• Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scritri della accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto

In primo piano

"ChiaroScuro", silloge poetica de Gli scrittori della porta accanto

"ChiaroScuro", silloge poetica de Gli scrittori della porta accanto

Collana Gli scrittori della porta accanto per StreetLib

A dicembre 2016, il gruppo si affaccia all'editoria indipendente, appoggiandosi alla piattaforma StreetLib, per lanciare una propria collana di pubblicazioni collettive e di singoli autori.
La collana Gli scrittori della porta accanto raccoglie una selezione di libri inediti o seconde edizioni sottoposte a un accurato editing. Appartengono alla collana anche tutte le pubblicazioni collettive de Gli scrittori della porta accanto, come la raccolta di racconti illustrati Un racconto per capello, la raccolta di ricette ispirate ai libri L'appetito vien leggendo, la raccolta di poesie dedicate ai papà Caro papà… Le parole non dette e Storie inventate in un giorno di pioggia, che racchiude tutti i nostri inediti d’autore pubblicati fino a marzo 2017 sul sito www.gliscrittoridellaportaaccanto.com.







CHIAROSCURO

CHIAROSCURO 

Autori: Stefania Bergo, Ilaria Biondi, Valentina Gerini, Francesca Gnemmi, Loriana Lucciarini, Tamara Marcelli, Vincenzo Mirra, Renata Morbidelli, Silvia Pattarini,  Liliana Sghettini, Samantha Terrasi, Emanuele Zanardini
Editore:  StreetLib
Collana: Gli scrittori della porta accanto
Genere: Silloge, Poesia
ASIN: B075N4B55Z

Silloge pubblicata in occasione dell'evento del 30 settembre 100 Thousand Poets for Change.


Costo Ebook: 0,49€ 
StreetLib
Amazon








In natura le sfumature sono infinite, così come i colori. Poi c’è una terra di mezzo, il chiaroscuro, quel luogo in cui tutto si confonde un po’, dove un tono fa spazio ad un altro, in un rincorrersi di emozioni cromatiche. È lì che si annida l’Arte, in una piega poco scoperta di un sentimento.
In natura i sentimenti umani sono infiniti, così come i mezzi per raffigurarli, per cantarli, per scriverli, per leggerli, per dipingerli con tonalità ed enfasi più o meno marcati.
In un susseguirsi di luci e ombre, corrono via veloci le parole, i gesti, e come per un pittore il segno che lasciamo su questa terra può essere più o meno visibile, comprensibile, assimilabile.
Così nascono le poesie, nell’estremo tentativo di lasciare un segno, un ricordo di sé, un pensiero per qualcuno, un grido di dolore, un canto di gioia nell’effimera intenzione di afferrare un attimo, un sogno, un piccolo spazio di tempo che non tornerà più.
Le poesie che seguono rappresentano quel tentativo. Lo sforzo emotivo di artisti che hanno da dire qualcosa. Sovrapponendo tonalità chiare, in luce, e scure, in ombra. Passando armoniosamente dalla disperazione alla speranza, dalla tristezza alla felicità. E viceversa.
Così come per il chiaroscuro, tecnica pittorica che attraverso la modulazione sapiente di luci e ombre, riesce a rendere la realtà di una data emozione, descrivendone così i dettagli, le particolarità e accentuandone o sfumandone i confini. Confini labili tra sentimenti spesso contrastanti, come nella Poesia.
Il gioco di luci e ombre che si sussegue sembra un gioco di volumi pieni o vuoti, un rincorrersi di sentimenti saturi o lievi, come nella Vita. Il contrasto, l’alternanza continua di luci e ombre, le infinite variazioni che si annidano tra una pennellata e l’altra, così nella Musica, in Teatro, nelle opere letterarie, nei giorni. In noi.
Nella civiltà greca apparve per la prima volta il chiaroscuro, con Apollodoro, definito il “pittore delle ombre”. Leonardo da Vinci la rese una “sfumatura”, Michelangelo Buonarroti lo utilizzò per staccare violentemente una figura dal fondo, dall’insieme. In ogni caso si percepisce un viaggio, un andare oltre la superficialità dell’ovvio. Danzare lentamente o freneticamente, ma danzare, passando da un tono all’altro.
Il tono altro non è che una caratteristica del colore, quella che indica quanta luce ha dentro.
Immergersi nei toni significa quindi farsi solleticare da emozioni di luce diversa, più o meno scintillante, piacevole o pungente. Un bagno di luce e ombre, questo vuole essere questo libro, affinché ogni buon estimatore della Poesia e delle emozioni in genere possa lasciarsi andare e farsi cullare da una melodia sempre diversa.
Perché la Poesia è anche abbandonarsi. A se stessi.
(dalla prefazione di Tamara Marcelli)

About Stefania Bergo

Il blog culturale degli scrittori emergenti: letteratura, webmagazine, travel&living, arte, promozioni speciali e servizi editoriali.
    Blogger Comment
    Facebook Comment
    G+ Comment

0 commenti:

Posta un commento

Ti è piaciuto questo articolo? Allora faccelo sapere, il tuo feedback è per noi prezioso, grazie!

Gli Scrittori della Porta Accanto Edizioni

"ChiaroScuro", silloge poetica de Gli scrittori della porta accanto

Collana Gli scrittori della porta accanto per StreetLib A dicembre 2016, il gruppo si affaccia all'editoria indipendente, appoggiandos...