• Gli scrittori della porta accanto
  • Il tempo di un caffè, di Silvia Pattarini - Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Mwende, Stefania Bergo (Memoir) - Gli scrittori della porta accanto
  • Racconti, Gratis, Natale, Gli scrittori della porta accanto
  • Il sogno dell'isola, Tamara Marcelli - Gli scrittori della porta accanto
  • Ponsacco-Los Angeles Sulle tracce di Bruce Springsteen, Valentina Gerini (Mainstream) - Gli scrittori della porta accanto
  • Con la mia valigia gialla, Stefania Bergo (Memoir) - Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Volevo un marito nero, Valentina Gerini (Romance) - Gli scrittori della porta accanto
  • La notte delle stelle cadenti, Valentina Gerini (Romance) - Gli scrittori della porta accanto
  • Perchè ne sono innamorata, Elena Genero Santoro, Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Chiaroscuro, Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • L'appetito vien leggendo - Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Diventa realtà, Elena Genero Santoro, Gli scrittori della porta accanto
  • Immagina di aver sognato, Elena Genero Santoro, Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Di donne, di amori e di altre catastrofi (Romance ironico) - Andrea Pistoia, Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Il cielo d Inghilterra, Loriana Lucciarini - Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Il sogno di Giulia, Claudia Gerini (Romance) - Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Lungo la via Francigena, di Angelo Gavagnin - Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scritri della accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Una felicità leggera leggera, Loriana Lucciarini - Gli scrittori della porta accanto
  • Una grande amicizia, Liliana Sghettini - Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto

Da Marie Curie a Freddie Mercury: storie di migranti

Da Marie Curie a Freddie Mercury: storie di migranti

Di Claudia Gerini. Da Marie Curie a Freddie Mercury: storie di migranti che hanno cambiato la storia o anche solo la loro vita. Grazie alla loro disperata fuga in cerca di un mondo migliore.

Coloro che sono passati per l’esperienza della tortura
-e io sono fra quelli-
sono in genere restii a parlare del tema
per una questione elementare di pudore,
ma nessuno tace
quando si tratta di denunciare
quella riga del comportamento umano
e le canaglie che inducono a praticarla.

Luis Sepulveda, scrittore cileno costretto all’esilio

Lasciano le proprie case nella speranza di trovare, in un posto lontano e tanto diverso da quelli che conoscono, un futuro migliore. Alcuni scappano dalla guerra e dalle bombe che fischiano ogni giorno sopra le loro teste, altri da fame e carestie, altri da regimi politici totalitari dove la libertà dell’individuo non è neanche contemplata. Hanno la speranza di trovare un luogo più accogliente, magari un lavoro e una casa o semplicemente pace. Affrontano viaggi rocamboleschi, spendendo i risparmi di un vita, affidandosi a volte a veri e propri trafficanti di schiavi moderni che lucrano sullo scambio di esseri umani anziché di merci.
Quando finalmente mettono piede in quella che nei loro sogni rappresenta la terra promessa, trovano spesso ancora sofferenze, umiliazioni. Insomma la loro strada è sicuramente in salita.

Leggi anche Popoli e migranti

Additati e a volte considerati come la causa di ogni problema, devono, oltre che cercare di ricostruire la propria vita, pezzo per pezzo, anche dimostrare che sono persone, come tutti gli altri. Molti ci riescono. Mattone dopo mattone, si creano una nuova vita, integrandosi nel paese in cui sono andati vivere, trovando un lavoro e una casa. Altri continuano a vivere di stenti, cercando di dimostrare che non sono “l’uomo nero” di cui aver paura, e magari maledicendo il giorno in cui, per il sogno di una vita migliore, hanno lasciato il proprio paese.
Altri ancora, invece, ce la fanno.

Ci sono molti profughi e migranti che, anche nel corso della storia, hanno davvero trovato una vita migliore, magari hanno avuto successo oppure si sono distinti per doti particolari.

Guardando indietro nel tempo ecco alcuni immigrati che hanno fatto la storia.
Anche ai giorni nostri ci sono stati dei rifugiati e immigrati che possono dire di avercela fatta. Alcuni si sono distinti nello sport, nella musica e nella scrittura.

ALBERT EINSTEIN
Nato nel 1879 ad Ulma, cambiò spesso residenza per problemi economici e visse a Monaco, Pavia, Berna e poi a Milano. Ma nel 1933 si spostò negli Stati Uniti per sfuggire alle persecuzioni naziste contro gli ebrei. Divenuto un fisico e uno scienziato famoso anche per la sua teoria sulla relatività.

