Romance) - Gli scrittori della porta accanto
  • La notte delle stelle cadenti, Valentina Gerini (Romance) - Gli scrittori della porta accanto
  • Perchè ne sono innamorata, Elena Genero Santoro, Gli scrittori della porta accanto
  • Chiaroscuro, Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • L'appetito vien leggendo - Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Diventa realtà, Elena Genero Santoro, Gli scrittori della porta accanto
  • Immagina di aver sognato, Elena Genero Santoro, Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Il cielo d Inghilterra, Loriana Lucciarini - Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Il sogno di Giulia, Claudia Gerini (Romance) - Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scritri della accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Una felicità leggera leggera, Loriana Lucciarini - Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto

In primo piano

La morte è solo l'inizio del viaggio verso una nuova vita, di Angelo Gavagnin

morte-vita-anima-mistico

Ci sono viaggi lenti, a piedi, e altri più lunghi, che attraversano interi continenti. Ma ce n'è uno che non possiamo scegliere, perché è obbligatorio: il viaggio della nostra anima, quello che ci porterà alla nostra prossima vita. 

Molte volte abbiamo parlato di viaggi. Veloci o lenti, nei due modi tra loro più lontani possibile, in aereo o a piedi, basta scegliere.
Mi viene un’ulteriore riflessione: ci aspetta anche un viaggio obbligato, lo dovranno fare tutti, anche i più pigri...
Faccio una premessa. A me non è mai piaciuto il modo con il quale affrontiamo alcuni concetti che pensiamo negativi e/o dispregiativi, e che, per questo motivo, nominiamo in modo fantasioso e anche ridicolo. Non mi piace, ad esempio, “diversamente abile” in sostituzione di disabile o handicappato, “non vedente” anziché usare il vocabolo giusto che esiste ed è cieco. Come se a un mio amico che pesa 140 chili, dicessi che è diversamente magro: viva dio, è ciccione e lo sa benissimo e la prende pure con simpatia. Perciò, non mi piace neppure il termine "fine vita" per dire semplicemente morte. In Occidente, abbiamo perfino paura di nominarla, pensate a quanto sia ridicolo, tenendo condo che sia inevitabile, che ci arriveremo tutti.
"Fine vita" è particolarmente sbagliato e inadatto a descrivere la morte, perché suppone che sia appunto la fine del viaggio di noi tutti. Il momento della morte è, invece, da considerarsi come un cambiamento, semplicemente l'inizio di un ulteriore fondamentale viaggio della nostra anima (coscienza, consapevolezza, energia, chiamatela come volete): lasciata finalmente libera di migrare, verso un nuovo stato, verso la nostra prossima vita. 


Tra la morte e la nuova rinascita c'è ancora un viaggio importante e decisivo, altroché vacanza, un vero viaggio avventuroso e anche pericoloso. 

La morte ci fa entrare in una realtà che in effetti pochi fortunati riescono poi a ricordare e gestire nel modo migliore. Nella nostra nuova forma, eterea e di pura energia, cominciamo a vagare passando da corridoi luminosi (alcuni che tornano dal coma li descrivono così), dentro i quali entriamo e che ci conducono verso le nostre prossime scelte ed esperienze.
Sembra un viaggio minore questo che ci porta da una vita che finisce ad una che comincia, ma è invece un viaggio importante, le scelte che faremo in questo tratto di spazio-tempo, saranno fondamentali per il nostro futuro essere felici o infelici, evoluti o incoscienti, addirittura umani, o animali senza libero arbitrio. Dipenderà da quali vibrazioni e da quali luci seguiremo, se saremo attratti dall'amore o spinti dalla paura, senza peraltro conoscere entrambe, ma solo perché il nostro vecchio essere, che abbiamo appena abbandonato, si era riempito l'anima dell'uno o dell'altra. Possiamo sceglierci luogo, tempo, genitori e anche universo dove atterrare, non c’è solo quello che noi conosciamo e del quale ci ricordiamo.
Tutti siamo già stati e ancora andremo in quel mondo di transito, dove corpo e coscienza si sono separati, non bisogna avere paura, andrà ancora tutto bene, siamo sempre noi, anzi siamo proprio noi. Niente paura dunque, niente a quel punto potrà farci male, potremo viaggiare tranquilli, goderci i ricordi della vita appena vissuta e verificare dove siamo pronti ad andare.
Auguroni e Buon Viaggio, dunque. Quando sarà il momento.

Angelo-gavagnin

Angelo Gavagnin
Ho lavorato al Porto di Venezia, un lavoro che mi lasciava periodi di libertà che ho usato per viaggiare in Thailandia, Malesia, Sri Lanca, ma anche Cuba e Santo Domingo. Sono stato varie volte in India. Ho conosciuto il Maestro Indiano Osho e ho assistito alla sua cremazione tra canti e balli. Sono diventato papà all'età nella quale di solito si diventa nonni e così sono finiti i viaggi e mi è venuta voglia di scrivere.
Non sono nato e mi sento molto bene, IlMioLibro.

About Valentina Gerini

Il blog culturale degli scrittori emergenti: letteratura, webmagazine, travel&living, arte, promozioni speciali e servizi editoriali.
    Commenta con Blogger
    Commenta con Facebook

0 commenti:

Posta un commento

Ti siamo davvero riconoscenti per il tempo che ci hai dedicato. Se sei stato bene in nostra compagnia, perché non ci lasci un commento o ci offri un caffè? Grazie!


Novità editoriali

LIBRERIA GLI SCRITTORI DELLA PORTA ACCANTO