Gli scrittori della porta accanto

Recensione: One Step Closer, di Jeff Blue

Recensione: One Step Closer, di Jeff Blue

Libri Recensione di Rosanna Costantino. One Step Closer: Dagli Xero alla vetta: la storia dei Linkin Park, di Jeff Blue (Il Castello Editore), tradotto da Giuseppe Ciotta. Dagli esordi difficili agli attimi cruciali nella scalata al successo della band, raccontati dal manager e produttore che li ha scoperti, con la prefazione di Samantha Bennington.

I fan dei Linkin Park conoscono bene la storia che li ha portati al successo e attraverso quanti rifiuti siano passati prima di poter ascoltare le loro canzoni in radio. La sanno perché la band ne ha parlato più volte in questi 23 anni, un po’ per dover smentire le voci che li descrivevano come finti e costruiti a tavolino, e un po’ per un moto di orgoglio e soddisfazione per una gavetta che li ha fortificati nella loro personale identità.

Brad Delson, Mike Shinoda, Dave Farrell, Joe Hahn, Chester Bennington e Rob Bourdon sono sei ragazzi normalissimi di Los Angeles che fin dall’inizio vogliono diventare delle rock star.

Seguendo la loro passione per la musica e la necessità di comunicare qualcosa di importante ai propri coetanei.
Rileggere questa storia dal punto di vista di chi li ha condotti per mano nell’industria musicale emoziona e coinvolge.
Jeff Blue, il manager e produttore che li ha scoperti, ha pubblicato un libro nel 2020, dal titolo One Step Closer. From Xero to #1: Becoming Linkin Park in cui fotografa gli esordi difficili della band; dal primo divertente incontro con il suo stagista/chitarrista Brad Delson, alla famosa prima telefonata con un giovane cantante molto promettente dell’Arizona di nome Chester Bennington, fino all’esplosione di Hybrid Theory.

Per i fan italiani è ora disponibile in libreria, nella traduzione di Giuseppe Ciotta, One Step Closer. Dagli Xero alla vetta: la storia dei Linkin Park, edito da Il Castello Editore per Chinasky Edizioni, con in copertina purtroppo solo i due frontman, Mike Shinoda e Chester Bennington.

Il libro è stato tradotto e curato brillantemente dall’autore Giuseppe Ciotta, il quale, tra le altre cose, ha scritto In Catene - I Giorni di Layne Staley e gli Alice In Chains. Questa curiosa coincidenza mi riporta alla prima volta in cui ho ascoltato l’intensa e potente voce di Chester Bennington che a tratti mi ricordava proprio quella del compianto cantante di Seattle, Layne Staley. Secondo Ciotta stesso, Chester può essere considerato «l’ultima voce grunge, sebbene i Linkin Park siano altra cosa», e per il suo compagno di band, Mike Shinoda: «Un minuto prima è Dave Gahan dei Depeche Mode e il minuto dopo è Layne Staley», per la sua incredibile versatilità, sa essere, infatti, vellutata ma anche ruvida. Chester Bennington si può considerare un ponte tra le generazioni grunge e quelle del nuovo millennio, il nuovo che strizza l’occhio al passato più recente con riconoscenza e ammirazione. È una fusione tra la disperazione, la sofferenza e l’inquietudine del rock (ma senza la dannazione e gli eccessi) quando la sua voce è rabbiosa, e la speranza e la redenzione quando è più morbida e carezzevole.


Ritornando ai fatti raccontati da Blue, leggendo One Step Closer si ha la sensazione di seguire una narrazione molto accurata e minuziosa.

Con tanto di date e nomi, come in un diario o come se stessimo sfogliando un album fotografico in cui sono impressi attimi cruciali nella scalata al successo dei Linkin Park e dello stesso autore.
Tra incontri fortunati, occasioni sfumate, eclatanti fallimenti, coincidenze messe in piedi dal destino, la costante lotta di Blue e degli Xero, diventati poi Hybrid Theory e infine Linkin Park, si svolge proprio sotto ai nostri occhi. Mentre vengono rifiutati più volte dalle etichette discografiche, sviluppano il proprio potenziale artistico dando sempre il meglio di se stessi e affinando uno stile distintivo.