Leggi anche Lo zio Albert

ENRICO FERMI
Scienziato italiano, sposato con un ebrea, emigra negli Stati Uniti nel 1938 per sfuggire alle leggi razziali. Le sue ricerche sulla scissione dell’atomo furono determinanti per la realizzazione della bomba atomica.

JOSEPH PULITZER
Immigrato ungherese negli Stati Uniti, divenne editore e giornalista. Fondò quello che tutti i giornalisti aspirano a vincere: “il premio Pulitzer”.

MARIE CURIE
Emigrata in Francia dalla Polonia vinse due volte il premio Nobel e fu la prima donna a insegnare alla Sorbona.

OSCAR DE LA RENTA
Emigrato da Santo Domingo in Europa e poi negli Stati Uniti, divenne una delle icone della moda internazionale.

RIGOBERTA MENCHU TUM
Nata in Guatemala da una famiglia contadina, fu coinvolta nel Comitato per l’Unità dei contadini, un gruppo di protesta che difendeva i loro diritti. Nel 1991 lasciò il Guatemala, dopo l’uccisione e la tortura di alcuni membri della famiglia. Nel 1992 ottenne il premio Nobel per la pace.
Ci sarà cura per tutti
Ho attraversato la frontiera
carica di dignità
porto al fianco la bisaccia piena
di tante cose
di questa terra piovosa.
Porto i ricordi millenari di Patrocinio,
i sandali che sono nati con me
l’odore della primavera
l’odore dei muschi
le carezze dei campi di mais
e i gloriosi calli dell’infanzia.
Ho attraversato la frontiera amore
tornerò domani quando
la mamma torturata
tesserà un altro guipil multicolore
quando il papà bruciato vivo
si alzerà di nuovo presto
per salutare il sole
dai quattro cantoni della nostra casa.
Allora ci sarà cura per tutti,
ci sarà incenso
le risate dei piccoli Indios,
ci saranno allegre marimbas.
Accenderanno lumi in ogni casa,
in ogni fiume
per lavare la grande pentola
al mattino.
Si accenderanno le torce,
illumineranno le strade,
i dirupi, le rocce e i campi.

Rigoberta Menchu, tratto da “Un continente desaparecido” di Gianni Minà, Sperling Paperback, 2000

JAN KOUM
Nel 1992 lasciò l’Ucraina per la California. È diventato famoso per aver fondato WhatsApp, “cambiando” la vita a milioni di persone.

BETO PEREZ
Emigrato dalla Colombia a Miami, ha fondato l’impero della Zumba Fitness divenuta famosa a livello mondiale.

FREDDIE MERCURY
Tutti sanno che Freddie non era nato in Inghilterra ma a Zanzibar. I genitori, indiani, si trovavano a Zanzibar per motivi di lavoro. Nel 1964 si trasferì con la famiglia nel Regno Unito a causa della rivoluzione che portò alla nascita della Tanzania. Con i Queen è diventato uno dei miti assoluti della musica mondiale. Ancora oggi le sue canzoni e la sua voce fanno sognare migliaia di persone.



THE SHOW MUST GO ON
Empty spaces – what are we living for
Abandoned places – I guess we know the score
On and on
Does anybody know what we are looking for
Another hero another mindless crime
Behind the curtain in the pantomime
Hold the line
Does anybody want to take it anymore
The show must go on
The show must go on
Inside my heart is breaking
My make-up may be flaking
But my smile still stays on
Whatever happens I’ll leave it all to chance
Another heartache another failed romance
On and on
Does anybody know what we are living for
I guess I’m learning
I must be warmer now
I’ll soon be turning round the corner now
Outside the dawn is breaking
But inside in the dark I’m aching to be free
The show must go on
The show must go on – yeah
Ooh inside my heart is breaking
My make-up may be flaking
But my smile still stays on
Yeah, oh oh oh
My soul is painted like the wings of butterflies
Fairy tales of yesterday will grow but never die
I can fly – my friends
The show must go on – yeah
The show must go on
I’ll face it with a grin
I’m never giving in
On with the show
I’ll top the bill
I’ll overkill
I have to find the will to carry on
On with the
On with the show
The show must go on, go on, go on, go on, …

GODFRED DONSAH
Arrivato su un barcone dieci anni fa con il padre, che da clandestino ha svolto i lavori più umili come il raccoglitore di pomodori. Il figlio, a 15 anni, tenta la carriera calcistica. Oggi, grazie al suo talento e a una buona dose di fortuna, è un promettente calciatore del Bologna.

