• Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scritri della accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto

In primo piano

[Libri] "Benvenuti in paradiso" di Gianpaolo Balsamo e Palma Lavecchia, recensione di Ornella Nalon

Benvenuti-in-paradiso-Balsamo-Lavecchia-recensione

Benvenuti in paradiso di Gianpaolo Balsamo e Palma Lavecchia, self published, 2017. Pregi e difetti dei pugliesi: ironia, cliché e amore incondizionato per la bellissima Puglia. 

Pregi e difetti raccontati attraverso le forti e grottesche personalità e le liti furiose di due impresari di pompe funebri che si fanno una concorrenza spietata tra loro. 
Da una parte c'è Teresa Piacentini, proprietaria della ditta “Premiate onoranze Piacentini”, procace vedova cinquantenne che ha chiamato i suoi figli come due dei suoi amati protagonisti della soap opera Beautiful, di cui, ovviamente, è fanatica. Si veste prediligendo uno stile piuttosto appariscente, meglio se firmato da uno stilista italiano noto per non essere propriamente sobrio. È di carattere forte, impetuosa e mordace e ci mette un niente a imporre il suo volere anche con le vie di fatto. 
Dall'altra parte, Gianni De Paolis, coetaneo della rivale, titolare dell' ”Ultima dimora srl", alla quale ha dedicato tutta la sua vita, sacrificando se stesso e la famiglia.
Come è facile immaginare, non conosceva orari, giorni di festa o periodi... morti. 
È tendenzialmente meno sanguigno della collega, la quale, tuttavia, riesce a portarlo all'esasperazione, facendo emergere in lui i peggiori istinti. 
I loro negozi sarebbero attigui se non ci fosse la piccola bottega del ciabattino Michele, detto Chelìn a dividerli. Personaggio che conosceremo soltanto attraverso l'unica frase che dice, «Ahooo… a vuleit fernèsc? E madonn…», quando proprio non ne può più di sentire i suoi vicini di bottega dirsene di tutti i colori. Eppure, sarà proprio il mite e quasi invisibile Chelìn, seppur involontariamente, a essere l'artefice di una svolta epocale nei rapporti dei contendenti
A movimentare la vicenda vi sono altri personaggi di contorno i quali, anche se di marginale importanza, contribuiscono a rendere più completa la gamma dei cliché sul meridione: Don Peppino, il parroco di paese che tutto sa e tutto vorrebbe controllare, l'altrettanto informatissimo della vita paesana, il Maresciallo Mancuso e i due fratelli consiglieri comunali Savino e Gustavo Traffichini, il cui cognome è del tutto chiarificatore della peculiarità del loro operato. 
Gli autori Gianpaolo Balsamo e Palma Lavecchia hanno dimostrato come si possa ridere e scherzare anche su un argomento serio e delicato come la morte, quando l'approccio con la stessa è garbato e rispettoso, evidenziando quanto l'ironia e l'autoironia abbiano la funzionalità di mitigare e sdrammatizzare ogni vicenda. 
Molto bello anche il messaggio positivo che si può desumere dalla parte finale del testo che, tuttavia, mi riservo di non rivelare poiché potrebbe pregiudicarne la sorpresa. Questo per asserire che non sempre è necessario essere seri per esprimere seri concetti.

Benvenuti-in-paradiso

Benvenuti in Paradiso

Benvenuti in Paradiso racconta la crescente ostilità tra due impresari di onoranze funebri concorrenti - e peraltro adiacenti - che escogiteranno ogni possibile sistema per annientarsi a vicenda, fino a quando un evento del tutto inaspettato modificherà per sempre il loro destino. 
A fare da sfondo a questa divertente commedia, adatta a ogni tipo di pubblico, una straordinaria terra di Puglia, con tutta la ricchezza di colori, di paesaggi e di sapori che la rendono decisamente unica. 
"Teresa e Gianni sono i due curiosi personaggi usciti fuori dalla fervida fantasia di un Giornalista e di una donna Ufficiale dei Carabinieri. Nelle loro esistenze parallele ma intersecanti, spesso burrascose, trionfa all'improvviso il sole. Il sole della Puglia."
(Al Bano Carrisi) 


di G. Balsamo e P. Lavecchia | Self Publishing | Mainstream, Commedia
ISBN 889264825X | ebook 1,49€ | Cartaceo 9,78€ 

Ornella-Nalon

Ornella Nalon
I miei hobby sono: il giardinaggio, la buona cucina, il cinema e, naturalmente, la scrittura, che pratico con frequenza quotidiana. Scrivo con passione e trasporto e riesco a emozionarmi mentre lo faccio. La mia speranza è di trasmettere almeno un po’ di quella emozione a coloro che leggeranno le mie storie.
Quattro sentieri variopinti”, Arduino Sacco Editore
Oltre i Confini del Mondo”, 0111 Edizioni
Ad ali spiegate”, Edizioni Montag
Non tutto è come sembra”, da 0111 Edizioni.

About Lisi

Il blog culturale degli scrittori emergenti: letteratura, webmagazine, travel&living, arte, promozioni speciali e servizi editoriali.
    Blogger Comment
    Facebook Comment
    G+ Comment

0 commenti:

Posta un commento

Ti è piaciuto questo articolo? Allora faccelo sapere, il tuo feedback è per noi prezioso, grazie!

Gli Scrittori della Porta Accanto Edizioni

"ChiaroScuro", silloge poetica de Gli scrittori della porta accanto

Collana Gli scrittori della porta accanto per StreetLib A dicembre 2016, il gruppo si affaccia all'editoria indipendente, appoggiandos...