• Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scritri della accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto

In primo piano

[Libri] "Il castello errante di Howl" di Diana Wynne Jones, pagina 69 #59

Il-castello-errante-di-Howl-pagina-69

Il castello errante di Howl di Diana Wynne Jones (trad. D. Ventura), Kappalab, 2013. Dalla prima edizione del 1986, il fantasy che ha ispirato il regista giapponese Hayao Miyazaki, candidato al Premio Oscar come miglior film d'animazione nel 2004.

245 pagine | cartaceo 12,75€  Acquista 

Capitolo sette
in cui uno spaventapasseri impedisce a Sophie di lasciare il castello

Solo un attacco particolarmente cattivo di acciacchi e di dolori impedì a Sophie di mettersi in marcia per Market Chipping quella sera stessa.
La sottile pioggia di Porthaven sembrava esserle entrata nelle ossa, e fu costretta a stare sdraiata nel suo angolo, tutta dolorante e preoccupata per Martha. Dopo una serie di riflessioni giunse comunque alla conclusione che tutta la faccenda si poteva risolvere facilmente. Sarebbe bastato, infatti, avvertire la sorella che il suo corteggiatore era in realtà il Mago Howl. Questo l’avrebbe spaventata moltissimo e l’avrebbe indotta a non pensare più a lui. Poi Sophie le avrebbe suggerito il modo più sicuro per liberarsi del pericoloso cascamorto: avrebbe dovuto semplicemente annunciargli che lei si era innamorata di lui. Infine, se ci fossero stati ulteriori problemi, avrebbe potuto anche minacciarlo di sferrargli contro uno stuolo di zie.
Quando la mattina successiva si alzò, Sophie sentì che le sue ossa scricchiolavano ancora a ogni movimento.
“Maledetta Strega delle Terre Desolate!” brontolò rivolta al bastone, mentre lo raccoglieva, pronta a partire.
Sentiva Howl che cantava nel bagno, come se non avesse avuto nessun attacco isterico. In punta di piedi si diresse zoppicando verso la porta, ma Howl uscì dal bagno prima che lei potesse raggiungere l’uscio.
Sophie lo guardò storto. Era tutto azzimato e aveva un tenue profumo di fiori di melo. La luce che entrava dalle finestre faceva luccicare l’abito grigio e scarlatto e produceva un tenue alone rosa attorno ai suoi capelli.
“Penso che i miei capelli stiano piuttosto bene di questo colore.”
“Davvero?” Il tono di Sophie suonava piuttosto polemico.
“Si… S’intona perfettamente con questo vestito. Hai una mano veramente felice con ago e filo; sei riuscita a dare a quest’abito un nuovo tocco di eleganza.”

~ 69 ~

Quarta di copertina
"Il castello errante di Howl" di Diana Wynne Jones.

La giovane Sophie vive a Market Chipping, nel lontano e bizzarro paese di Ingary, un posto dove può succedere di tutto, specialmente quando la Strega delle Terre Desolate perde la pazienza. Sophie sogna di vivere una grande avventura, ma da quando le sorelle se ne sono andate di casa e lei è rimasta sola a lavorare nel negozio di cappelli del padre, le sue giornate trascorrono ancor più tranquille e monotone. Finché un giorno la perfida strega, per niente soddisfatta dei cappelli che Sophie le propone, trasforma la ragazza in una vecchia. Allora anche Sophie è costretta a partire, e ad affrontare un viaggio che la porterà a stipulare un patto col Mago Howl, a entrare nel suo castello sempre in movimento, a domare un demone, e infine a opporsi alla perfida Strega.

Leggi le altre pagine 69:


About Stefania Bergo

Il blog culturale degli scrittori emergenti: letteratura, webmagazine, travel&living, arte, promozioni speciali e servizi editoriali.
    Blogger Comment
    Facebook Comment
    G+ Comment

0 commenti:

Posta un commento

Ti è piaciuto questo articolo? Allora faccelo sapere, il tuo feedback è per noi prezioso, grazie!