YUSRA MARDINI
Scappata dalla Siria con la sorella, durante la traversata dalla Turchia alla Grecia, sopra un’improbabile imbarcazione, si tuffa in mare, con la sorella e un’altra ragazza e nuota trascinando letteralmente la piccola barca a riva, salvando di fatto la vita alle persone che vi erano stipate sopra. Yusra si è tuffata perché è una nuotatrice e ha dimostrato la sua bravura alle olimpiadi di Rio de Janeiro del 2016, portabandiera del Team dei Rifugiati.


SAMUEL STORM
Dopo nove mesi di viaggio è arrivato in Italia, in Sicilia. Ha trovato persone che hanno creduto in lui e nel suo talento fino ad arrivare al talent show di Rai 2, X Factor, piazzandosi al 4° posto.



PAP KHOUMA
Immigrato nel 1984 dal Senegal è ormai un italiano a tutti gli effetti. Pap è uno scrittore ed è iscritto all’albo dei giornalisti stranieri. Ha pubblicato nel 1990 “Io venditore di elefanti”, nel 2005 “Nonno Dio e gli spiriti danzanti” e nel 2010 “ Noi neri Italiani”. In particolare questo suo ultimo lavoro tratta il tema del razzismo in Italia e cosa significhi oggi essere neri in questo paese, raccontando una serie di storie, scritte in prima persona in forma di lettere ad un giudice. Le storie parlano di come, oggi più che mai, i neri, per molti italiani, siano una razza inferiore, forti del fatto che, guidati da ignoranza, ottusità e, appunto, razzismo, gli italiani considerino italiano solo chi è bianco.
È un libro che lascia una grande amarezza, con vicende che si vorrebbe credere inverosimili e che invece accadono, negli stadi ma anche per strada, in qualsiasi luogo.
Un italiano bianco non vivrà e non capirà mai la rabbia che provano gli italiani neri. Io ho la mamma italiana e non ho mai avuto problemi di documenti, però la rabbia viene creata dall'occhiata sospetta che senti su di te quando entri in un negozio; il taxi che non ti prende da una certa ora; se non sei vestito bene in certi luoghi rischi di essere considerato un criminale; quando ti siedi vicino a una signora o una ragazza, lei subito sposta la borsa; quando prendi la metropolitana con i tuoi amici bianchi, chiedono il biglietto soltanto a te. Quando ti chiedono: "Da dove vieni?" E tu rispondi: "Da Milano". Cominciano a chiederti: "Allora dove sei nato?" Dici: "A Milano!". "Ma tua mamma?". "È italiana!" "E tuo padre?" "Mio padre è senegalese". "Allora, tu non sei italiano, ma senegalese". Non finisce mai. È come una goccia che continua a cadere sulla testa per tutta la vita. Ti logora e ci vuole tanta energia e consapevolezza per non cadere nella trappola della disperazione. Il messaggio che vorrei darei ai figli della migrazione è di non farsi travolgere dalla rabbia. Sviluppare la propria consapevolezza rispetto a questi strani meccanismi che regolano i rapporti sociali. Ai fratelli bianchi, mi viene da dire che non si può considerare chi non ha il tuo stesso colore, un ospite. Quindi l'ospite non deve chiedere niente. Noi non siamo come la prima generazione di immigrazione degli anni Settanta e Ottanta […] La nostra generazione rifiuta di essere subalterna. Siamo italiani e non stranieri o ospiti. Sono ritornato in Italia, perché non avevo nessuna intenzione di scappare dal mio paese.

Pap Khouma, tratto da “Noi neri italiani, storie di ordinario razzismo”


Queste sono solo alcune delle persone che, lasciando il proprio paese di origine, sono riuscite ad affermarsi o comunque a trovare un nuovo posto da chiamare casa.
Perché dietro a quei volti, a quelle persone che spesso vediamo per strada, al supermercato, davanti a quei lager moderni che chiamano strutture d’accoglienza, ci sono persone, sentimenti, magari talenti o semplicemente storie.

Claudia Gerini

Claudia Gerini
Claudia Gerini nasce a Pontedera negli anni ’70. Completa il liceo linguistico e collabora saltuariamente con un’importante testata giornalistica. Poi abbandona gli studi e le passioni per un impiego fisso. Da più di 15 anni infatti lavora nel reparto gastronomia di un supermercato. Adora la sua famiglia ed è ciò a cui si è ispirata per scrivere questo suo primo romanzo.
Il sogno di Giulia, Lettere Animate.

About Davide Dotto

Il blog culturale degli scrittori emergenti: letteratura, webmagazine, travel&living, arte, promozioni speciali e servizi editoriali.
    Commenta con Blogger
    Commenta con Facebook
0 commenti

Posta un commento

Ti siamo davvero riconoscenti per il tempo che ci hai dedicato. Se sei stato bene in nostra compagnia, perché non ci lasci un commento o ci offri un caffè? Grazie!