In più punti si sorride e in altri ci si commuove.

Come quando assistiamo alle crisi personali di Chester, tra un passato doloroso e un presente difficile da gestire: la mancanza di una stabilità economica, una nuova vita proiettata in un futuro incerto tutto da costruire, sempre inseguendo un sogno fatto di riscatto e rinascita.
Contemporaneamente a tutto questo, sboccia come cantante e rock star insieme ai cinque compagni diventati poi la sua nuova famiglia. Presto però le strade con Jeff Blue si dividono e il libro si conclude proprio con In the end, brano simbolo del gruppo e del nuovo millennio.


L’autore, però, ci lascia con una profonda riflessione sul successo dei Linkin Park che va ben al di là dei dischi d’oro e dei concerti sold out.

Lo capisce quando scorge negli occhi dei fan scintille di vita e di gioia. È una band che sa parlare al proprio pubblico, sa toccare le corde giuste e lasciare pezzi di sé nell’anima di chi li ascolta. Una band che «ha aiutato milioni di persone a trovare una ragione per vivere».


One Step Closer
Dagli Xero alla vetta: la storia dei Linkin Park

di Jeff Blue
traduzione di Giuseppe Ciotta
Il Castello
Biografia | Non-fiction
ISBN 978-8827603918
Ebook 10,99€
Cartaceo 20,90€

Quarta

Dal punto di vista unico della persona che li ha scoperti, “One Step Closer” rivela l’incredibile storia di un gruppo che, sopravvissuto a innumerevoli rifiuti, ha superato le aspettative di tutti ed è diventato la voce di una generazione.
Questa vicenda parte dagli albori dei Linkin Park: la loro prima demo, gli instancabili sforzi per perfezionare quel suono così particolare, la scoperta di un giovane e incasinato cantante di Phoenix (Arizona) di nome Chester Bennington, la lunga corsa verso la vetta delle classifiche.
Il giovane editore musicale Jeff Blue, aspirante discografico, era lì con loro quando nessun altro credeva nel gruppo, e questo è il suo ricordo di quell’incredibile viaggio. Avvincente e stimolante, il libro è una testimonianza di perseveranza, nonché un resoconto dettagliato - da dietro le quinte - della costruzione di un sogno e di ciò che serve per realizzarlo.
Ma l’autore non si ferma al fortunato esordio e, con grande tenerezza, giunge fino al tragico epilogo rappresentato dalla morte di Bennington.

Con prefazione di Samantha Bennington



Rosanna Costantino


Ti siamo davvero riconoscenti per il tempo che ci hai dedicato. Se sei stat* bene in nostra compagnia, che ne dici di iscriverti alla NEWSLETTER SETTIMANALE per restare sempre aggiornat* sui nostri argomenti? Oppure potresti offrirci UN CAFFÈ o sostenerci acquistando i GADGET ispirati ai nostri libri. Te ne saremmo davvero grati!
Oppure potresti lasciarci un commento per farci sapere che ne pensi di questo articolo, il tuo feedback è davvero importante per noi.
NB: Gli autori non sono responsabili per quanto pubblicato dai lettori nei commenti ad ogni post. Tuttavia, verranno cancellati i commenti ritenuti offensivi o lesivi della immagine o della onorabilità di terzi, razzisti, sessisti, spam o che contengano dati personali non conformi al rispetto delle norme sulla Privacy e, in ogni caso, ritenuti inadatti a insindacabile giudizio degli autori stessi.

About Gli Scrittori della Porta Accanto

Il webmagazine degli scrittori indipendenti.
0 commenti

Posta un commento

<< ARTICOLO SUCCESSIVO
Post più recente
ARTICOLO PRECEDENTE >>
Post più vecchio
Home page

Parole chiave


Pubblicità
Prenota il tuo viaggio in Repubblica Dominicana




Libri in evidenza