• Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scritri della accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto

In primo piano

[Libri] "Una felicità leggera leggera" di Loriana Lucciarini, recensione di Elena Genero Santoro

Una felicità leggera leggera, di Loriana Lucciarini, recensione - Cover: copertina e dandelion

Una felicità leggera leggera, di Loriana Lucciarini, Le Mezzelane, 2017. Il diario di un amore, la forza di una donna che ritrova la sua indipendenza emotiva.

Il nuovo romanzo di Loriana Lucciarini è la storia dell'inizio di un amore in cui molte donne si riconosceranno.
L'espediente narrativo utilizzato dall'autrice è l'impostazione diaristica ed epistolare con cui i protagonisti, soltanto due, Miriam e Yair, mostrano al lettore lo svolgersi degli eventi attraverso i loro stessi pensieri.
È tutto un rincorrersi e un lasciarsi andare, un cedere alla passione e un ritrarsi, tra un'incertezza e un pentimento, fino all'epilogo finale.
Le premesse non sono semplici: Miriam è sola con tre figli maschi. È vedova? Separata? Non lo sappiamo. Le condizioni al contorno sono appena accennate. Non conosciamo cosa facciano nella vita i nostri due protagonisti, intuiamo solo che lavorano insieme. Il romanzo si concentra solo sui loro reciproci sentimenti senza scendere in dettagli, senza calare la vicenda in un contesto specifico. Proprio per questo la storia acquista universalità, come anche il messaggio che ci lascia.
Yair ha una moglie disabile e una figlia piccola. Ed è attratto da Miriam, che conosce da otto anni, che a parte tutto è una sua amica, ma per via della sua situazione famigliare non riesce a lasciarsi andare.
Come si può conquistare "una felicità leggera leggera", allora?
La felicità arriva quando la donna ritrova la sua forza, la sua indipendenza emotiva. Quando ha il coraggio di andare dritta per la sua strada lasciando l'uomo da solo a meditare su quanto stia perdendo. 
Non importa che lui ritorni sui suoi passi. Se lo fa, meglio ancora. Se non accade, pazienza.
Questo è il messaggio universale e sublime che si coglie tra queste pagine che si lasciano bere, leggere leggere, come una gazzosa ad agosto.

Una felicità leggera leggera - Copertina

Una felicità leggera leggera

Una donna piena di sfumature.
Un uomo chiuso nel suo mondo grigio e spento.
Due cuori che s'incontrano trasformando la solitudine in colore.
Ma fino a che punto l'amore può diventare la ragione per tradire? Quanto i legami e le paure possono impedire a Miriam di raggiungere quel pezzo di cielo che tanto desidera?
Un romanzo intenso e delicato, capace di scavare a fondo nell'anima, restituendoci squarci di emozioni inchiostrate di parole.


di Loriana Lucciarini | Le Mezzelane | Romance
ISBN 9788899964153 | ebook 2,99€



Elena Genero Santoro

Elena Genero Santoro
Ama viaggiare e conoscere persone che vivono in altri Paesi. Lettrice feroce e onnivora, scrive da quando aveva quattordici anni.
Perché ne sono innamorata, Montag.
L’occasione di una vita, Lettere Animate.
Immagina di aver sognato, PubGold.
Un errore di gioventù, 0111 Edizioni.
Gli Angeli del Bar di Fronte, 0111 Edizioni.
Il tesoro dentro, 0111 Edizioni.

About Elena Genero Santoro

Il blog culturale degli scrittori emergenti: letteratura, webmagazine, travel&living, arte, promozioni speciali e servizi editoriali.
    Blogger Comment
    Facebook Comment
    G+ Comment

0 commenti:

Posta un commento

Ti è piaciuto questo articolo? Allora faccelo sapere, il tuo feedback è per noi prezioso, grazie!

Gli Scrittori della Porta Accanto Edizioni

"ChiaroScuro", silloge poetica de Gli scrittori della porta accanto

Collana Gli scrittori della porta accanto per StreetLib A dicembre 2016, il gruppo si affaccia all'editoria indipendente, appoggiandos...